Attualità
Emergenza migranti. La Prefettura di Fermo: "Chiamati a individuare ulteriori strutture temporanee di accoglienza”

Si è riunita oggi in Prefettura la Conferenza Provinciale Permanente convocata e presieduta dal Prefetto Angela Pagliuca, presenti i Sindaci e il Presidente della Provincia. Obiettivo della riunione individuare nuove strutture temporanee di accoglienza. Al momento nel territorio fermano sono presenti 122 cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale, di cui 92 a Fermo.

Emergenza migranti. La Prefettura di Fermo:

“Nello spirito della leale collaborazione tra Stato ed Enti locali e dell’attività di raccordo spettantele – si legge nella nota inviata dalla Prefettura di Fermo - così come previsto nella norma istitutiva delle Conferenze Provinciali disciplinate dal D.Lgs. 300/1999, il Prefetto ha inteso condividere con gli Amministratori locali le questioni collegate al fenomeno migratorio che, come è noto, interessa ormai da tempo l’intero territorio nazionale. In questa Provincia sono presenti 122 cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale, di cui 92 a Fermo - distribuiti tra il Seminario Arcivescovile (uomini) ed il “Sagrini” (donne e minori accompagnati -) e 30 ad Amandola in una struttura gestita dalla Perigeo ONLUS”.

 

Prefettura di Fermo che spiega: “In considerazione del protrarsi degli sbarchi, le Prefetture sono state chiamate a individuare ulteriori strutture temporanee di accoglienza mediante apposite procedure di gara: visionabile, per Fermo, sul sito web della Prefettura da cui si potrà scaricare la relativa modulistica per parteciparvi. Alla gara potranno partecipare onlus, associazioni e fondazioni che abbiano una comprovata esperienza nel settore dell’accoglienza. Si segnala che la Prefettura, prima dell’aggiudicazione verificherà, comunque, tutte le condizioni ed i requisiti previsti nel bando e, qualora siano assenti o carenti, si procederà allo scorrimento della graduatoria”.


Il Prefetto ha chiesto ai Sindaci la dovuta e necessaria collaborazione, ponendo l’accento sulla solidarietà umana che, ha ribadito, non ostacola lo sviluppo del territorio e la pacifica convivenza civile. I sindaci, in ordine alle nuove strutture di accoglienza, sono stati invitati a suggerire soluzioni in base alle caratteristiche ed alle specificità dei loro territori.

 

Prefettura fermana che aggiunge: “Nel corso dell’incontro è stato sottolineato l’apporto costruttivo, della Caritas e della Curia fermana che sin dai primi momenti hanno operato offrendo le proprie strutture e l’opera dei volontari per una civile accoglienza dei richiedenti asilo. Questa non si è limitata a soddisfare la prima assistenza ma si è sviluppata nel senso di garantire un percorso di integrazione con il territorio. Sono stati offerti gli opportuni strumenti per consentire ai migranti, una volta ottenuto lo status di rifugiato, di affrontare in autonomia il futuro in Italia o all’estero. A tal fine gli ospiti sono stati indirizzati verso formativi e professionali con l’insegnamento della lingua italiana e l’apprendimento di vari mestieri”.
Il Prefetto ha ringraziato i soggetti gestori delle strutture già attivate, evidenziando come il loro apporto abbia contraddistinto in positivo il territorio della Provincia, tanto da meritare la giusta attenzione a livello nazionale anche da parte dei media.
Infine, nell’evidenziare la buona riuscita della riunione, che ha consentito un sano confronto con tutti i presenti, il Prefetto Pagliuca ha ringraziato gli Amministratori locali per la sensibilità dimostrata.

Letture:1987
Data pubblicazione : 08/07/2014 18:04
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Fricantò

    09-07-2014 16:24 - #2
    Dategli la Casina delle Rose, almeno riprenderá vita.
  • Andrea ceposta

    09-07-2014 15:55 - #1
    portiamoli a casa della Boldrini tanto è di civitanova è qui vicino.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications