Attualità
Un giorno senza prelievi. La ‘rivolta’ dei laboratori analisi. Martedì 2 settembre mobilitazione in Regione

Alla fine è arrivata la protesta. Le tre sigle sindacali Snabilp-FEDERBIOLOGI, Federlab e Anisap che rappresentano i laboratori analisi accreditati con la Regione Marche, hanno indetto un’inedita giornata di mobilitazione per martedì 2 settembre. Le associazioni annunciano una massiccia adesione alla singolare protesta mentre tutte le 50 strutture marchigiane rimarranno, per la prima volta, chiuse.

Un giorno senza prelievi. La ‘rivolta’ dei laboratori analisi. Martedì 2 settembre mobilitazione in Regione

Previsto per le 10 un presidio nel piazzale antistante l’ingresso di Palazzo Leopardi , sede dell’assemblea regionale. Originariamente la manifestazione si sarebbe dovuta svolgere davanti a Palazzo Raffaello, ma la questura ha negato il permesso per motivi di sicurezza.   

La plateale rimostranza giunge dopo il perdurante stallo, durato mesi, delle trattative fra la Regione e le rappresentanze dei laboratori. La rottura definitiva si è consumata nel luglio scorso quando, dopo  un breve incontro col Direttore del Servizio Salute della Regione Marche, Piero Ciccarelli,  i sindacati delle tre sigle hanno dovuto prendere atto  non solo della totale mancanza di disponibilità, da parte dei responsabili del settore sanitario in Regione ad una sia pur minima concessione  alle loro istanze, ma addirittura hanno ricevuto proposte peggiorative rispetto alla attuale situazione.

La questione è ormai nota:  il budget assicurato dall’amministrazione regionale per erogare i servizi a prezzi identici alle strutture pubbliche e garantire le esenzioni a chi ne ha diritto, è di 7 milioni di euro annui. Le prestazioni a regime convenzionato erogate dai laboratori nel 2013 hanno superato, e di molto, i 12,5 milioni di euro.  Il budget per soddisfare le crescenti richieste degli esenti viene in pratica esaurito a giugno di ogni anno.

Senza adeguamenti, sono stati  gli stessi laboratori a far fronte all’emergenza erodendo proprie risorse. Il rischio, ormai concreto, è quello di arrivare alle liste di attesa (nell’unico settore che grazie al privato non prende prenotazioni) o all’esclusione integrale dei pazienti esenti ticket dai servizi dei laboratori, oppure richiedere il pagamento delle prestazioni, comprese quelle indispensabili per le terapie di patologie  croniche anche gravi.

La legge 502 garantisce a chiunque la libera scelta del luogo di cura e diagnosi.

Tutto ciò senza considerare che i laboratori convenzionati delle Marche con oltre 300 dipendenti e 1000 persone occupate nell’indotto, rappresentano una realtà occupazionale di primo piano, a questo punto messa seriamente a repentaglio dal comportamento della Regione.

“il dottor Ciccarelli e l’assessore Mezzolani  - ricorda Il Segretario Regionale di S.Na.Bi.L.P. FEDERBIOLOGI Stefania Pellei , - sembrano dimenticare che i laboratori analisi convenzionati assolvono ogni anno oltre 6,7 milioni di prestazioni per circa 500 mila utenti. Il servizio sanitario pubblico ne assicura, con difficoltà, 15,7 milioni (dati regionali relativi agli anni 2010-2011). Un eventuale collasso delle strutture private non converrebbe a nessuno. In primis agli utenti delle zone periferiche verso i quali i nostri presidi garantiscono un servizio che spesso va oltre i compiti e gli obblighi della convenzione”.

L’augurio è che la controparte “comprenda in fretta le nostre ragioni e ci dia nuovamente la possibilità di lavorare alle condizioni minime sufficienti . Un risultato  che si augurano anzitutto i pazienti, prime vittime  di questa assurda situazione”.

Letture:1942
Data pubblicazione : 31/08/2014 13:24
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications