Attualità
La spiaggia del Verde Mare si popola di ex campeggiatori. Riccio: "Eravamo, prima di tutto, una grande famiglia". FOTO

Continuano le manifestazioni del Comitato "Salviamo il Verde Mare" in relazione alla definitiva chiusura del campeggio di Marina Palmense per la stagione estiva. Ieri i campeggiatori stagionali si sono trovati sulla spiaggia del Verde Mare per riassaporare le sensazioni di una volta. Di seguito riportiamo le parole di Fulvio Riccio, Presidente del Comitato "Salviamo il Verde Mare":

La spiaggia del Verde Mare si popola di ex campeggiatori. Riccio:

"Per un solo giorno, domenica 16 luglio, il Verde Mare è tornato simbolicamente a vivere. I campeggiatori stagionali si sono dati appuntamento sulla spiaggia dello storico campeggio per passare alcune ore insieme e riassaporare le sensazioni che fino all’anno scorso rappresentavano la normalità. Centinaia di persone provenienti da tutta Italia, grazie all’organizzazione del Comitato “Salviamo il Verde Mare”, si sono ritrovate per riabbracciare gli amici di sempre e discutere del futuro. Oggi si sono visti molti sorrisi ma anche qualche lacrima vedendo quel cancello tristemente sigillato.

Il Verde Mare era prima di tutto una grande famiglia, un gruppo di persone che nel corso di anni sono diventate amiche ed aspettavano l’estate per ritrovarsi insieme, fare un bagno al mare, giocare a carte e la sera vedere lo spettacolo all’arena, comprando un gelato ai propri figli o nipotini.

Qualcuno, per una quanto mai dubbia interpretazione normativa e per un’ipotesi di reato ancora tutta da dimostrare (ricordiamo che il processo deve ancora iniziare!!) ha tolto a migliaia di oneste persone tutto questo. Quest’anno i campeggiatori del Verde Mare più fortunati sono “esiliati” in altre strutture che li ospitano mentre, i meno fortunati, sono rimasti a casa potendo solo ricordare le splendide estati degli anni passati. Gli altri campeggi della zona, che ricordiamo, si trovano nelle stesse identiche condizioni del Verde Mare, terrorizzati dall'attuale clima di caccia alle streghe, stanno iniziando ad "invitare" più o meno gentilmente i propri campeggiatori stagionali ad abbandonare le loro strutture. Un forma di turismo che da 50 anni ha garantito la crescita della riviera fermana sta morendo senza che nessuno riesca a trovare una soluzione a questo assurdo epilogo.

Ma noi del Comitato non ci arrendiamo! Ci siamo ritrovati qua oggi, nella spiaggia del Verde Mare perché amiamo questo mare, questa struttura e faremo di tutto per poterci ritornare. Sappiamo che siamo nel giusto, che non abbiamo commesso alcun illecito. Abbiamo avuto, in questi giorni, ampie rassicurazioni dalla proprietà del campeggio che il campeggio farà di tutto per riaprire l’anno prossimo, spingendo il più possibile per un rapido esito del processo, al fine di arrivare alla sentenza di assoluzione di primo grado entro l’estate prossima. Il Comitato dei campeggiatori si affiancherà ancora una volta a loro in questa difficile battaglia giudiziaria, sapendo che le norme sono dalla nostra parte e che in uno stato di diritto non è possibile che un’indagine possa determinare la morte di una delle più grandi strutture ricettive d’Italia, prima ancora che vi sia una sentenza di condanna".

 

20186988_10213395979079869_498605642_o

 

20182309_10213395978839863_495274048_o

 

20149048_10213395978479854_1564780959_o

 

20133591_10213395980479904_1536191275_o

Letture:6004
Data pubblicazione : 17/07/2017 10:07
Scritto da : Alessandra Bastarè
Commenti dei lettori
4 commenti presenti
  • matteo

    17-07-2017 22:13 - #4
    A forza di dirci a che serve...abbiamo perso...articolo 18, una sanità pubblica decente, la sovranità economica, sovranità territoriale,libertà di cura, libertà di espressione...etc..etc...ma a che serve...
  • ma a che serve???????????????????????' a niente !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    17-07-2017 16:13 - #3
    una manifestazione per chiedere cosa? ma a che serve? ma chi può pensare che il campeggio riapra l'anno prossimo? anche se avesse ragione il buon Felice Chiesa e il sottoscritto ne è convinto, con la lungaggine dei processi forse arriveremo al 2030 e del campeggio Verde Mare non rimarrà nemmeno il cartello.
  • Nico

    17-07-2017 15:39 - #2
    Tre gradi di giudizio prima di ottenere il dissequestro, almeno 10 anni di processo, avete tutto il tempo di andare in vacanza su altre splendide spiagge magari andando in albergo oppure trainando la roulotte sull'autostrada a 10 km orari tutti insieme, bloccando l'autostrada......allora andate in prima pagina e Maracaibo ......mare forza nove.....si ma chi sa dove.....nza.nza
  • giorgio

    17-07-2017 12:00 - #1
    A Fermo le roulottes dei campeggiatori non sono tutte uguali, quelle del Verdenare sono uniche. Intanto gli altri campeggi lavorano, forse anche di più degli altri anni con la chiusura del Verdemare. E il mistero rimane, la domanda è sempre la stessa perchè solo il Verdemare?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications