Attualità
Bando per le periferie, l'assessore Luciani replica a Ferracuti: "I fondi andranno principalmente a Lido Tre Archi, ma la nostra attenzione è rivolta a tutto il litorale"

I fondi destinati alle periferie dei 120 comuni italiani che hanno partecipato al Bando Programma straordinario per la riqualificazione delle periferie approvato a marzo 2017, saranno destinati principalmente al quartiere Lido Tre Archi di Fermo, in quanto i benefici previsti sono di tipo sociale. L’attenzione dell’Amministrazione è comunque rivolta a tutto il litorale fermano con interventi ad hoc.

Bando per le periferie, l'assessore Luciani replica a Ferracuti:

In riferimento a quanto dichiarato dal segretario del Pd di Lido Paolo Ferracuti, l’Assessore ai Lavori Pubblici Ingrid Luciani precisa quanto segue:

“Accolgo con favore l’intervento e la volontà propositiva del segretario Ferracuti sulle azioni a favore del litorale fermano. Tuttavia nel rispetto delle proposte positive lanciate, desidero fare delle precisazioni che meglio spiegano sia il bando sulle periferie, cui come Amministrazione abbiamo aderito con un progetto che, in posizione utile di graduatoria, è in attesa di finanziamento definitivo per quel che riguarda Lido Tre Archi, che sottolineare le tante azioni a vari livelli e in tanti settori che l’Amministrazione sta portando avanti nelle zone suggerite.

Il bando ha fra i suoi requisiti interventi in quelle periferie nelle quali la riqualificazione e la valorizzazione siano funzionali ad obiettivi di tipo sociale, in considerazione della componente demografica del quartiere interessato, proprio come è Lido Tre Archi, densamente popolato anche da più etnie, in cui l’integrazione potrà partire con interventi che vedano insieme azioni di tipo urbanistico, sociale, sportivo e culturale. Un bando, che prende spunto dalle ricerche del noto architetto Renzo Piano, che si propone di individuare piani di intervento caratterizzati dal preciso scopo di rammendare le periferie alle città, innescando con piccoli interventi mirati e strategici (che il senatore a vita chiama “piccole scintille”) processi positivi di riqualificazione e rigenerazione urbana, rispettando uno dei fini principali e più nobili dell’architettura, cioè quello sociale.

Per tali motivi non poteva che essere Lido Tre Archi la zona destinataria, nella nostra città, di un progetto di tal genere, senza dimenticare – fatto di non secondaria importanza - che l’innesco di tali dinamiche positive può generare anche la ripresa del turismo stagionale a Tre Archi, per cui quella zona era nata, turismo del quale potranno beneficiare poi tutte le zone costiere limitrofe, con la loro vocazione commerciale, capace di attrarre il maggior flusso turistico intercettato. Non da ultimo ricordo che Lido Tre Archi, rispetto agli altri quartieri indicati, presenta superfici pubbliche, alle quali potevano essere destinati gli interventi, in numero nettamente superiore e che i benefici del bando sono vincolati alle finalità sociali del progetto già presentato.

D’Altro canto, fin dal nostro insediamento abbiamo rivolto attenzione a tutte le zone della città, come si può notare anche dal programma delle Opere Pubbliche che stiamo perseguendo, e che si caratterizza per un complesso generale di interventi, interdipendenti fra di essi, che strategicamente vanno ad agire in modo razionale e coordinato con le linee d’azione degli altri settori dell’Amministrazione sull’intero tessuto cittadino, e non per sporadici interventi, magari singolarmente corposi dal punto di vista economico, ma senza organicità in un quadro di lettura più ampio della città Solo per fare alcuni esempi dal punto di vista dei lavori pubblici ricordo che Lido di Fermo, Marina Palmense, San Tommaso sono aree della città per le quali si sta agendo con progettualità come: la viabilità parallela in attuazione del Prg, una scogliera radente per la messa in sicurezza della fascia di mobilità, il completamento delle scogliere nella zona sud, in accordo con la Regione Marche, a Marina Palmense; insieme al Comune di Porto San Giorgio ed alla Provincia il progetto per la pista ciclopedonale da includere nella ciclovia Adriatica (con fondi Fesr e Por) insieme al ponte sul fiume Ete; i già ricordati bagni e docce pubblici nelle spiagge libere della città; la prossima realizzazione di un’ampia area giochi nella fascia verde di Casabianca. Inizierà invece dal 1 di luglio l’intervento di efficientamento della pubblica illuminazione in tutto il territorio comunale”.

 

23420625-800x445

 

Slide_Lido_Tre_Archi_1

Letture:2569
Data pubblicazione : 27/06/2017 18:06
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications