Attualità
Centrale a biomasse. La Provincia chiede alla Powercrop di ripubblicare l'avviso di deposito del progetto polo energetico Campiglione. La rabbia della RSU: "Sentenza del Consiglio di Stato ignorata"

"Abbiamo appreso che la Provincia di Fermo ha chiesto a Powercrop di ripubblicare l'avviso di deposito del progetto del polo energetico di Campiglione di Fermo". Inizia così l'intervento dei lavoratori della R.S.U Ex Sadam, dopo l'incontro di questa mattina con il presidente della Provincia Fabrizio Cesetti.  "A nostro avviso - scrivono i rappresentanti dei lavoratori -  tale richiesta non tiene minimamente conto di quanto affermato dal Consiglio di Stato, con sentenza n. 880/2015, ed è finalizzata soltanto a ritardare ingiustificatamente l’attuazione di un progetto, che, ai sensi dell’art. 29 del D.L. n. 5 del 2012, convertito in legge dalla L. 4 aprile 2012, n. 35, è stato dichiarato di interesse strategico nazionale". 

Centrale a biomasse. La Provincia chiede alla Powercrop di ripubblicare l'avviso di deposito del progetto polo energetico Campiglione. La rabbia della RSU:

R.S.U, composta da Gabriele Monaldi, Eugenio Zallocco, Francesco Alberti, Angela Ferraro, Marco Andrelli, Fabiano Leoni che spiega come il progetto sia importante: "Anche in considerazione della necessità di fornire una prospettiva occupazionale ai lavoratori dell'ex zuccherificio, che soltanto sino al 30 giugno 2015 potranno beneficiare degli ammortizzatori sociali".

Da qui la RSU aggiunge:"Il progetto di Powercrop, sul quale la Provincia di Fermo è tenuta a riprendere la valutazione di impatto ambientale alla luce delle considerazioni contenute nella sentenza del TAR Marche n. 433 del 16 aprile 2014, è quello per il quale è stata presentata istanza di autorizzazione unica e sul quale sono già state svolte, nell’ambito del procedimento di valutazione di impatto ambientale, la fase di pubblicazione, l’inchiesta pubblica, le attività tecnico-istruttorie, nonché il riesame procedimentale statuito dal TAR Marche. Il Consiglio di Stato ha affermato che le'illegittimità evidenziate dal TAR possono soltanto comportare, nella sostanza, la necessaria ripresa della valutazione di VIA... alla luce delle considerazioni contenute nella sentenza del T.A.R.'. Stante quanto sopra, si invita codesta Provincia ad eseguire immediatamente la sentenza del Consiglio di Stato n. 880 del 23 febbraio 2015, attraverso la ripresa della valutazione di impatto ambientale e l'emanazione del giudizio di compatibilità ambientale. In difetto, Vi riterremo responsabili del mancato ricollocamento dei lavoratori nel polo energetico di Fermo ed agiremo nelle sedi competenti per tutelare i nostri diritti".

Letture:2704
Data pubblicazione : 21/04/2015 16:34
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • Federico

    22-04-2015 08:46 - #3
    ANCORA UNA VOLTA E' CHIARO, SE MAI CE NE FOSSE BISOGNO,CHE I SINDACATI RAPPRESENTINO GLI INTERESSI DELLA SOCIETA' E NON DEI LAVORATORI !! SI STANNO FACENDO IN QUATTRO PER UN PUGNO DI LAVORATORI QUANDO NON LI ABBIAMO MAI SENTITI PER LE TANTE VERTENZE E CHIUSURE DI FABBRICHE CHE HANNO COLPITO E CHE COLPISCONO IL SETTORE CALZATURIERO CON MIGLIAGLIA DI DIPENDENTI SENZA LAVORO !! MA PER QUALE MOTIVO INSISTONO TANTO SU UN PROGETTO DI RICONVERSIONE DELLO ZUCCHERIFICIO AL QUALE SONO CONTRARI I CITTADINI, IL COMUNE E LA PROVINCIA DI FERMO ?? LA VERITA' E' CHE DIETRO ALLA CENTRALE CI SONO MILIONI E MILIONI DI EURO DI FINANZIAMENTI PUBBLICI (NOSTRI SOLDI CHE VERSIAMO TRAMITE LE BOLLETTE DELLA LUCE) I COSIDDETTI CERTIFICATI VERDI SENZA DEI QUALI NESSUNO MAI AVVIEREBBE UN'ATTIVITA' DEL GENERE. E' ORA DI SMETTERLA CON QUESTI SPRECHI CHE OLTRETUTTO VANNO A DISCAPITO DELL'ECONOMIA E DEL TERRITORIO, IN QUESTO CASO DEL FERMANO.
  • tonnarello

    21-04-2015 19:54 - #2
    Ancora una volta si gioca sulla pelle dei lavoratori (.) ... non a caso qualche politico ha il suo quartier generale proprio a campiglione invece di risolvere i problemi li si ostacolano questa è la politica attuale purtroppo ...se questi comportamenti non verranno cambiati rischieremo di diventare un paese da terzo mondo dove la burocrazia la farà da padrona. ad campiglione
  • paolo

    21-04-2015 18:51 - #1
    bastaaaaaaa....non se po piuuuuuu
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications