Attualità
La Cna Provinciale di Fermo è pronta per il Micam. Il Presidente Silenzi: “A Milano per affrontare una sfida difficile”

Domani si apre il Micam e alla vigilia, il presidente provinciale di Fermo della Cna, Paolo Silenzi, analizza la situazione e parla degli scenari futuri che attendono il settore calzaturiero. “Ci aspettano svalutazione di yen e rublo, budget ridotti e buyer sempre più cauti – è l’analisi di Silenzi - dalla nostra rimane il saper fare e la capacità di realizzare prodotti unici”.

La Cna Provinciale di Fermo è pronta per il Micam. Il Presidente Silenzi: “A Milano per affrontare una sfida difficile”
Il presidente provinciale CNA Fermo, Paolo Silenzi

“L’artigiano si presenterà al Micam come sempre in maniera propositiva, con i prodotti d’eccellenza per cui siamo noti in tutto il mondo e che rappresentano storia, tradizione, cultura e saper fare del nostro territorio. Tuttavia, nonostante l’impegno per la partecipazione alla fiera sia massimo non possiamo fare a meno di considerare alcuni aspetti critici della congiuntura economica attuale, che rendono l’artigiano e il piccolo imprenditore poco sereni”.

A prospettare questo scenario, tutt’altro che roseo è sempre Paolo Silenzi, certo che non si può affrontare la sfida del Micam senza dare uno sguardo ai numeri relativi alle imprese artigiane del comparto calzaturiero: secondo le elaborazioni del Centro Studi Sistema della CNA delle Marche, il 2013 si è chiuso con la metà delle microimprese del settore in difficoltà produttive o di mercato e con solo il 10-15% dei casi in fase di miglioramento; la situazione degli investimenti, inoltre, resta piuttosto grave e, al momento, non sembra destinata a migliorare, dato che riguardano meno del 10% delle imprese e non sono previsti in aumento.

Quindi, ben venga la fiera, ma con gli occhi sempre aperti: “Bisogna prendere atto – prosegue Silenzi - dell’oggettivo calo dei consumi che è oggi una realtà nel nostro Paese e che è necessario tenere ben presente. A questo, nel caso del calzaturiero, dobbiamo aggiungere il cambio sfavorevole di alcune valute estere: in Russia il rublo ha subito una svalutazione del 20%, mentre quella dello yen giapponese è pari al 30%.

Questo determina un calo degli acquisti da parte di quei mercati per noi consolidati e sui quali il calzaturiero punta. Inoltre i budget per gli acquisti si sono ridotti di molto e i buyer non fanno più magazzino, optando soprattutto per acquisti a breve-medio termine”.

Secondo il presidente Silenzi, questi sono gli aspetti che hanno determinato un serio cambiamento nel panorama commerciale del settore calzatura, sia dal punto di vista della vendita che della penetrazione del mercato: “Ecco perché lo spirito con cui l’imprenditore calzaturiero va al Micam è quello di un cauto ottimismo: il contesto economico in cui viviamo ci costringe ad una sfida quotidiana, che mette a dura prova il sistema così come lo conoscevamo ma che ci permette di aprirci a tutte quelle politiche innovative che la CNA sostiene e che oggi devono necessariamente diventare realtà”.

Saranno i calzaturifici “Penelope” (Montegranaro), “Rosina” (Porto Sant’Elpidio) e “Colepio” (Porto Sant’Elpidio) le aziende dell'unione Federmoda che la CNA Provinciale di Fermo porterà, grazie alla collettiva organizzata e sostenuta dall’azienda speciale dell’ente camerale “Fermo Promuove”, al theMicam 2014 di Milano.

In fiera saranno presenti anche quattro delle otto aziende che formano la rete di imprese della CNA di Fermo “Modart”: “Rodà”, “Gianròs”, “Michele Secchiari”, “Bruno Parmigiani”. 

L’artigianato sarà presente anche nello spazio istituzionale allestito dalla Camera di Commercio di Fermo, con Mauro Testella (“Bottega Vasì”, Montegranaro) e la sua linea esclusiva di accessori in pelle per uomo, le creazioni della designer di calzature fermana Cristina Franceschetti e le borse di Arianna Pangrazi (“Aria”, Monte Urano).

Infine, una considerazione anche sul nuovo Governo: “Troppa burocrazia, cuneo fiscale insopportabile, accesso al credito ancora difficile: il 18 febbraio eravamo 80 mila in piazza del Popolo a Roma per farci sentire. Ci aspettiamo risposte definitive, non ci accontenteremo delle promesse”.   

Letture:1826
Data pubblicazione : 01/03/2014 10:09
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications