Attualità
Porticato e struttura di Via Veneto pessimo biglietto da visita di Fermo. La denuncia di Italia Nostra. GUARDA LE FOTO

“Via Veneto a Fermo, lo storico accesso pedonale e automobilistico alla città, concepito nell’Ottocento, è stata riqualificata e riportata all’antico splendore, grazie a un lavoro di grande qualità realizzato dalla ditta Alessandrini di Montefortino. Marciapiede, lampioni, panchine, ringhiera, colonnine con catene costituiscono oggi un gradevole esempio di arredo urbano, difficile da rilevare in altre zone del centro storico ”. Inizia così la nota del presidente di Italia Nostra Fermo Elvezio Serena che, partendo proprio dalla riqualificazione di Via Veneto, fa il punto della situazione sul porticato che si trova nel lato opposto. Basta attraversare la strada per trovarsi di fronte ad una situazione di degrado.

Porticato e struttura di Via Veneto pessimo biglietto da visita di Fermo. La denuncia di Italia Nostra. GUARDA LE FOTO

Sempre in merito a via Veneto Elvezio Serena Spiega: “Grazie alla ferma battaglia e alla certosina opera di convinzione verso il Comune delle associazioni ambientaliste, in prima fila Italia Nostra, fermani e non possono oggi godere, nonostante la frana del dicembre scorso, di una stupenda passeggiata che spazia dai Sibillini al mare, fino al gran Sasso. Ultimamente l’Amministrazione comunale ha provveduto anche all’asfaltatura, in modo che ora il manto stradale si presenta uniforme e degno dell’accesso ad un capoluogo di provincia. Recentemente anche l’hotel-ristorante Astoria, ubicato proprio lungo via Veneto, unico albergo della città, è stato ristrutturato, e si presenta molto bene. Sempre nella stessa via il Comune è intervenuto sul palazzo della propria sede, e sta ultimando i lavori nella parte che insiste su largo T. C. Onesti”.

Arriva poi la nota dolente: “Ma il portico, di uso pubblico, con i negozi e i soprastanti uffici costruiti all’inizio degli anni ’60, poco dopo la soppressione della ferrovia, versano in uno stato di notevole degrado: pavimentazione, illuminazione, fioriere, contenitori rifiuti e alcune vetrine di negozi chiusi non rappresentano certo un bel biglietto da visita della città. Occorre intervenire. Oltretutto la scala che conduce al piano superiore, dove sono ubicati gli uffici, sembra in condizioni precarie: umidità, sporcizia, rifiuti, acqua (forse la stessa che ha creato la frana?). Ci può essere pericolo per l’incolumità pubblica?”

Presidente Serena che spiega: “Anche quest’anno, come nel 2013, le telecamere della RAI 3 nazionale saranno a Fermo il 15 agosto per la registrazione della Cavalcata dell’Assunta. L’arrivo della corsa è proprio lì, davanti all’hotel Astoria. Ma vedere quello spettacolo in tv con sullo sfondo lo squallore del portico, con alcuni negozi e molti uffici chiusi non è certo entusiasmante, e non promuove assolutamente la città. La mia proposta è che il Comune, in vista della prossima rievocazione storica, convochi subito tutti i proprietari e si arrivi ad un accordo in modo che, ognuno per la propria competenza, provveda a migliorare la sua proprietà. I tempi sono stretti, ma almeno il decoro va rispettato. L’amministrazione dovrà poi favorire la redazione di un progetto di riqualificazione dell’intero complesso, in modo che possa essere realizzato al più presto. E’ un controsenso abbellire e riqualificare una storica passeggiata del centro storico come via Veneto, e largo T. C. Onesti, dove l’ente pubblico e un privato hanno investito notevoli risorse, e lasciare in abbandono l’altro lato della stessa, dove troviamo anche i resti delle mura megalitiche della cerchia preromana e la scala di emergenza del teatro dell’Aquila. Ogni giovedì di luglio e agosto, proprio in via Veneto, si svolge parte del Mercatino dell’Antiquariato e dell’Artigianato, frequentato da migliaia di turisti e di residenti. Bisogna provvedere, per questa stagione, almeno a migliorare la situazione, in attesa di un completo intervento che nasca dalla collaborazione tra Comune e privati. In particolare l’ente pubblico si dovrà preoccupare di rinnovare i contenitori dei rifiuti e dettare severe regole per l’arredo urbano”.

Letture:1674
Data pubblicazione : 28/07/2014 11:40
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • michele

    06-08-2014 14:34 - #1
    Per trovare delle vetrine di negozi chiusi decisamente orride, impolverate, con cartelli ingialliti e accartocciati, basta fare una passeggiata in piazza , soprattutto sotto il loggiato di San Rocco e in corso Cefalonia. Mi chiedo come sia possibile che un Comune tolleri , da parte dei proprietari, un simile degrado , che si trascina negli anni, ovviamente peggiorando. Io sono del millennio scorso, non sono in grado di produrre foto in Internet, ma magari questa giovane redazione potrebbe mostrare qualcosa : si parla del cuore della città della Fermo.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications