Attualità
Fermo fuori dal cratere. Piazza pulita sbotta: "L'unico isolamento è quello di Zacheo"

Il gruppo consiliare di maggioranza si affida ad un comunicato per difendersi dagli attacchi del capogruppo di Io scelgo Fermo. La coalizione, composta da Piazza Pulita, il Centro e Non mi Fermo, si complimenta con la cittadinanza per "la grande responsabilità e dignità di tutti i cittadini" e si ritiene responsabile di "una nuova mentalità di partecipazione dal basso", simbolo dell'attuale amministrazione. Non accetta, infine, lo sciacallaggio politico di Zacheo e definisce la condotta di Io scelgo Fermo come "un altro livello di fare politica"

Fermo fuori dal cratere. Piazza pulita sbotta:

"L'esclusione di Fermo dal "cratere" - recita il comunicato - "è un fatto di cui va preso atto in modo da chiedere le adeguate spiegazioni a chi ha ponderato bene questa decisione. Il territorio profondamente ferito e la città capoluogo meritano sicuramente più attenzione dal Commissario Errani e dalle istituzioni regionali e nazionali.
Pensiamo quindi sia il momento politicamente per chiedere unità di intenti a tutto il panorama politico fermano e questo abbiamo riscontrato fino ad oggi.
La grande responsabilità e dignità di tutti i cittadini colpiti anche solo dalla paura fino a quelli purtroppo con le abitazioni lesionate e sgomberate. Gli studenti traslocati e i cittadini impauriti ma pronti ad aiutare ed accogliere chi nei dintorni maceratesi ha avuto la peggio in questa situazione.
In questo quadro di forza di volontà e coraggio dimostrato dalla cittadinanza, più volte ringraziata dal Sindaco, la competenza e la solerzia di tutti gli addetti e gli uffici comunali nel rialzarsi immediatamente senza guardare orari, notti, festività non ha eguali in questa città che si è dimostrata così forte pronta ed orgogliosa.
Simbolo questo di una nuova mentalità di partecipazione dal basso e di coinvolgimento che questa amministrazione ha marchiato fin dal primo giorno. Amministrazione civica che mai e poi mai ha chiuso le porte delle altre forze politiche e anzi accogliendo le numerose idee costruttive delle varie minoranze, anche in questa situazione drammatica. Emergenza affrontata in prima linea da tutti, vicini ai nostri concittadini innanzitutto e facendo poi il possibile anche per gli ospiti. E se questa è una colpa politica di essere stato fianco a fianco con chi aveva bisogno e non nei “palazzi che contano”, si siamo colpevoli.
E allora con forza rivendichiamo la considerazione che meritiamo: la troppa solerzia e competenza nel muoversi immediatamente non può essere un handicap nella valutazione nazionale e regionale dei danni post terremoto e per questo uniti chiederemo le doverose spiegazioni.
Ma sicuramente non accettiamo l'ennesimo sciacallaggio politico di Zacheo e della sua lista "Io scelgo Fermo" che coglie questa occasione, come altre volte, solo per cercare - ennesimo tentativo a vuoto - solo di screditare la persona del Sindaco, del suo operato e della sua squadra amministrativa. Non accettiamo da chi da mesi non partecipa a commissioni e riunioni dei capigruppo lezioni sull'unità e la partecipazione delle minoranze. Non accettiamo da Zacheo che il livore a causa della sonora sconfitta elettorale ormai lontana ancora non si plachi. Non possiamo neanche accettare che il gruppo "Io scelgo Fermo" non abbia portato in 18 mesi di opposizione neppure una mezza proposta costruttiva per quella che si definisce la città scelta. E' infine inaccettabile in un momento così cogliere occasioni inopportune per portare nient'altro che nocumento alla città stessa. 
Concludiamo sottolineando che Fermo è riferimento per quasi 800 ospiti del maceratese, che prima del terremoto - e lo ritornerà prestissimo - è tornata a splendere con le sue bellezze in tutto il territorio regionale fino ai confini internazionali. Quindi quando il signor Zacheo parla di isolamento dalla sua buia stanza davanti al PC forse parla di se stesso nei confronti di una città che non sopporta questo modo di fare non-politica."

Letture:1509
Data pubblicazione : 16/11/2016 13:01
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • ......calma ragazzi calma....

    16-11-2016 18:22 - #1
    E’ certamente comprensibile che terremoto, ansia, sonno perso, stanchezza, amarezza per l’esclusione dai benefici previsti per i comuni del cosi detto cratere ecc. possa rendere tutti un po’ più nervosi e irascibili, ma….. calma. Qui non si tratta di difendere o parteggiare per Calcinaro o per Zacheo, ma la risposta che la maggioranza da a Zacheo è certamente sopra le righe ed inutile. Veniamo al dunque, per quanto mi riguarda, la candidatura a Sindaco di Zacheo fu sicuramente un errore ed inopportuna, errore ancor più grande lo commise il PD che lo candidò e lo sostenne. Ma oggi è così, Zacheo parla e renderà conto ai suoi elettori e sostenitori, se ancora li ha, di quello che fa e che dice in consiglio comunale. E’ altrettanto vero però che la maggioranza ed il sindaco Calcinaro in particolare è insofferente a qualunque critica e da qualunque parte provenga, al proprio operato. Quasi che a dir qualcosa si commetta reato di lesa maestà. In questa pesante e infinità vicenda del terremoto, Calcinaro dice di voler essere stato vicino ai cittadini e lontano dai palazzi romani. E’ una bella cosa che un sindaco sia vicino ai cittadini, però mi sembra presuntuoso pensare che autorità e presidenti debbano venire a Fermo a chiedere al sindaco se vi è qualche necessità, senza che il sindaco si muova e corra da loro a far presente le difficoltà della città e dei cittadini. Altri Sindaci hanno fatto presente nei modi e nei luoghi dovuti i loro problemi e hanno avuto le giuste risposte, sia con danni maggiori che con danni minori di quelli finora accertati a Fermo, e la lista dei danni non è ancora chiusa. Sono giustificazioni surreali, dire che si vuol far politica con un nuovo modo, partendo dal basso, si va tutto bene, ma il prezzo poi alla fine lo paga la città e i cittadini!!! Forse un po’ meno presunzione e più capacità di coinvolgere livelli superiori della politica, quelli sì completamenti assenti, farebbero bene e meglio alla città. Quando si sbaglia è saggio riconoscerlo e subito, rimediare. Nessuno vuole criticare, anzi se possibile incoraggiare, ma ragazzi, lasciate perdere pure Zacheo e quello che dice, ma da quando siete stati eletti, feste e fiere tante…. vendita del patrimonio di famiglia e, per fortuna che qualcuno lo ha lasciato pure,……il terremoto ci mette del suo, non credo che andremo lontano,…… forse è il caso di cambiare politica e correre ad Ancona e a Roma per farsi aiutare.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications