Eventi
A Fermo la grande mostra sul Quattrocento nelle Marche: venerdì 20 l'inaugurazione a San Filippo Neri, visite dal giorno successivo fino al 2 settembre

La Regione Marche e la città di Fermo presentano la mostra "Il Quattrocento a Fermo. Tradizione e avanguardie da Nicola di Ulisse a Carlo Crivelli".

A Fermo la grande mostra sul Quattrocento nelle Marche: venerdì 20 l'inaugurazione a San Filippo Neri, visite dal giorno successivo fino al 2 settembre
La Crocifissione di Vittore Crivelli, una delle opere in esposizione

La bella rassegna, a cura di Alessandro Marchi con Giulia Spina, fa parte del progetto di valorizzazione del patrimonio culturale regionale "Mostrare le Marche", coordinato dalla Regione Marche, che vede un nucleo significativo di mostre in diverse città della regione volte a creare un circuito espositivo di grande respiro culturale. Le mostre raccontano le preziosità del patrimonio artistico di tutte le Marche attraverso la selezione di un considerevole numero di capolavori da riscoprire; tutte le rassegne si svolgono nelle città più belle della regione. Il 20 aprile si inaugurerà la mostra di Ferm, e contestualmente si possono visitare le mostre "Capriccio e Natura" a Macerata, fino al 13 maggio, e "Cola dell'Amatrice" ad Ascoli Piceno, fino al 15 luglio. Il progetto Mostrare le Marche è un'occasione da non perdere per visitare la regione, conoscerne il grande patrimonio storico-artistico e visitare alcune delle più belle città d'Italia.

Iniziamo la presentazione della mostra da alcuni importanti capolavori che saranno esposti a Fermo: il Polittico di Sant'Eutizio di Nicola di Ulisse da Siena, che arriva da Spoleto ed è appena restaurato dopo il terremoto del 2016, il Cristo Risorto, sempre di Nicola di Ulisse, opera visibile solo in mostra poiché il Museo di Castellina da cui proviene è oggi impraticabile, la Madonna in Umiltà con Santa Caterina, Crocifissione, un dipinto di grande pregio di Andrea Delitio, il Polittico di Massa Fermana di Carlo Crivelli, che è la prima opera marchigiana dell'artista veneziano a cui la mostra dedica una notevole sezione insieme ad alcune opere del fratello Vittore. Fra gli oggetti di arte quattrocentesca esposti, come oreficerie o tessuti, c'è poi un gruppo di opere ceramiche: boccali e piatti dell'Officina "Sforzesca" di Pesaro della seconda metà del secolo, fra cui un preziosissimo Boccale con volto di donna a rilievo, un Boccale con decoro alla foglia gotica detta "cartoccio" e un terzo Boccale con stemma dipinto.

La mostra si propone di raccontare un tratto di storia artistica della città di Fermo perduto nell'oblio del tempo. Anzi, vuole evocare qualcosa che non c'è più.
Dopo che nel 1433 Francesco Sforza conquistò le terre della Marca, Fermo diventò la capitale di un nuovo stato. Sull'acropoli fermana si erge la rocca del Girfalco, in cui si insedia la corte sforzesca. Nel 1442 Francesco chiede ai priori di Norcia di inviargli una compagnia di pittori, capeggiata da Nicola di Ulisse da Siena, per decorare le stanze del Girfalco. Di questa impresa non rimane più nulla, perché i fermani, malgovernati dal tiranno romagnolo, dopo la capitolazione "marchigiana" degli Sforza (che da qui puntarono al dominio di Milano e di Pesaro), distrussero completamente la rocca, cancellando per sempre il simbolo della tirannia.


Gli artisti che realizzarono i dipinti murali del Girfalco, Nicola di Ulisse, Bartolomeo di Tommaso da Foligno, Andrea Delitio da Lecce de' Marsi (Abruzzo), Giambono Di Corrado da Ragusa e Luca de Alemania ritornano dunque a Fermo, ovviamente con altre opere, sopravvissute al naufragio del tempo, per evocare in analogia le suggestioni e i fasti quattrocenteschi.
Nella mostra saranno esposte anche opere di artisti locali quali Marino Angeli, Pierpalma da Fermo, Paolo da Visso, che si sono formati e hanno sviluppato i caratteri originali dello stile "appenninico" dei pittori del Girfalco.
Si affiancheranno poi opere di altri pittori, documentati a Fermo negli anni centrali del Quattrocento, accanto a sculture, oreficerie, tessuti, ceramiche e miniature che ancora documentano nella città e nel vasto territorio che la circonda, e che nei secoli da essa è stato dominato, l'imponente fioritura del Quattrocento artistico marchigiano.
La mostra si conclude con opere di Carlo e Vittore Crivelli che, nel 1468, provenendo da Venezia e dopo un soggiorno in Dalmazia, fecero di Fermo il centro della loro splendida pittura.

 

La mostra verrà inaugurata venerdì 20 aprile alle 17:30 e sarà poi aperta dal giorno successivo fino al 2 settembre.

 

La Madonna delle Cantelabre di Massa Fermana

 

Madonna_delle_Candelabre

Letture:1824
Data pubblicazione : 11/04/2018 17:32
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications