Attualità
Regione Marche, politiche del lavoro: 779 milioni per favorire occupazione, formazione e sviluppo

779 milioni di euro le risorse messe in campo della Regione Marche per le politiche del lavoro. 100 milioni sono destinati agli investimenti per le imprese, 65 alle aree di crisi, 29.6 alla formazione professionale, 28 alle politiche sociali, 23 milioni per tirocini e borse lavoro, 900mila euro per la rivalutazione del piccolo commercio. A queste cifre si aggiungono 249 milioni di euro per i fondi straordinari del sisma per l'occupazione e 274 milioni dal Piano di sviluppo rurale per l'occupazione in agricoltura. 

Regione Marche, politiche del lavoro: 779 milioni per favorire occupazione, formazione e sviluppo

"Come Regione non abbiamo ovviamente le risorse per il reddito di cittadinanza, ma abbiamo un capitolo welfare per le famiglie in difficoltà, ossia i redditi di inclusione che stanno in una scala di valori per noi proponibile – ha commentato Luca Ceriscioli, presidente della Regione Marche, durante la seduta del consiglio regionale dedicata alla "Situazione occupazionale delle Marche e prospettive di sviluppo. L'importante è che ci sia presto un governo con cui continuare un'interlocuzione necessaria per sviluppare al meglio, ognuno secondo le sue dimensioni, le proprie politiche".

"Sui centri per l'impiego - continua Ceriscioli - il loro obiettivo è l'incrocio di domanda e offerta e l'indirizzo alla formazione professionale mirata alle esigenze del territorio e su questo verte la riforma. Abbiamo 1miliardo e 200 milioni finanziati per le opere pubbliche del sisma, un grande motore in termini di ripartenza e sviluppo. Collaboriamo con università, associazioni e categorie per un piano complessivo di rilancio delle aree interne e del territorio regionale .

Tutta la regione verrà cablata a banda ultralarga. L'intento è raccogliere un insieme di azioni con proposte di natura infrastrutturale per veder finanziato un Patto dello Sviluppo in grado di sostenere quei progetti che non possono essere sostenuti con le risorse europee che hanno rigidi parametri.

Sul fronte del credito ci sono 23 milioni in un'unica misura per agevolare il credito all'impresa. Agiamo anche in questo caso con quello che è compatibile con le nostre competenze, creare condizioni per dare occupazione: tutte le azioni presentate oggi vanno verso quell'obiettivo".

 

"Stiamo lavorando in modo trasversale con tutti i componenti della giunta – ha sottolineato l'assessore al Lavoro, alla Formazione e all'Istruzione Loretta Bravi -. Le politiche attive e passive vengono applicate insieme per evitare squilibri, il che significa sostegno alla disoccupazione nell'ottica però non di un assistenzialismo ma di una ricollocazione. E' necessaria una spinta al ricambio generazionale, difficile ma possibile: abbiamo aperto un avviso che prevede la formazione mirata di manager d'azienda legata a progetti europei dei quali le Marche sono capofila. La Regione ha partecipato a Tavoli specifici con Confindustria, associazioni di categoria, parti sociali con una presenza capillare nei territori. Da qui è nato un avviso di 6 mln di euro rifinanziabili per favorire la formazione ad hoc e snellire le procedure di partecipazione. Scuola e lavoro devono andare insieme: non solo ricerca e alta formazione, ma apprendistato, formazione professionale, sistema duale, botteghe di mestiere. Per questo convochiamo tavoli territoriali continui con gli stakeholder del territorio (aziende, investitori, parti sociali, associazioni di categoria, Università). Stiamo lavorando con ANCI su avvisi finalizzati allo sviluppo del territorio che coinvolga disoccupati e lavoratori che necessitano di ricollocazione (1 mln di euro). Stiamo procedendo spediti anche con la riqualificazione dei Centri per l'Impiego. Stiamo lavorando ad un bando sulla stabilizzazione al lavoro con aiuto alle aziende (3 mln di euro)".

 

Per quanto riguarda le strategie europee, la Regione Marche è capofila di progetti di adesione alla strategia delle Macroregioni su ricerca, innovazione e imprenditoria innovativa e persegue una progettualità condivisa e risorse integrate nazionali, regionali e europee (FSE/FSE/PSR) su più fronti: Aree crisi aree interne; Filiere; Ricerca e innovazione; Manifattura.

"Una novità di questa programmazione è l'Investimento territoriale integrato che ha rafforzato i finanziamenti anche statali. Avere già avuto questo strumento all'interno del POR FESR è stato molto utile anche per mettere in sinergia le misure – ha evidenziato l'assessore alle Attività Produttive Manuela Bora - Attualmente per l'area di crisi complessa del Piceno ci sono 31.757.000 euro (189 assunzioni previste), per l'Area di crisi di Pesaro e Urbino 5.623.376 milioni (224 assunzioni previste), per l'Area di Crisi Merloni 18.519.480 euro (247 assunzioni previste), per l'Iti Fabriano 4,5 milioni (assunzioni previste nel 2019), per l'area di crisi non complessa Pu, Fermano e alcuni Comuni di Ancona e Porto Recanati".

 

"Forte è l'impegno della Regione sul fronte delle infrastrutture fondamentali con un investimento di circa 510 milioni di euro per ricostruire e mettere in sicurezza le scuole e i 110 milioni di euro per la banda ultra larga - aggiunge la vicepresidente Anna Casini -. Possiamo affermare che le Marche hanno ingranato la marcia giusta. Importanti sono anche gli investimenti programmati e i lavori avviati sulle infrastrutture viarie:  211 milioni di euro per la Salaria, le opere della quadrilatero Marche-Umbria in fase di completamento, la SGC Fano Grosseto, i lavori di ripristino e messa in sicurezza delle strade colpite dal sisma  per un investimento complessivo di 400 milioni di euro sono in corso".

 

Le Marche saranno la Regione capofila della ciclovia Adriatica che comprende altre cinque regioni quali Veneto, Emilia Romagna, Abruzzo, Molise e Puglia arrivando fino a Santa Maria di Leuca per una lunghezza complessiva di 1630 km che la renderanno la ciclovia turistica più lunga d'Italia.

Nei prossimi giorni saranno destinati i primi finanziamenti per la progettazione dell'intera opera e la realizzazione di alcuni lotti funzionali. Sul fronte del PSR, la Regione ha già impegnato 274 milioni di euro in soli due anni e mezzo, dando sostegno al ricambio generazionale nel lavoro in agricoltura con l'avviamento di nuove aziende. Parte delle risorse del PSR servono per mantenere e tutelare ben 5.481 unità lavorative in agricoltura. Abbiamo attivato misure per sostenere le imprese zootecniche per una dotazione totale di 12 milioni e 600mila euro al fine evitare la svendita dei capi e la chiusura aziende. Fondamentali anche gli investimenti per l'innovazione e la qualità su cui le produzioni marchigiane devono sempre tendere visto che non è possibile competere sulla quantità. Abbiamo inoltre 160 milioni di euro per il sisma, di cui 60 milioni sono già impegnati e 15 per i GAL, gruppi di azione locale, dove con i PIL viene incentivata la collaborazione tra enti pubblici e privati per implementare il lavoro"

Letture:1012
Data pubblicazione : 14/03/2018 09:51
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications