Attualità
Italia Nostra: le mura e le porte di Fermo. Un grande patrimonio da tutelare. GUARDA LE FOTO

Le mura medievali di Fermo, specialmente per chi proviene da fuori città, ma anche per gli stessi fermani, oggi rappresentano sicuramente un elemento architettonico e paesaggistico di notevole importanza, che ne simboleggia il passato storico, forse però dimenticato. In alcune zone dell’anello urbano sono molto evidenti e ben conservate, in altre purtroppo sono scomparse o ne restano poche tracce. Bellissimi i torrioni e i bastioni ristrutturati, altri in totale abbandono (alcuni potrebbero anche essere utilizzati per la risalita), e le monumentali porte Santa Caterina, San Giuliano, Sant’Antonio. Peccato non si sia riusciti ancora a riaprire Porta Marina: costituirebbe un accesso e un invito efficace verso il centro storico per i numerosi visitatori che provengono dal mare.

Italia Nostra: le mura e le porte di Fermo. Un grande patrimonio da tutelare.  GUARDA LE FOTO

Non dovrebbe essere un’operazione troppo difficile e costosa, ma porterebbe grossi benefici, specialmente in estate.

Il Comune ha fatto ripulire l’intera cinta muraria in occasione delle recenti festività: ottimo lavoro, che rappresenta sicuramente un bel biglietto da visita e segno, almeno in questa occasione, di attenzione al decoro urbano.

Sarebbe veramente molto attraente e suggestivo creare un percorso pedonale attorno al centro storico percorrendo le mura cittadine, ma i problemi di sicurezza legati al gran traffico automobilistico non consentono di realizzare, anche se ci fossero i finanziamenti, il progetto.

Ecco le vie dove si snoda la maggior parte dell'impianto urbano di Fermo, su alcune delle quali è urgente intervenire con un restauro conservativo, arrestando così l'ulteriore degrado: via Roma, via Monteverde, via XX settembre, via Sabino, via Crollalanza, via della Carriera, viale Trento Nunzi, via XXIV maggio, viale Bellesi, via Sant’Antonio.
Spesso, quando la nostra sezione ospita gruppi di Italia Nostra, si prevede un apposito giro in pullman per far conoscere l'aspetto architettonico della città murata.

Purtroppo le piante, se da un lato creano ombra e frescura d'estate, spesso oscurano le mura fermane, e non si ha quell'impatto riscontrabile in altre città marchigiane come Urbino, Macerata, Loreto, Corinaldo, ecc., dove risaltano maggiormente e sono meglio illuminate.
Fermo cambierebbe volto se fosse ben visibile tutto il circuito urbano delle mura. Ma qui si aprirebbe un delicato e probabilmente acceso dibattito: togliere o no le piante.

Costeggiando le mura della città si rimane sconcertati dalla presenza di corpi completamente estranei, adibiti ai più svariati usi: tettoie, campi da bocce, sgabuzzini, baracche, recinzioni, striscioni, ecc.

In alcuni tratti, come in zona Largo San Giuliano, importante accesso al centro storico, le mura sono invase da cartelli segnaletici e pubblicitari, cavi, pali, box, tubi e colonnine.
Tratti di mura abbandonate sono riscontrabili in via Crollalanza, vicino alla rotatoria di Santa Caterina, dove vecchi pali della filovia sono ancora conficcati lungo le mura stesse dall'anno della dismissione (1977), o dove si evidenziano mattoni asportati.

Segnalo, inoltre, l'abbandono e il totale degrado dei tratti in via Crollalanza verso Porta romana (con l'aggressione alle mura della vite del Canada, piantata a suo tempo sui bastioni e sulle mura esterne) e il torrione fatiscente di viale Bellesi, nei pressi dell'Istituto Industriale Montani.

Non so se esiste un piano di interventi (è auspicabile), da parte dell'Amministrazione comunale e della Soprintendenza ai Beni Architettonici e per il Paesaggio delle Marche, per il risanamento, il recupero e la valorizzazione dell'enorme patrimonio di mura, torrioni e bastioni della città.

Rivolgo però un appello al Comune affinché provveda finalmente ad una operazione di decoro per quanto di sua competenza, obbligando nello stesso tempo i privati che occupano le zone sottostanti (o adiacenti) le mura storiche a eliminare quanto non pertinente, e a ripulire totalmente le aree corrispondenti.

Letture:2501
Data pubblicazione : 12/01/2015 09:53
Scritto da : Elvezio Serena, Presidente Italia Nostra Fermo
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Antonio Della Pietra

    12-01-2015 23:01 - #1
    A giudicare dalle foto ciò che dà più risalto in senso negativo sono sicuramente le baraccopoli che si abbarbicano sulle mura della città antica,sporcizia ed auto parcheggiate nei punti più impensati,come del resto un po' ovunque.E basta sempre affermare che le piante vanno tolte quando impediscono qualcosa,non lo avete suggerito voi della redazione,ma qualche cementificatore incallito sì!!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications