Attualità
Servigliano. Ultimo evento della Giornata della Memoria: mercoledì 31, convegno con gli storici Di Sante, Luppi e Giunta La Spada

Giungono al termine gli eventi del ricco cartellone che Servigliano ha dedicato alla Giornata della Memoria. Mercoledì 31 gennaio, alle 9.30, nella sede dell’associazione Casa della Memoria (ex stazione ferroviaria, vicino all’ex campo di internamento), si svolgerà il convegno sul tema: “Servigliano-Fossoli: verso Auschwitz”. 

Servigliano. Ultimo evento della Giornata della Memoria: mercoledì 31, convegno con gli storici Di Sante, Luppi e Giunta La Spada

Sarà una giornata con tre protagonisti principali: Costantino di Sante (direttore dell’Istituto storico di Ascoli Piceno) parlerà degli “Ebrei internati nel Piceno durante la Seconda Guerra Mondiale”; Marzia Luppi (direttrice della Fondazione ex-campo Fossoli) terrà una relazione sul “Ruolo di Fossoli nella deportazione dall’Italia”. Chiusura di Paolo Giunta La Spada sul tema: “70 anni di Storia e Memoria”. Di Sante è uno dei massimi esperti a livello internazionale della deportazione di ebrei italiani.

“Fossoli – commenta il prof. Paolo Giunta La Spada, direttore scientifico della Casa della Memoria – è il paradigma italiano del campo di prigionia e deportazione. Come Fossoli, Pithiviers e Drancy in Francia, Westerbork in Olanda: luoghi da cui si parte per andare ad Auschwitz. Luoghi di un sistema di prigionia e internamento che non è stato indagato abbastanza e che va raccontato anche se esistono verità che non abbiamo voglia di indagare o ascoltare. Infatti mentre la Germania ha fatto da tempo i conti col suo passato, l'Italia è rimasta incerta nell'analisi delle identità che hanno composto la sua storia. Studiare la Shoah significa inquadrare i fatti dal punto di vista storico, studiare con rigore scientifico la complessità di quei fatti; non rinunciare alle implicazioni morali, religiose, filosofiche per riuscire non solo a ricordare, ma a capire come è stata possibile una cesura della storia, un black-out dell'umanità come ad Auschwitz-Birkenau, o a Treblinka. Se non recuperiamo la conoscenza storica, parlare di Memoria si trasforma in un esercizio retorico e sterile”.

Letture:1030
Data pubblicazione : 29/01/2018 09:07
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications