Attualità
ASITE. Cippitelli replica al M5S: "L’appalto delle isole ecologiche è pienamente rispondente alla legge"

“L’indicazione dell’Amministrazione Comunale è quella di andare avanti spediti nel processo di “modernizzazione” del Comune di Fermo per tendere all’ambizioso obiettivo della raccolta puntuale ma più nell’immediato nel miglioramento del servizio e nell’aumento della percentuale di differenziata che è stata ereditata con numeri non lusinghieri; quello delle isole informatizzate costituisce un importante passo concreto per la risoluzione di questo problema", si legge in una nota che porta la firma di Roberto Cippitelli, presidente Asite.

ASITE. Cippitelli replica al M5S:

Nei giorni scorsi l'affondo del M5S di Fermo che chiedeva chiarimenti in merito ai 3 milioni di euro per 70 isole ecologiche e al bando relativo. "In questo modo Fermo potrà andare avanti per cercare di raggiungere traguardi finora solo immaginati: ad oggi abbiamo fatto interventi solo puntuali laddove si ravvisavano criticità (Lido Tre Archi, parte della Castiglionese e via Respighi) ma certamente queste isole informatizzate porteranno a questa Città la tanto attesa modernizzazione nel settore: peraltro ognuna di queste isole sarà dotata di videocamera, un occhio importantissimo anche, e non solo, per dissuadere chi non esercita la raccolta nei modi dovuti.
Di concerto con l’Amministrazione si è proceduto con una sperimentazione della durata di sei mesi che ha prodotto risultati eccellenti. Inoltre, è stato disposto uno studio di fattibilità economico-tecnica i cui esiti sono stati sottoposti sia al Consiglio di Amministrazione, sia all’Assemblea dei soci che hanno deliberato l’atto d’indirizzo per poter proseguire con l’investimento.
A quanto di mia conoscenza lo studio di fattibilità è stato messo a disposizione anche delle forze consiliari di minoranza che ne hanno fatto richiesta, compreso il Movimento 5 Stelle, in sede di approvazione del bilancio, durante il Consiglio Comunale.
Al contrario, nell’articolo a firma del Movimento 5 Stelle, - continua Cippitelli - non leggo soluzioni per migliorare la raccolta differenziata, se non una raffazzonata menzione circa il posizionamento di qualche bidone qua e là. La questione è molto più seria e Asite l’ha affrontata con altrettanta serietà.
Per quel che concerne la gara, a dispetto di quanto paventato dai 5 Stelle ben quattro ditte (provenienti anche da Trentino ed Emilia Romagna) hanno potuto effettuare il sopralluogo obbligatorio a norma di legge; così come è logico che, in un appalto che non premia particolarmente il ribasso sull’offerta economica valutando invece maggiormente il servizio migliore per la Città, ogni opportunità di migliorìa è stata inserita nella offerta tecnica.
L’appalto delle isole ecologiche è pienamente rispondente alla legge, si è svolto nel rispetto di essa e con l’obiettivo della massima partecipazione. I tempi dati per i sopralluoghi, che ripeto sono obbligatori e non facoltativi, sono in linea con la normativa vigente al momento della pubblicazione del bando.
Quindi le cifre poste a base d’asta sono aderenti a quel piano di investimento, come anche gli obiettivi di performance del 70% il primo anno e 75% dal secondo anno in poi di raccolta differenziata.
Sulla verifica dei requisiti in merito al soggetto vincitore della competizione, ritengo che sia la Commissione che gli organi della Provincia di Fermo, che hanno gestito l’intera procedura di gara, hanno operato con la massima diligenza valutando la congruità di tale soggetto vincitore ai requisiti previsti dalla norma. Volendo entrare nel merito dell’offerta che prevede un ribasso dello 0,65%, il M5S ha omesso di dire che oltre l’offerta economica ce n’era anche una tecnica che ha avuto un peso rilevante nella valutazione da parte della commissione di gara.
Sul fatto poi che dovremmo seguire l’esempio del Comune di Pomezia (Sindaco M5S), anche in tal caso vi è stata aggiudicazione nel settore ambiente di appalti con un ribasso anche minore (0,13%), visto la scelta di preminenza per l’offerta tecnica, rispetto al ribasso economico, indicata nel bando di Pomezia”.

Letture:1631
Data pubblicazione : 12/09/2016 17:55
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications