Attualità
Centrale a Biomasse di Campiglione. Sindacati contro sindacati. Roma contro Fermo. Cianfoni della Fai Cisl nazionale:"Cgil ma cosa dici ?"

"Sconclusionate" così il Segretario generale nazionale della Fai Cisl Augusto Cianfoni ha definito le dichiarazioni dei giorni scorsi della Cgil di Fermo in riferimento alla riconversione dell’ex Zuccherificio Eridania/Sadam. Ormai la reazione a catena è scatenata e non si sa dove andrà a finire.

Centrale a Biomasse di Campiglione. Sindacati contro sindacati. Roma contro Fermo. Cianfoni della Fai Cisl nazionale:

"Quando si ha, verso la democrazia, una proclamata ma non autentica venerazione - afferma il Segretario generale della Fai - accadono cose come quella che ha visto Di Cosmo, Segretario della Cgil di Fermo, ad intervenire come un carro armato nella discussione intorno alla riconversione dell'ex Zuccherificio”.

Quella che si è vanuta a creare è una situazione quanto mai insolita. La posizione della CGIL Fermo di netta contrarietà alla centrale a biomasse di Campiglione con tanto di presa di distante dalla RSU dei lavoratori ex Sadam ha fatto 'sobbalzare' i verdici delle associazioni sindacali nazionali. "Sconfessare - insiste  da Roma Cianfoni segretario generale CISL - con tanta veemenza e con toni così esagitati la RSU rivela una claudicante coscienza democratica proprio in coloro che sempre fecero vessillo della loro cultura assemblearista".

Ad intervenire è anche Claudio Risso Segretario nazionale responsabile del settore saccarifero CISL:"Dire che la Rsu non ha voce in capitolo perchè decaduta - spiega Risso - attesta un evidente nervosismo da cattiva coscienza. Ci domandiamo a quali interessi sia inchinata la Cgil di Fermo. Vorremmo saperlo in un dibattito pubblico a cui coinvolgere cittadini, amministratori e lavoratori ai quali è negato il futuro dal dilagante populismo e da estetici ambientalismi di maniera di coloro che alla bisogna non hanno remore a fare strame della democrazia".

Letture:1840
Data pubblicazione : 10/05/2014 09:46
Scritto da : Paolo Paoletti
Commenti dei lettori
7 commenti presenti
  • delfino

    11-05-2014 17:35 - #7
    Egregio Balenottero Spiaggiato, meglio mangiare mortadella che spendere gli ultimi soldi in medicine. Pensa alla salute!!
  • dario

    11-05-2014 16:37 - #6
    puo' non piacere, oramai la centrale e' realta'!!!!!!!! bisognava svegliarsi prima!!! dove eravate dal 2005 al 2007? quando comune e regione firmavano l'accordo in regione il 27/07/2007? ora tutta propaganda!!!
  • Antonello

    10-05-2014 19:29 - #5
    Forse la CGIL ha solo capito,magari un po' in ritardo, che la salute umana non ha ne colore politico,non appartiene a nessuna sigla sindacale e guarda solo agli interessi vitali di tutti noi.(..).Direi che la faccenda si è protratta anche troppo e le persone sono stufe! Si discuta di alternative valide (Un palazzo del ghiaccio,visto che tanti si spostano per praticare un po' di pattinaggio): Magari organizzare una squadra di hockey,una piscina olimpionica,visto che quella esistente non riesce a contenere tutti.Ciao!!
  • gastone

    10-05-2014 15:10 - #4
    Il segretarii. Della cgil. Probabilmente..ha. una. Formazine. Sindacale..poco. convincente..per. avventurarsi in questioni..PRETTAMENTE..POLITICHE. ..quando. si. Addentra a. Parlare. Di. Ambiente e. Cittadini Quando. Si. Dovrebbe. Occupare. Di. Lavoro...e. di occupazione..
  • daniele

    10-05-2014 14:25 - #3
    Piena solidarietà alla CGIL fermana, ci vuole una bella faccia tosta da parte della CISL per giustificare il loro comportamento contrario al volere dei cittadini, delle Amministrazioni locali, degli enti tecnici che hanno rilasciato una VIA negativa. Perché la CISL non ci spiega quali sono i lavoratori che sta difendendo, visto che degli oltre 100 ex-dipendenti SADAM se ne stanno difendendo ad oggi massimo 30? Perché la stessa non ha speso i soldi dei propri iscritti per fare ricorsi al TAR per altre realtà lavorative che hanno lasciato senza lavoro molti altre persone? Perché la CISL non partecipa ad un dibattito pubblico per spiegare dove saranno i tanto annunciati posti di lavoro visto che il materiale potrà essere importato dall'EST europeo con prezzi più concorrenziali? Perché non viene a spiegarci dov'è la sostenibilità economica di un progetto che si sostiene solo grazie agli incentivi statali? E la sostenibilità ambientale dove la mettiamo? Tutti quesiti a cui la CISL non darà mai risposte se non con comunicati stampa sterili nei contenuti e nel merito della questione.
  • balenottero spiaggiato

    10-05-2014 14:02 - #2
    Di Cosmo vive una realtà diversa da quella che Fermo da alcuni anni vive, la gente acquista sempre meno prosciutto e molta più mortadella questo è sinonimo di una povertà che si sta facendo strada .La cgil nazionale dovrebbe prendere seri provvedimenti verso certi cani sciolti
  • Gabriele

    10-05-2014 11:18 - #1
    Questi signori hanno decisamente una "claudicante coscienza" ambientale: sono l'esempio classico della visione ristretta e miope di chi guarda soltanto agli interessi particolari e dimentica gli interessi generali. Forse è ora che vadano in pensione. Forza Di Cosmo !
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications