Attualità
Legambiente e turismo. Pedaso conquista tre vele. Confermate due vele per Porto San Giorgio e Porto Sant'Elpidio

Ilturismosostenibilee di qualità made in Marche è stato premiato questa mattina in occasione della presentazione marchigiana della Guida Blu di Legambiente e Touring Club Italiano. Ben 15 le località che sono state inserite nella pubblicazione che raccoglie i territori che investono sulla sostenibilità e sulla valorizzazione. Due le vele conquistate, per il Fermano, Da Porto San Giorgio e Porto Sant'Elpidio. Balzo in avanti per Pedaso che arriva a tre.

Legambiente e turismo. Pedaso conquista tre vele. Confermate due vele per Porto San Giorgio e Porto Sant'Elpidio

Confermano il primato regionale, sfiorando il massimo riconoscimento di 5 vele, le località di Sirolo e Portonovo di Ancona che ottengono 4 vele. Seguono, con il raggiungimento di 3 vele, i comuni di Senigallia, Porto Potenza Picena, Grottammare e Fano. Ottiene 3 vele, facendo un salto in avanti rispetto agli anni scorsi, anche il Comune di Pedaso. Confermate 2 vele a Cupra Marittima, Gabicce Mare, Porto San Giorgio, Porto Sant'Elpidio, Numana, Porto Recanati e San Benedetto del Tronto. Tra le località lacustri, confermata la presenza di Fiastra con 3 vele.

A consegnare i riconoscimenti agli amministratori dei Comuni premiati, sono intervenuti il Presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca, la Direttrice nazionale di Legambiente Rossella Muroni, il Presidente di Legambiente Marche Luigino Quarchioni, la Vicepresidente di Legambiente Marche Francesca Pulcini, il Presidente di Aiab Marche Enzo Malavolta e il presidente del Parco del Conero Lanfranco Giacchetti.

“La strategia turistica della nostra regione punta alla qualità, quindi al rispetto dei valori dell’ambiente e alla valorizzazione del paesaggio – ha detto il presidente Spacca - È giusto premiare coloro che hanno scelto questa strada ambiziosa, ma contemporaneamente di grande impegno e responsabilità. Oggi riconosciamo il merito di questi pionieri che sviluppano il sentiero dell’ecoturismo che sarà sempre più importante per la nostra regione. Le Marche vogliono investire sul turismo che sa valorizzare le ambizioni più grandi, che sa dare risposte anche ai segmenti di mercato a maggiore valore aggiunto, che riconoscono e apprezzano la bellezza, la qualità, la capacità di offrire servizi adeguati e professionali a un ecoturismo in continua crescita”.

“Oggi credo che facciamo una delle cose più belle di noi legambientini: valorizzare il territorio che tanto amiamo – ha commentato Rossella Muroni, direttrice nazionale di Legambiente –. Attraverso la valorizzazione del lavoro dei Comuni e la premiazione delle strutture alberghiere che sono gli obiettivi che oggi in questa giornata intendiamo portare avanti, cerchiamo di raccontare quanto si può fare per cambiare in senso sostenibile una delle attività economiche più importanti e più redditizie per il nostro paese: il turismo. Quest’anno la Guida Blu, è stata notevolmente rivisitata, al fine di favorire la contaminazione tra pubblica amministrazione e operatori economici e raccontare in modo reale e concreto le bellezze del nostro Paese.Attraverso l’attribuzione del marchio di Legambiente Turismo e valorizzando le storie di turismo positivo, Legambiente ritiene necessario promuovere la sinergia tra pubblico e privato. Le località più meritevoli che hanno ottenuto le vele si sono distinte per politiche più o meno attente e funzionali ai temi della mobilità sostenibile, della raccolta dei rifiuti, del coinvolgimento dei turisti e delle strutture alberghiere, della riduzione dell’impatto antropico prodotto dall’attività turistica, così da essere pronti nel rispondere alla nuova tendenza turistica che sta emergendo a livello internazionale.”

“ In questa giornata di premiazione delle strutture ricettive e di valorizzazione del lavoro svolto dai Comuni intendiamo raccontare la bellezza delle Marche – ha commentato Luigino Quarchioni, Presidente di Legambiente Marche -, quel fermento e quella vitalità che da sempre la caratterizzano. Poiché riteniamo che la qualità ambientale sia a tutto tondo è necessario fare di più, a partire dal vietare di costruire sulla costa per una maggiore coerenza nella fruizione dell’attività turistica e nella qualità complessiva che si può offrire al resto del mondo. Attraverso la promozione di nuovi progetti Legambiente vuole restituire la speranza ai cittadini. Non a caso le tre vele che oggi attribuiamo a Senigallia hanno un valore aggiunto e particolare dopo la ferita del 3 maggio”.

Letture:1671
Data pubblicazione : 17/06/2014 17:19
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications