Attualità
"La Procura Generale e la Corte d’Appello di Ancona mi hanno dato ragione". Arrivata l'assoluzione per Zacheo

La Procura Generale di Ancona chiede ed ottiene dalla Corte di Appello l’assoluzione per Pasquale Zacheo. 
La questione del certificato medico per la quale lo scorso anno il Dr. Alessandro Piscitelli aveva chiesto la condanna ed il Dr. Marcello Caporale aveva emesso la relativa sentenza ai danni di Pasquale Zacheo è stata ribaltata dalla Procura Generale e dalla Corte d’Appello di Ancona, che, nell’udienza dello scorso 10 ottobre, hanno decretato l’insussistenza del fatto.

A conclusione della vicenda arrivano i commenti a caldo di Io Scelgo Fermo, la lista del capogruppo in consiglio comunale Zacheo. "Nella controversa accusa si sosteneva la sola responsabilità di Zacheo in merito alla falsità di un certificato medico, con la paradossale esclusione del medico che lo aveva rilasciato dopo accurata visita dell’interessato. Una ipotesi accusatoria che aveva poca possibilità di resistenza, soprattutto perché lo stesso Zacheo, in quel periodo, era afflitto da complessi e delicati problemi di salute certificati da diversi specialisti e da una commissione medica ospedaliera.
E’ significativo, dunque, che sia stata proprio la Pubblica Accusa, attraverso la Procura Generale, a richiedere l’assoluzione e a motivare l’insussistenza del fatto.
Purtroppo, però, Zacheo ha dovuto nel frattempo subire e sopportare l’onta e le spese processuali con un’odiosa accusa che oggi si appresta come ingiusta.
Pasquale Zacheo ha dato comunque mandato ai suoi legali affinché siano valutati e approfonditi in ogni sede eventuali aspetti riguardanti la legittimità dell’operato dei magistrati di primo grado, quanto altri potenzialmente connessi ad eventuali responsabilità disciplinari, civili o penali a carico di tutto coloro i quali sono intervenuti nella questione".

“Ho profondo rispetto della Magistratura, ritenendo centrale il suo ruolo rispetto a tutte le altre Istituzioni. - ha commentato lo stesso Zacheo - Se funziona correttamente la Magistratura, tutto il resto è indotto a conformarsi garantendo civiltà sociale, sicurezza e legalità. Ho sempre rispettato il giudizio della Magistratura, anche quando non l’ho condiviso, sempre fidandomi della correttezza e della qualità del sistema nel suo complesso. Ho avuto la straordinaria fortuna di lavorare e apprendere, in termini di etica professionale e moralità personale, da tantissimi magistrati che ho incrociato nei miei quasi trent’anni di lavoro nell’Arma dei Carabinieri. Tanti li ho incontrati fortunatamente anche a Fermo. Ma sono consapevole della fallibilità della condizione umana e delle sue debolezze. La Procura Generale e la Corte d’Appello di Ancona mi hanno dato ragione, ma sono ovviamente amareggiato per quanto accaduto, prima dell’assoluzione, per questa questione. Un doveroso ringraziamento è dovuto all’Avv. Mariagrazia Concetti per il paziente e straordinario sostegno.”

Letture:2420
Data pubblicazione : 15/10/2016 08:38
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • NON SIA MAI CHE SI MUOVANO CRITICHE ALLA MAGISTRATURA !

    15-10-2016 17:21 - #1
    Non sia mai che si muovano critiche alla Magistratura! Solo eccelse menti superiori di giuristi possono dare una interpretazione del reato di falso per la quale il reo è colui che usa un certificato medico fasullo e non il medico che tale certificato redasse.... A noi, miseri mortali che non possiamo e non siamo in grado di capire i sommi misteri della interpretazione giurisprudenziale... viene solo da chiedersi se alcuni non farebbero meglio a dedicarsi ad attività professionali più atte alle loro capacità, quali - ad esempio - lo scavo di rena lungo il fiume o lo zappamento di zolle su fondi agricoli... Ma non sia mai che si pensi che vogliamo muovere critiche alla Magistratura!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications