Attualità
Fermo. Lotti Casabianca. L'annuncio del sindaco Calcinaro: “Estate senza gru”

La situazione relativa ai quattro lotti di Casabianca, appartenuti a due diverse Società, ci ha visto attivi sin da quest’ultima estate con una serie di incontri con la proprietà, immediatamente disponibile a trovare una soluzione che, a fronte di una variante della destinazione urbanistica dei lotti, avrebbe portato una serie di infrastrutture sportive e di viabilità al quartiere, oltre a ulteriore parcheggio ed una riqualificazione del lungomare, area verde, pista ciclabile e piazzale Piccolomini.

Fermo. Lotti Casabianca. L'annuncio del sindaco Calcinaro: “Estate senza gru”

A fronte di questo progetto importante, condiviso dalle parti, tuttavia il danno rappresentato dal blocco di anni della politica e dall’ultima crisi del settore immobiliare ha reso impossibile, per due serie società del nostro territorio, il poter proseguire con le proprie forze in tale percorso.

Con l’ultimo incontro avutosi la scorsa settimana, l’Amministrazione Comunale e la proprietà hanno convenuto che quello che era stato già delineato, può e deve essere ancora una opportunità per quel quartiere, da condividere con residenti e forze consiliari, necessitando tuttavia, allo stato attuale, del rafforzamento da parte del fronte degli investitori: è chiaro che la risposta della politica doveva giungere qualche anno fa, ed ora, pur avendo corso e pur avendo trovato una sintonia che poteva portare solo frutti positivi al quartiere, ci si deve sforzare a prendere misure immediate per la migliore vivibilità del quartiere.

Visto il costruttivo dialogo tenuto in questi mesi, un possibile primo e realistico traguardo sarà quello di consentire per la prossima estate una stagione senza l’ombra di quelle quattro gru che, l’impossibilità, o forse la difficoltà, al dialogo di certa politica ha tenuto colpevolmente ferme.

Continueremo su questo percorso per ottenere quindi un primo, dovuto, atto di rilancio del decoro del quartiere: insieme alla rielaborazione del piano di spiaggia, ed all’estensione del Piano Casa, contiamo di dare segnali concreti di attenzione che da anni mancavano sulla costa.

Non potendo immediatamente ottenere quegli investimenti in infrastrutture che potevano giungere dall’accordo trovato nella questione dei lotti, è chiaro che dovremo riversare anche sulla riqualificazione della costa una parte dell’utile che giungerà con la vendita del 49% della Solgas, in una costa che, contiamo, potrà vedere un’estate, dopo anni, senza l’ombra di quattro enormi gru.

Letture:3226
Data pubblicazione : 10/02/2016 14:42
Scritto da : Paolo Calcinaro, sindaco di Fermo
Commenti dei lettori
12 commenti presenti
  • Samuele Straffi

    12-02-2016 16:24 - #12
    Difendere,negare,difedere e ri..negare è questa la politica priva di argomentazioni che oggi va per la maggiore e, Clacinaro, ne è la conforma. L'articolo è pessimo ed insignificante ed anche ambiguo. Non dice nulla ma, ricorda nelle modalità, più il tentativo, maldestro, dell'ex assessore all'urbanistica quando disse: " In estate i lavori degli alberghi si fermeranno per non creare problemi al turismo" ! Già, il turismo, l'economia, il costruire, lo sviluppo e menate varie, sono queste le motivazioni "povere" di chi non ha argomenti ma solo slogan. La sostanza è diversa. Sui lotti ad oggi non ci sono interlocutori, se è vero, come si dice e legge sui giornali che i proprietari hanno portato i libri contabili in tribunale, appare evidente che di interlocutori non si intravedono, salvo banche, creditori ecc.ecc. Quindi interlocutori chi ? Non si sa. Quindi è ovvia la domanda che qualcuno ha posto, Calcinaro con chi tratta ? Per dirla tutta, le colpe di questa situazione partono da lontano. Il maggior responsabile è chi ha rilasciato i Permessi di Costruire iniziali che non è certo la Brambatti ma...indovinate chi ? Il solito ex super Dirigente, poi Sindaco e poi ancora super Dirigente. L'uomo dai mille volti(.). Dire il contrario è dire una menzogna. Aggiungo per correttezza che la Brambatti, e "compagni" vari ci hanno messo del loro ma, i danni VERI sono all'origine senza ombra di smentita. Purtroppo Calcinaro stà seguendo la stessa strada dei suoi predecessori affidandosi la caso. Il suo giovane "apparato" tecnico sarà preparatissimo in PAI, indagini geologiche, ma un po meno in urbanistica e lavori pubblici, materie che necessitano di grande esperienza sul campo e non improvvisazione. Politicamente, poi, la scelta di dare l'urbanistica ad un neofito della macchina comunale, salvo guide interne preconfezionate, lascia molto ma molto perplessi. In conclusione, secondo il mio giudizio, l'articolo è la sintesi di un non pensiero che la dice lunga sulla capacità di risolvere realmente la problematica tenendo ben in vista gli interessi della collettività piuttosto che quello di pochi, anzi pochissimi privilegiati interlocutori. Attenzione che c'è un vecchio detto cinese che dice che, se cade un sassolino dalla montagna in Asia sicuramente ci sarà un terremoto in America ! Quindi attenzione e non superficialità.
  • non memoria corta, ma finti tonti

    12-02-2016 12:15 - #11
    Diversi fermani non hanno la memoria corta, ma sono finti tonti, cioè sanno ma fanno finta di non capire. Il flop dell'accordo sui lotti alberghieri ha come principale responsabile la Brambatti e la sua maggioranza, questa è l'unica certezza e verità. Che Calcinaro ci fosse o no è insignificante, in quanto non era lui che decideva ma era la professoressa Brambatti e pochissimi altri e sono contento che Paolo Calcinaro lo abbia scritto. Il risultato, smontano le gru, ma credo che non finisca così.
  • fermani dalla memoria corta

    11-02-2016 17:58 - #10
    All'inizio del loro mandato la Brambatti, anzi un suo assessore disse che entro l'estate avrebbero risolto per i lotti alberghieri di Casabianca, ma la storia ha preso tutt'altra direzione, a Fermo si ha la memoria troppo corta, in molti soffrono di parac....e . Calcinaro è sincero, chi l'ha preceduto ??????
  • Giorgio

    11-02-2016 16:52 - #9
    Vorrei sapere dov'era Calcinaro quando l'amministrazione targata PD-Brambatti trattava per i lotti alberghieri di Casabianca, ma per onestà, ritengo che oggi Calcinaro abbia perfettamente ragione,perchè a Fermo c'è stata una politica di sinistra che invece di risolverli i problemi li ha creati e perdipiù ci prendeva pure in giro.
  • ma le licenze non erano scadute o non scadono mai ??

    11-02-2016 16:41 - #8
    Credo che le gru dovevano essere rimosse o fatte rimuovere da tempo perchè le licenze /permessi a costruire sono sicuramente scadute e non da oggi. Purtroppo i nuovi amministratori si interessano poco di urbanistica e fanno sembrare un successo anche l'omissione di intervento !! Comunque bene così
  • Luigi T.

    11-02-2016 16:13 - #7
    Addirittura otto milioni di opere compensative a cui il Comune ha rinunciato ! Ma siamo pazzi ? Come si può rinunciare ad un così importante impegno ! Solo politici pazzi e ancorati a logiche ideologiche hanno potuto fare questo. Oggi avremo a Casabianca il quartiere modello da prendere ad esempio nel panorama urbanistico internazionale, altroché ! Solo sprovveduti e ingenui potevano dire no a tale offerta ! Ha.... Dimenticavo, ma chi avrebbe realizzato tali immense opere; Paperino...Topolino e Nonna Papera ? Hahaha che mondo fantasmagorico di eterni creduloni !
  • Ape Maja

    11-02-2016 13:21 - #6
    Appartenuti o...appartenenti a due distinte società ?? Primo dubbio. Secondo dubbio. Se parla al passato con chi tratta Calcinaro ??? Terzo dubbio. Nell'articolo è sotteso un accordo per una trasformazione dei lotti in cosa ??? Quarto dubbio con chi condivide l'ipotesi Calcinaro, con la sua maggioranza, con la sua opposizione o con al città ??? Quinto dubbio. Riqualificare la zona con gli standard che nessuno si è mai sognato di fare non vuol dire incrementare i volumi esistenti, già ben oltre il consentito, con il piano casa...!!! Insomma una uscita che lascia più dubbi che certezze e poi c'è chi gli dice bravo per le gru tolte...!!! Strano modo di ragionare non credete..!!!
  • tommaso

    11-02-2016 11:30 - #5
    A tutti gli effettti il sindaco Paolo Calcinaro ci è andato pesante contro la passata amministrazione Brambatti, e personalmente lo condivido pienamente. Lo smontaggio delle gru è solo il finale voluto dalla Brambatti, che all'inizio del suo mandato aveva garantito la soluzione dei lotti di Casabianca e abbiamo visto come.
  • bravo Calcinaro

    11-02-2016 09:51 - #4
    Bravo Calcinaro, se leggete bene tra le righe di quanto ha scritto, a parte il risultato di rimuovere le gru, ha passato una randellata non da ridere alla sora Nella Brambatti e compagni vari, meritatissima.
  • Pasquale

    11-02-2016 06:46 - #3
    Le gru erano un rischio per i residenti, andavano tolte prima, esse sono necessarie per i lavori, se i lavori sono fermi, le gru devono essere tolte. Non conosco la normativa, qualcuno deve autorizzare la loro installazione, questo qualcuno da tempo doveva revocare tale autorizzazione. Non è quindi una conquista il loro smontaggio ma un dovere delle ditte è un diritto dei residenti. Bene ha fatto il Sindaco ad affrontare questo problema.
  • Fabio Petrini

    10-02-2016 23:07 - #2
    Un importante risultato positivo.
  • topo gigio

    10-02-2016 20:05 - #1
    Addio sogni di gloria.....addio castelli in aria, sara' chiaro ora a quelli che anche a casabianca hanno votato pd che la sora nella e company hanno procurato grossi danni alla citta' di fermo che puo' dire addio alle faraoniche opere compensative che erano statr proposte (8 milioni di euro).continuate a mette la croce sul pd continuate........
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications