Attualità
Danni da cinghiale: Amandola e Montefortino insieme per una soluzione

Martedì 9 settembre si è tenuta una seduta straordinaria presso la Provincia di Fermo per discutere del problema, ormai preoccupante, dei danni alle colture agricole provocate dal gran numero di cinghiali.

Danni da cinghiale: Amandola e Montefortino insieme per una soluzione

Alla riunione erano presenti tutte le associazioni in rappresentanza dei cacciatori e degli agricoltori e i Sindaci della “zona A” (Amandola, Montefortino, Montefalcone e Smerillo) che ha visto una crescita esponenziale delle denunce per danni alle colture. Il censimento degli animali nella sola zona montana ha visto un numero superiore ai duecento capi e le attuali normative, visto anche il parere negativo dell’ISPRA, sembrano non essere più idonee per rispondere al problema: intanto le proteste e il malcontento dei proprietari agricoli si fanno sempre più accese e comprensibili.
Le Amministrazioni Comunali di Amandola e Montefortino, durante la seduta hanno presentato al Dirigente della Provincia di Fermo dott.ssa Borraccini una doppia proposta da inoltrare alla Regione Marche perché provveda nel più breve tempo possibile ad una modifica, in via sperimentale per tre anni, della L. R nr. 7 sulla caccia.
Si chiede, in primis, di anticipare l’apertura della caccia al cinghiale al 15 settembre, allungando l’attuale calendario venatorio di ulteriori due mesi.
Al secondo punto si chiede, una volta accertato il danno da parte dell’ATC, di autorizzare il proprietario del fondo, se in possesso di licenza di caccia, ad abbattere l’animale ed appropriarsene come indennizzo; se il proprietario non fosse abilitato alla caccia, la provincia procederebbe alla cattura ed abbattimento con altri mezzi meno invasivi.
Le amministrazioni restano in attesa di una risposta positiva da parte della Regione, dato che il problema non vede soluzioni, fiduciosi che queste due proposte siano in grado di venire incontro alle esigenze sia dei cacciatori sia degli agricoltori, questi ultimi soprattutto, che lamentano di essere gli unici a non avere nessuna tutela nella questione.

Letture:1924
Data pubblicazione : 12/09/2014 10:09
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications