Attualità
Centrale biomasse. Cesetti replica ai sindacati: “Sarà necessaria una nuova valutazione”

Le dichiarazioni di Gabriele Monaldi (Rsu ex Sadam) mi impongono di ritornare sulla vicenda per ribadire che la Provincia di Fermo non ha alcuna intenzione, né tantomeno interesse ad allungare i tempi che saranno quelli che l’iter richiede e nessun legame vi può essere con la imminente tornata elettorale considerato che la questione ex Sadam si protrae da circa un decennio. Sproporzionata ed illegittima, non sussistendone i presupposti alla luce delle vigenti disposizioni e della sentenza del Consiglio di Stato, è la pretesa di nomina di un commissario ad acta per Fermo che come tale verrà contrastata dal territorio e dalle sue Istituzioni politiche. La sentenza pronunciata dal Consiglio di Stato sul ricorso proposto per la riforma della decisione del Tar Marche ci soddisfa perché riconosce i poteri e le prerogative della Provincia e le ricostruzioni di parte, alla luce delle chiare disposizioni nella stessa contenute, appaiono un esercizio tanto inutile, quanto fuorviante.

Centrale biomasse. Cesetti replica ai sindacati: “Sarà necessaria una nuova valutazione”

Il Consiglio di Stato, infatti, statuisce che la Provincia di Fermo deve attivare un nuovo procedimento di VIA e che il Giudice amministrativo non possa sconfinare nella sfera insindacabile del merito che compete alla Provincia “atteso che le illegittimità evidenziate dal Tar possono soltanto comportare, nella sostanza, la necessaria ripresa della valutazione di VIA”.
Nel riprendere la valutazione di VIA la Provincia potrà e dovrà, inoltre, indagare “tutti i profili coinvolti”, e non solo quelli indicati dal TAR, “fermo restando che i tempi di conclusione del procedimento sono quelli dettati dalla legge, a nulla rilevando che ‘il procedimento si sia protratto per circa tre anni’ ”.
Afferma il Consiglio di Stato che, come sostenuto dalla Provincia e dal Comune negli atti di appello, “la VIA valuta complessivamente l’impatto sul sito specifico, analizzando le matrici suolo, aria, acqua, rifiuti e l’impatto sulla salute delle persone, atteso che la VIA medesima non serve solo per verificare il rispetto dei limiti di legge; altrimenti opinando, infatti, si dovrebbe mettere in discussione la finalità e l’utilità del procedimento stesso di valutazione d’impatto ambientale”.
Ma il passaggio della sentenza del Consiglio di Stato più rilevante e decisivo per tutta la vicenda è quello in cui si statuisce che “quanto disposto dal TAR deve essere interpretato non nel senso che venga emessa una dichiarazione di compatibilità ambientale favorevole alle proponenti, bensì, secundum ius, che l’organo competente debba emanare una nuova valutazione…”.
Pertanto, contrariamente a quel che afferma Monaldi, ben potrà la Provincia emanare un provvedimento di VIA negativa, ovviamente nella sussistenza dei presupposti di fatto e di diritto.
Ogni decisione, quindi, sulle sorti del territorio fermano spetta al Servizio Ambiente della Provincia di Fermo che deciderà motivando nel rispetto del diritto.

Letture:2672
Data pubblicazione : 24/02/2015 17:26
Scritto da : Fabrizio Cesetti, Presidente Provincia di Fermo
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • Federico

    25-02-2015 10:57 - #3
    Ma Monaldi & Co. (CISL) sono sindacalisti ? Chi sbraita e manifesta per 15 lavoratori che da ben sette anni prendono la cassa integrazione si può definire sindacalista ? Oppure interpretano e difendono gli interessi di qualcun altro ? Non sarà mica che hanno varcato il confine e sono passa dall'altra parte ? Più chiaro di così !!!
  • Gaspare Baldassarre

    25-02-2015 08:38 - #2
    Quanti danni hanno fatto gli avvocati in politica in tutti questi anni....credo che neppure Stalin li abbia commessi in Russia. ma questi signori perché lasciano la professione e si buttano in politica? O sono come avvocati poco capaci o sono talmente presuntuosi che hanno bisogno di sfogare il proprio ego in continue apparizioni pubbliche. Cesetti come la giri la centrale se Maccaferri vuole si farà....stai sereno...!!! Un consiglio...meno conferenze stampa inutili e più fatti....!!! Trattate va che è meglio se tenete alla salute dei cittadini, altrimenti lasciate perdere la politica non è per voi...!!!
  • Marco

    25-02-2015 08:34 - #1
    Bravo Cesetti, u'unico politico fermano che si è battuto tenacemente e con onestà contro la centrale a difesa del territorio e dei cittadini. Un grande lavoro svolto tra molte difficoltà e pressioni, create e venute dallo stesso partito a cui si è recentemente iscritto e cioè il PD (..)
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications