Attualità
Post sisma. Alla Regione Marche 408 milioni di euro di fondi UE per imprese, turismo e agricoltura

Questo pomeriggio si sono tenute le assemblee dei sindaci delle tre province colpite dal sisma. Nel corso delle assemblee è stato comunicato l'ammontare dei fondi che l'Europa ha messo a disposizione della Regione Marche per un ammontare complessivo di 408 milioni di euro: 248 milioni di risorse aggiuntive di fondi per il sostegno alle imprese, turismo e mobilità sostenibile e 160 milioni in più per l'agricoltura.

Post sisma. Alla Regione Marche 408 milioni di euro di fondi UE per imprese, turismo e agricoltura

Alla Regione Marche sono stati assegnati 248 milioni di euro aggiuntivi di fondi europei POR FESR.

Queste risorse sono da destinare ai territori colpiti dal sisma e da utilizzare con criteri stabiliti dalla Commissione Europea.

Cento milioni per il sostegno alle imprese marchigiane attraverso la valorizzazione economica dell'innovazione, supporto alla realizzazione di progetti complessi di attività di ricerca e sviluppo, aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili, e accompagnamento di processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale, consolidamento, modernizzazione e diversificazione dei sistemi produttivi territoriali, miglioramento dell'accesso al credito.


Per i Comuni 50 milioni per la riduzione dei consumi energetici negli edifici e nelle strutture pubbliche, 11 milioni per la mobilità sostenibile nelle aree urbane, 8 milioni per la riduzione del rischio idrogeologico, 50 milioni per la riduzione del rischio sismico e oltre 20 milioni per il turismo e la promozione del territorio per interventi per la tutela, la valorizzazione e la messa in rete del patrimonio culturale, materiale e immateriale, nelle aree di attrazione di rilevanza strategica tale da consolidare e promuovere processi di sviluppo.


Durante la riunione gli assessori Fabrizio Cesetti a Fermo, Angelo Sciapichetti a Macerata e Anna Casini ad Ascoli, hanno spiegato l'ordinanza che riguarda il Durc di congruità.

L'Ufficio speciale per la ricostruzione infatti richiederà il documento a tutte le aziende di costruzioni che realizzeranno i progetti di ricostruzione. Tali imprese dovranno essere in regola non solo con il Durc, documento che attesta che un'azienda sia in regola con i pagamenti dei contributi dei dipendenti, ma anche con il Durc di congruità che certifica il numero dei lavoratori è congruo per svolgere quella determinata attività.

Un provvedimento spiegano che "permette di combattere il lavoro nero, il caporalato e le infiltrazioni mafiose".


Ultimo punto all'ordine del giorno la discussione sui 4 milioni di euro di donazioni degli sms solidali, fino ad ora non ancora assegnate, che il commissario straordinario attribuirà alle Regioni. Fondi che verranno destinati a progetti dei comuni per gli spazi di socialità.

Letture:1532
Data pubblicazione : 03/10/2017 09:48
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications