Attualità
Dobbiamo uscire dall’ipocrisia dei finti tagli e dalla moda degli accorpamenti: non riduciamo i servizi reali

La prefettura è un servizio utilissimo che non possiamo perdere, così come gli altri servizi necessari al sistema socio economico della provincia di Fermo. Il nostro territorio rappresenta un modello di unitarietà che ha una particolare complessità e rilevanza. Dobbiamo fare ogni sforzo per non farci togliere i servizi che oggi abbiamo e che funzionano e rivendicare quello che ci spetta come territorio che ha avuto riconosciuto con legge dello stato la dignità di provincia. Hanno “abolito” le province, oggi si vuole ridurre gli ordini professionali, le Camere di Commercio, i Tribunali, gli uffici dello stato nei territori, comprese le prefetture ed altri tagli di moda in nome di una spending review di facciata ed inefficace.

Dobbiamo uscire dall’ipocrisia dei finti tagli e dalla moda degli accorpamenti: non riduciamo i servizi reali

Fatta l’ “abolizione” delle province si sta scoprendo che è stata una operazione mediatica che non abbatte i costi, anzi rischia di aumentarli e non si è razionalizzato alcunché, mentre si sono tolte funzioni essenziali ai territori che sostengono il PIL nazionale.
Nessuno pensa di toccare gli sprechi degli uffici centrali le duplicazioni delle funzioni spesso autoreferenziali.
Sembra che i risparmi si ottengano solo sottraendo uffici alle periferie.

Il nostro sistema produttivo ha bisogno di prestazioni vicine ed efficienti, come oggi li abbiamo e, tutti insieme, dovremmo chiederne il rafforzamento per migliorare l’efficacia dell’effetto prossimità.
Oggi il nostro distretto paga, più degli altri, pesantemente la crisi dei rapporti con Russia e paesi dell’Est. Il sistema bancario marchigiano accusa in qualche parte difficoltà di difficile soluzione. Nella nostra regione i crediti deteriorati hanno raggiunto la quota del 34,4% dei finanziamenti alla clientela residente nelle Marche, quota che per le imprese è salita al 42,8%.(Valore circa doppio di quello nazionale)

Ad un sistema così messo non possiamo continuare a togliere i servizi, dobbiamo invece rafforzarli senza privare aeree omogenee, di funzioni specifiche, che possono venire solo da uffici ubicati direttamente nei territori.

I rassicuranti dati dell’estate 2015 sulla sicurezza divulgati dalla prefettura di Fermo al margine della riunione del comitato per l‘Ordine e la Sicurezza pubblica, tenutosi questa settimana, presieduto dal Prefetto Pagliuca, sono confortanti e dimostrano ulteriormente la validità della presenza della prefettura e degli altri uffici statali che svolgono quell’insostituibile ruolo di vicinanza e di raccordo tra governo centrale e periferia.
Essi costituiscono la prova tangibile della necessità della prossimità delle strutture dello stato al nostro territorio.
L’esigenze legate all’ordine e sicurezza pubblica, alla tutela dell’integrità alla vita derivante da calamità naturali, in materia di difesa civile, della mediazione sociale, dell'immigrazione, assumono oggi un’importanza particolarissima.
Importanza legata all’epocale momento che è segnato da flussi migratori eccezionali.

E’ sotto gli occhi di tutti la rilevanza e la necessità del ruolo della Prefettura e degli altri uffici provinciali in un territorio complesso come il nostro.
Oggi mentre tocchiamo con mano l’utilità di averli presenti, corriamo il rischio di vedere interrotto il processo di insediamento degli altri uffici di rango provinciale o addirittura veder estirpati quelli che, dando prova di ottimo funzionamento, producono positivi frutti.
Dobbiamo uscire dall’ipocrisia dei finti tagli e dalla moda degli accorpamenti, tagliamo le cose inutili, tutto quello che non serve, sopprimiamo le inefficienze, non riduciamo i servizi reali che possono costituire un valore aggiunto per la ripresa di un territorio che non merita l’abbandono.

Letture:4239
Data pubblicazione : 11/09/2015 16:11
Scritto da : Amedeo Grilli Presidente Cassa di Risparmio di Fermo S.p.A.
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • fast

    16-09-2015 18:09 - #1
    A me interessa che il mio comune, quello di Fermo, se chiude la prefettura non mi interessa, bisogna risparmaire sui carrozzoni pubblici.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications