Attualità
Questione Asite-Asja: si è dimesso il presidente dell'Asite Roberto Cippitelli. LEGGI LA LETTERA DI DIMISSIONI

Mentre è in corso il Consiglio Comunale di Fermo, trasmesso in diretta da Radio Fermo Uno, il sindaco Calcinaro ha esordito annunciando le dimissioni di Roberto Cippitelli, presidente dell'Asite, in seguito alla questione Asite-Asja che sta tenendo banco in questi giorni. 

Questione Asite-Asja: si è dimesso il presidente dell'Asite Roberto Cippitelli. LEGGI LA LETTERA DI DIMISSIONI

"Un’ora fa ho ricevuto le dimissioni di Cippitelli e di sospensione immediata di ogni funzione del Cda”, ha affermato il sindaco Calcinaro.

Il quale ha aggiunto: “Ringrazio il presidente Cippitelli per un atto legato a fatti del 2012. Un atto di grande dignità umana che non è nemmeno molto facile da trovare.”

Nel comunicato inviato dall'Asite in redazione, che annuncia le dimissioni di Cippitelli, si possono leggere le motivazioni che hanno spinto il presidente a dimettersi. 

 

"Con la presente la Fermo A.s.i.t.e. S.r.l.u. comunica di aver ricevuto in data odierna lettera del dott. Cippitelli Roberto di dimissioni dalle funzioni di Presidente del Consiglio di Amministrazione e di Amministratore delegato, con auto-sospensione dalle funzioni di consigliere di amministrazione."

 

Le parole di Cippitelli: 

“Viste le polemiche di queste ultime ore in merito ai chiarimenti richiesti dalla Corte dei Conti, ho assunto la decisione di dimettermi dall'incarico di Presidente del C.d.a. e di Amministratore Delegato dell'Asite, auto-sospendendo le funzioni di consigliere di amministrazione che mi rimangono, per cercare di riportare la giusta e doverosa serenità che la vicenda richiede.

 

Mi spiace molto ripensando al gran lavoro svolto, all'impegno profuso e ai risultati ottenuti in questi 5 anni, esclusivamente finalizzati al bene della società. Dispiace sopratutto dover oggi giustificare quella che fu un’operazione che diede una svolta decisiva e positiva alla drammatica situazione in cui versava la società in quegli anni. Operazione che ancora oggi produce i suoi effetti benefici tanto da garantire alla società stessa stabilità e solidità.

 

Però, proprio per l'attaccamento ad essa, ai suoi dipendenti, ai colleghi del C.d.a. ed alla preziosa attività che tutti hanno svolto e continueranno a svolgere per il bene comune della comunità, è più giusto togliere ogni motivo di disturbo all'esame della vicenda e qualsiasi problema all'Amministrazione tutta. Sono fiducioso e sereno  che si potrà giungere, prima possibile, ad un chiarimento positivo della questione che la Magistratura contabile saprà senza dubbio offrire in tempi brevi. Solamente dopo saremo in grado di tornare con più appropriatezza su alcune questioni.

 

Rimango comunque a disposizione per il disbrigo delle attività che si dovessero presentare come inderogabili ed urgenti fino al nuovo riassetto della governance.

Rinnovo i ringraziamenti a tutti coloro che hanno consentito di raggiungere i risultati ottenuti.”

 

Per seguire la questione Asite-Asja, rimandiamo a un esaustivo articolo pubblicato da "LaprovinciadiFermo.com" che fa chiarezza sulla questione e spiega le richieste della Corte dei Conti.

Letture:3612
Data pubblicazione : 31/07/2017 19:19
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • Mahhhhhhhhhhhhhh !

    01-08-2017 16:52 - #3
    Personalmente Calcinaro mi è pure simpatico, ma ho l'impressione che spesso si comporti alla Don Abbondio, come in questo caso. Sei eletto con l'amministrazione Brambatti a guida PD, sei assessore e vice sindaco, ti fanno dimettere e quando ritorni alla grande da sindaco, anno 2015, non senti la necessità di guardare bene in casa Asite, sempre al centro di polemiche e accuse ! Il contratto tra l'Asite e l'Asja, è stato da anni motivo di dissidio tra i pro Cippitelli, tra cui è inevitabile annoverare il sindaco Calcinaro e gli altri, capitanati da Forza Italia. In sedi diverse, il sindaco Calcinaro ha elogiato l'Asite e il suo presidente Cippitelli, ha esteso la sua protezione su di loro e oggi, dopo che uscita la notizia della Corte dei Conti di AN, Cippitelli si è dimesso, tenta, come ricordato da luca2 nel primo post, di tirarsi fuori dal ciclone, come se nulla fosse ? Mahhhhhhhhhhhh ! Non regge Calcinaro, questa volta non potrai aspettare gli eventi per prendere una posizione, questa volta dovrai rendere conto ai fermani dell'operato dell'Asite e credimi, non si esaurisce con la sola indagine della Corte dei Conti, ma investe tutta la sua attività, con la discarica in primo piano. Il tuo passato Calcinaro è recente, i fermani ti hanno votato ma non hanno dimenticato, quindi una volta tanto, prendi una posizione e non aspettare che il ciclone passi, perchè ti potrebbe anche travolgere.
  • osservazione.....

    01-08-2017 16:18 - #2
    Quando i cittadini fermani potranno sapere il contenuto del verbale secretato ??? ma se il Comune ha perso 10 milioni di euro, chi li ha guadagnati ??? tutti questi elogi a Cippitelli mi sembrano proprio fuori luogo visto quello che sta accadendo. Spero che questa volta la redazione pubblichi questo mio quesito.
  • luca2

    01-08-2017 08:27 - #1
    Sul giornale di oggi vi è una dichiarazione del sindaco Paolo Calcinaro, che afferma che i fatti contestati tra gli altri a Cippitelli sono riconducibili all'anno 2012, come a prenderne le distanze, come se il Dott. Paolo Calcinaro all'epoca, non fosse il vice sindaco della Brambatti e assessore, insieme all'attuale vice sindaco Trasatti. Calcinaro poteva dare un colpo di spugna all'amministrazione dell'Asite quando è stato eletto sindaco, invece, ha confermato Cippitelli e sostenuto dagli attacchi provenienti spesso e volentieri da Forza Italia. Oltre alle vicende economiche, non si è saputo più nulla della questione rifiuti, con esposti del comitato di cittadini che avevano filmato con un drone le situazioni interne alla discarica di San Biagio, aspettiamo fiduciosi.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications