Attualità
Tassa sulla bonifica. Le associazioni dei consumatori si fanno portavoce in Regione delle proteste dei cittadini. Si potrà pagare anche al termine della campagna informativa di settembre

Nelle scorse settimane i cittadini del Fermano e delle Marche residenti nelle aree facenti parte del Consorzio di Bonifica Regionale si sono travati una 'sorpresa': gli avvisi di pagamento del contributo di bonifica. Il consorzio, come evidenziato dalla Regione, istituito con legge regionale n° 13/2013, ha il compito di prevenire il dissesto idrogeologico ed il rischio idraulico nelle Marche mediante il monitoraggio e la manutenzione dei circa 18.600 KM di rete idraulica regionale.

Tassa sulla bonifica. Le associazioni dei consumatori si fanno portavoce  in Regione delle proteste dei cittadini.  Si potrà pagare anche al termine della campagna informativa di settembre

Questo nuovo organismo, la cui partecipazione da parte dei cittadini è obbligatoria, ha superato ed assorbito le funzioni dei vecchi consorzi di bonifica. “Gli avvisi recapitati nei giorni scorsi – spiegano in una nota congiunta le organizzazioni consumatori - hanno sollevato numerosi interrogativi da parte degli utenti che, in parecchi, si sono rivolti presso le sedi delle associazioni dei consumatori”. Organizzazione che spiegano: “In particolare è stata lamentata la scarsa informazione, la poca chiarezza circa il calcolo del contributo, il tempo esiguo per adempiere al versamento di quanto dovuto”. A seguito di questa situazione le organizzazioni dei consumatori Adoc, Adiconsum e Federconsumatori si sono attivate richiedendo un incontro al Consorzio di Bonifica ed alla Regione Marche tenutosi lo scorso 10 luglio; erano presenti i rappresentanti delle associazioni dei consumatori , il dott. Claudio Netti Commissario del Consorzio Regionale di Bonifica delle Marche, il dott. Gianni Fermanelli in rappresentanza della Regione Marche. In primo luogo le associazioni dei consumatori hanno lamentato la insufficiente informazione ed i tempi esigui indicati per il pagamento che non consentono ai circa 160.000 consorziati una adeguata verifica della congruità di quanto richiesto.
“Sull’argomento il presidente del consorzio – spiegano le associazioni dei consumatori - pur sottolineando che nel corso del 2013 e 2014 è stata svolta sull’argomento una intensa attività informativa con ben 52 assemblee pubbliche in tutta la regione, ha convenuto con i rappresentanti dei consumatori sulla necessità di rafforzare la comunicazione diretta ad informare i cittadini dei contenuti della legge e degli obblighi che da essa ne derivano. In proposito si è concordato quanto segue: entro il mese di luglio sarà prodotto materiale informativo sia stampato che di carattere informatico a cui sarà garantita la massima diffusione attraverso gli organi di informazione; la predisposizione di una apposita pagina informativa nel sito istituzionale del Consorzio; nel mese di settembre saranno organizzate 5 assemblee pubbliche, una per provincia, nel corso delle quali sarà data ampia informazione ai cittadini”.

Da qui la decisioni di prendere tempo: “Tenuto conto degli impegni assunti i rappresentanti dei consumatori ed i responsabili del Consorzio di bonifica hanno convenuto sulla necessità di prendere tempo per consentire ai consorziati i necessari approfondimenti in ordine alla loro posizione. Pertanto, dopo la scadenza del 31 luglio, il consorzio non procederà alla emissione di formali avvisi di pagamento gravati delle spese di notifica. Al termine della campagna informativa, ai consorziati che non avessero ancora effettuato il versamento, sarà inviato un nuovo avviso bonario che consenta agli stessi di regolarizzare la loro posizione. In questo periodo continueranno i contatti tra le organizzazioni dei consumatori, il Consorzio di Bonifica e la regione Marche per ulteriori approfondimenti in ordine alle problematiche emergenti”.

Letture:3595
Data pubblicazione : 17/07/2015 10:57
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications