Eventi
Comunanza. Una due giorni di festa per l' inaugurazione dell’organo della chiesa di S.Caterina d’Alessandria appena restaurato

L'appuntamento è nel cuore del centro storico di Comunanza, nella Chiesa di S.Caterina d’Alessandria. Una due giorni di festa per l'inaugurazione dell'organo restaurato, gioiello del barocco nelle Marche. Programma che prevede, venerdì 25 settembre alle ore 16, la conferenza stampa e presentazione del libro sull’organo e sul suo restauro moderato dal professor Mauro Ferrante. Sabato 26 invece, sarà la giornata centrale dell'inaugurazione.

 Comunanza. Una due giorni di festa per l' inaugurazione dell’organo della chiesa di S.Caterina d’Alessandria appena restaurato

Il programma di sabato 26 settembre prevede infatti alle ore 10 i saluti delle Autorità (Sindaco di Comunanza , Presidente della Regione Marche e Presidente della Provincia di Ascoli Piceno) e successivamente il convegno a cui parteciperanno maestri organari e Docenti Universitari provenienti da tutta Italia e dall’Estero. Alle ore 12 benedizione e taglio del nastro con la presenza del Vescovo Emerito Mons. Gervasio Gestori seguito da un breve concerto. Nel pomeriggio si riparte all 15,30 con il convegno sul restauro eseguito. Alle 18 la Santa Messa e alle 21 il gran concerto finale dei maestri :Luca Scandali (organo) e Mauro Occhionero (percussioni barocche )

L'organo barocco a due tastiere di Comunanza rappresenta un gioiello per le Marche e non solo.
L’organo è posto sopra l’ingresso in cantoria lignea. Arrivato a Comunanza nel 1827, periodo della ricostruzione della Chiesa Matrice, proveniente dalla Basilica di Loreto.
Riscoperto nel 2003, visitato dai più grandi organologi viventi, lo strumento di Comunanza, è unico nel suo genere, di straordinario interesse e valore, non solo nel quadro dell’arte organaria marchigiana, ma sens’altro di quella italiana, ed addirittura europea. Sono molti i motivi che rendono unico questo strumento: per primo l’antichità e la stratificazione storica, possiede il nucleo originale del XVII° secolo che consiste nella grande tastiera superiore da 62 tasti con controttava e relative canne di facciata ed interne; la seconda tastiera di 54 tasti e relativo corpo d’organo del XVIII° secolo è attribuito a Giovanni e Domenico Fedeli di Camerino;
Il terzo intervento del 1858 del Cioccolani di Cingoli, vide la ridistribuzione delle canne di facciata a cuspide con ali laterali e l’aggiunta di campanelli e grancassa secondo il gusto concertistico del periodo. Sottolineiamo inoltre, che il nostro strumento è tra i pochissimi organi autenticamente barocchi, è anche l’unico con due tastiere e registri da concerto ad ancia e labiali, possiede delle canne antiche, alcune praticamente uniche per foggia come il violoncello a “gladio” e il flauto “Cornuto”. Ma soprattutto ciò che rende prezioso l’organo di Comunanza è il fatto di essere l’unico barocco sopravvissuto, sfuggito alla “distruzione” della scuola organaria veneta, che ha in Gaetano Callido il più grande esponente, proprio perché” reciclato” in un piccolo centro e soggetto all’abbandono conservativo.

Letture:2759
Data pubblicazione : 22/09/2015 11:40
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications