Attualità
Come Saltano i Pesci. Un film nelle Marche si può, e si deve fare. GUARDA LE FOTO DEL BACKSTAGE E LE INTERVISTE AGLI ATTORI

Un progetto ambizioso che sta prendendo forma proprio in questi giorni tra Amandola, Piane di Montegiorgio e Porto San Giorgio. Arriverà nelle sale cinematografiche a gennaio 2016 e vede la partecipazione anche di attori affermati sulla scena nazionale, come Maria Amelia Monti e Biagio Izzo, ma soprattutto di marchigiani. “Come saltano i pesci” è un progetto, nato e sviluppatosi nelle Marche, che attraverso la grande macchina audiovisiva, quel è il cinema, vuole portare alla ribalta le bellezze della nostra terra. Un film la cui storia vedrà cadere tutte le certezze di una famiglia e di una vita perfetta. Personaggi tormentati, dall'animo in continua evoluzione che dovranno trovare i mezzi e la via per perdonare, per lasciare indietro egoismi e rabbia e ritrovare quei valori genuini che stanno alla base della famiglia.

Come Saltano i Pesci. Un film nelle Marche si può, e si deve fare.  GUARDA LE FOTO DEL BACKSTAGE E LE INTERVISTE AGLI ATTORI
Riprese all'interno della Chiesa di Giorgio martire, a Porto San Giorgio

“La famiglia è quel posto dove ci si sente amati” dichiara il regista Alessandro Valori. “Sarà un film sul deficit sentimentale delle vecchie e delle nuove generazioni” continua Alessandro, un marchigiano che, a 18 anni, è partito da Macerata alla volta di Roma “perchè ai tempi se volevi fare cinema era li che dovevi andare”.

Mentre adesso è proprio qui che torna per girare il suo prossimo film.

“Non sarà però un film vernacolare” ci tiene a spiegare Valori, ma un film ambientato dichiaratamente nelle Marche, dove il nostro territorio rappresenterà quello spazio dove i personaggi vivono la loro storia. Certo, ci saranno anche personaggi locali che andranno, però, oltre il mero significato di “macchietta”, come le due anziane signore, simpaticamente definite dal regista “Le Sibille”, le uniche a conoscenza dell'intera storia e dei suoi scheletri nascosti che costituiscono un esplicito richiamo al nostro territorio.

Un film che ha messo in moto diverse realtà locali a partire dalla produzione associata tra Multivideo e Linfa, che con questo progetto si sono posti l'obiettivo di creare un polo produttivo cinematografico indipendente Marchigiano.

Dietro le quinte, però, si nascondono altri nomi nostrani che l'attore Simone Riccioni, protagonista del film, ci tiene a ringraziare quali il Calzaturiero Lanciotti, Bellesi Federica (Abbigliamento), The Shoe Shop Calzature, l' Azienda Agroforestale Fontezoppa, il Gruppo Bros Manifatture, l'hotel San Paolo di Piane di Montegiorgio, il Comune di Amandola e quello di Porto San Giorgio.

Le Marche ed i marchigiani, quindi, non saranno solo la cornice di quest'opera ma ne costituiranno il cuore pulsante.

L'idea centrale dell'attore, marchigiano d'adozione, ideatore e primo promotore del progetto, era quella “di valorizzare le Marche e portare il cinema qui, perchè sono stufo di pensare e sentire che questa sia la regione di mezzo!”. Un sogno per lui, e per il regista, che si sta finalmente realizzando, ma che ha voluto condividere in toto con noi.

Da questo deriva la scelta di usare più di 650 comparse marchigiane, più di 25 ruoli coprimari affidati ad attori provenienti, per esempio, dal Lauro Rossi di Macerata, e da molte altre realtà teatrali nostrane, continua “più dell'80% della troupe è marchigiana”. Secondo l'attore, la nostra, è una regione che nulla ha da invidiare alle altre. Abbiamo il mare, le montagne, splendidi paesaggi, piccoli ma affascinanti borghi che devono solo essere riscoperti. Abbiamo dato i natali a moltissimi personaggi illustri del passato e del presente, in campo letterario, artistico ed industriale.

Tra gli attori, che abbiamo intervistato per voi, ci sono anche Marianna Di Martino attrice catanese, affermata a livello nazionale, che ha lavorato anche con Hugh Grant, e Brenno Placido, figlio d'arte attore affermato anche lui a livello nazionale grazie a film come “Romanzo Criminale” e la serie “Tutti pazzi per amore”.

Per Marianna, invece, è la prima volta nelle Marche. “Avere la possibilità di vedere le montagne, passare per le colline ed arrivare al mare è stato meraviglioso” ci rivela l'attrice, “sembravano gli sfondi della windows” racconta incredula e meravigliata, “e poi questi borghi, vicoletti, paesaggi pazzeschi! E' un posto dove hai tutto e nulla da invidiare all'Umbria e alla Toscana“.

Brenno Placido, invece, grazie a Tournè teatrali era già passato per il nostro territorio, “tutti i più grandi spettacoli passano da qui!”. Avere, ora, la possibilità di girare un film qui per lui è stato bellissimo “a me piacciono le piccole realtà provinciali, perchè trovi le piccole comunità non contaminate, soprattutto ai giorni nostri, ed è interessante!” continua “le marche sono molto bele e avere montagna e mare insieme è un vero pregio!”.

Perchè quindi non credere anche in una realtà cinematografica indipendente nel nostro territorio, perchè non mettere in moto questa macchina sforna sogni.

“Di marchigiani in giro ce ne sono, e sono bravi!”.

 

 

Letture:4124
Data pubblicazione : 27/08/2015 13:24
Scritto da : Valentina Tudisco
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications