Attualità
I Giovani Democratici delle Marche in piazza per dire sì alle unioni civili

"Finalmente il Parlamento si muove per i diritti, per un tema così largamente sentito nel Paese. Dobbiamo raccogliere, incoraggiare e sostenere l'azione legislativa di quanti vorranno vedere approvato il Disegno di Legge Cirinnà sulle unioni civili". Inizia così l'invito dei giovani democratici a partecipare all'appuntamento del 23 gennaio, ad Ancona. "Per questo come Giovani Democratici delle Marche aderiamo alla mobilitazione nazionale 'Sveglia Italia! È ora di essere civili' indetta dalle associazioni per i diritti LGBT Arcigay, Arcilesbica, Agedo, Famiglia Arcobaleno e Mit e che si svolgerà sabato 23 gennaio ad Ancona".

I Giovani Democratici delle Marche in piazza per dire sì alle unioni civili

"Dopo la campagna nazionale '10 proposte GD' - spiega Roberto Tesei Segretario regionale  Giovani Democratici Marche -  in cui eravamo a raccogliere firme per una legge sul matrimonio egualitario ed in seguito al nostro impegno per l’approvazione dei registri delle unioni civili in numerosi comuni marchigiani, chiediamo oggi che il Parlamento non sprechi questa occasione perché l’Italia non sia più il fanalino di coda per quanto riguarda i diritti civili. In Europa sono in tutto tredici i Paesi che hanno legalizzato il matrimonio tra persone dello stesso sesso, mentre altri hanno preferito regolarizzarli attraverso l'istituto delle unioni civili. Sono passati più di vent’anni da quanto la Corte Europea per i Diritti Umani nel 1994 si è pronunciata perché i governi nazionali provvedessero a legiferare per mettere fine alla discriminazione delle coppie omosessuali in tema di trattamento pensionistico, fiscale, lavorativo e di accesso alla genitorialità".

Giovani Democratici che aggiungono: "Siamo convinti che il testo che sarà in discussione la prossima settimana nell'aula del Senato è la mediazione migliore e il punto oltre il quale non retrocedere: l'istituto delle unioni civili, così come previsto, riconosce alla coppia diritti e doveri; estende la responsabilità genitoriale sul figlio del partner, con la stessa procedura prevista per i coniugi dalla legge 184 del 1983, attraverso un meccanismo non automatico ma previa autorizzazione di un giudice; questo aspetto è fondamentale e non può essere barattato, poiché rientra nell'ottica della tutela prevalente del diritto del minore a godere di una stabilità affettiva. Il tema dell'estensione dei diritti non riguarda solo un partito o un governo, ma l'intera comunità. Per questo il Partito Democratico deve avere il coraggio di andare fino in fondo nelle aule parlamentari, e a maggior ragione può farlo perché moltissimi cittadini confidano e hanno riposto in esso la loro fiducia. I Giovani Democratici saranno in piazza per far sentire il proprio appoggio ad una battaglia che non lede la libertà di alcuno, ma allarga opportunità a chi oggi non ne ha. Chiediamo ai parlamentari, ai dirigenti e ai militanti del Partito Democratico di essere in piazza con noi, per dimostrare il sostegno di tutta la comunità delle democratiche e dei democratici a questa ulteriori conquista di diritti e di civiltà".

 

Letture:2231
Data pubblicazione : 20/01/2016 14:50
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Ale

    21-01-2016 12:25 - #2
    Ecco, solo i diritti civili vi sono rimasti, perchè per il resto vi siete sostituiti alle destre. Vorrei poi ricordare a Tesei della mancata applicazione della 194 nelle strutture pubbliche ospedaliere marchigiane. A quando un'azione su questo? Oppure in questo caso sono troppi gli elettori che non approverebbero? Ipocriti.
  • fermana

    20-01-2016 18:17 - #1
    E con le femministe di "se non ora , quando", che hanno duramente condannato la mercificazione della donna con pratiche aberranti come quella dell'utero in affitto , come la mettiamo ? Ragazzi, non c'è la più la sinistra di una volta, oggi si difendono i forti e si umiliano i deboli, condendo tutto con abbondante malafede.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications