Attualità
A breve un gattile a Fermo: verrà realizzato in una struttura in contrada San Martino dopo alcuni interventi di ristrutturazione
Nell’ambito delle azioni messe in campo dall’Amministrazione Comunale volte a tutelare gli amici a quattro zampe si annovera anche la decisione di realizzare un gattile che sorgerà in contrada San Martino, a Fermo, in una struttura inutilizzata, dopo alcuni lavori di ristrutturazione.
A breve un gattile a Fermo: verrà realizzato in una struttura in contrada San Martino dopo alcuni interventi di ristrutturazione
Una decisione che fa seguito all’incontro svoltosi in Comune nel gennaio scorso cui avevano partecipato il Sindaco Paolo Calcinaro, l’assessore all’ambiente Alessandro Ciarrocchi, il Presidente del Movimento animalista provinciale Luciano Romanella, Maria Rita Antonini dell’associazione A-mici a 4 zampe, Lilli Comini, volontaria, Teresa Silenzi dell’associazione Donne d’A-Mare e Susanna Lorenzi, responsabile del movimento di Porto San Giorgio nel corso del quale era stata avanzata la richiesta, in particolare da parte dell’associazione A-mici a 4 zampe, di dotare la città di un rifugio felino per accogliere gatti non adottati.
 
L’Assessorato all’Ambiente ha così deciso di aderire al progetto: “Ci ha convinto la sincera passione e la forte determinazione delle associazioni che dedicano attenzioni a gatti non adottati spesse volte bisognosi di cure - ha detto l’assessore all’ambiente Alessandro Ciarrocchi. Abbiamo così ritenuto di aderire al progetto presentato dall’associazione A-mici a 4 zampe e sostenuto dalle altre associazioni destinando una struttura ad oggi inutilizzata per la quale serviranno piccoli lavori di pulizia ed adeguamento strutturale, dopodiché sarà messa a disposizione dei volontari delle associazioni che si occupano degli animali.
L’auspicio è che a seguito di questa nostra decisione, sulla spinta delle associazioni animaliste che si sono dimostrate attive e propositive anche su altri comuni, si instauri una progettualità diffusa e magari un rapporto sinergico anche con altre associazioni e con le amministrazioni dei territori limitrofi, al fine di rinvenire risorse per la creazione di una vera e propria oasi felina ”.
 
“Ringrazio l’Amministrazione Comunale per la concretezza e la celerità della decisione che dimostra la sensibilità e l’attenzione verso gli animali, facendo sì che una Città capoluogo come Fermo sia fra le prime città in Provincia a dotarsi di una struttura del genere” - ha detto Luciano Romanella del Movimento animalista provinciale.
Letture:2823
Data pubblicazione : 17/03/2018 12:57
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
6 commenti presenti
  • matteo

    22-03-2018 11:28 - #6
    "A Porto Sant’Elpidio, i militari della Stazione, al termine di accurate indagini, hanno identificato e denunciato un albanese e un tunisino di 25 e 19 anni, per aver tentato un furto nell’abitazione di una famiglia del posto per poi fuggire su un’auto asportata poco prima a Porto San Giorgio. I due sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria di Fermo per tentato furto e ricettazione in concorso."
  • l'osservatore fermano

    22-03-2018 08:25 - #5
    Gentile Matteo, è mai possibile che ad ogni intervento critico / costruttivo sulle attività dell'attuale amministrazione si attivino subito le "truppe cammellate" per denigrare e offendere chi prova a contribuire con le idee per rendere più bella e vivibile la nostra Fermo? Che c'entrano la dx-sx e Centro? stiamo parlando di realizzare opere delle quali beneficerebbero tutti i Cittadini! E' un problema di priorità.Provi a controbattere con argomenti seri e reali, se ne ha voglia e capacità.
  • Carlo

    21-03-2018 07:24 - #4
    Matteo ma io sono felicissimo che avete vinto; appena andate al governo chiudono tutti i CAS a Fermo e tutti i progetti Sprar. Non vedremo più un profugo in giro per Fermo. Giuro che non vedo l'ora e non ci sono scuse stavolta, se ci sono ancora dopo che stanno al governo sono creduloni chi gli ha votato.
  • matteo

    20-03-2018 09:19 - #3
    Poveri sinistri...le elezioni hanno dato il colpo di grazia...si consiglia massicce dosi di psicofarmaci...
  • Carlo

    18-03-2018 18:40 - #2
    PRIMA I GATTI ITALIANI. Fuori i siamesi, che si sa che fanno più figli e gli date la case gratis. E basta a dare ai gatti neri 35 euro al giorno.
  • l'osservatore fermano

    18-03-2018 08:47 - #1
    E' ovvio che si sia d'accordo su queste iniziative realizzate in tempi record e con contributi immediati; però aggiungerei un contributo su quanto noi cittadini non allineati in Partiti-associazioni-centri sociali ecc. e quindi non rappresentati, andiamo esponendo da tempo: Il Centro Storico si è ormai spopolato; le cause sono indiscutibilmente il terremoto (risolvibili nel tempo e con programmi adeguati) e la mancanza di negozi dove i residenti , soprattutto anziani, possano accedere senza dovere ricorrere all'utilizzo delle auto; qualche anno fa tutto si concentrava nel “mercato coperto”, vero luogo di ritrovo e socializzazione per gli abitanti del posto e del circondario, con conseguente visita ai negozi in Piazza e sul Corso. Le nostre scuole dovrebbero tornare a vivere così come e dove erano prima,l'abbiamo auspicato subito dopo il terremoto: infatti il cuore pulsante di ogni comunità é alimentato dai giovani e da tutto quello che gira intorno a loro,anche economicamente; altrimenti si rischia che i plessi scolastici si trasformino in “dormitori”, come i palazzoni nelle periferie delle grandi città industriali, da dove si va e si viene con i mezzi pubblici e ci si vive per il necessario.Qualche ufficio pubblico potrebbe trovare posto nei grandi Palazzi del Centro Storico,ormai disabitati (era nel programma della attuale amministrazione).La Casina delle Rose ha uno spazio interno che in passato era utilizzato per il pattinaggio dei bambini nel pomeriggio e come cinema all'aperto e/o teatro dopo cena. Allora? Servirebbe anche per fare una manutenzione ordinaria, visto che dall'aspetto esterno sembra abbandonata e cadente.La manutenzione delle vecchie mura dovrebbe essere un fiore all'occhiello;purtroppo non è così. E' sufficiente osservare l'ottimo aspetto delle mura sopra porta Santa Caterina, restaurate e affiancate dal bastione(di serie B ?) con crepe enormi e direi pericoloso; oppure il Tunnel e le mura adiacenti, che si è scoperto essere inagibile a causa del terremoto, con crepe datate e molto evidenti. Se non ci sono soldi accendiamo un mutuo come farebbe un buon Padre di Famiglia per offrire un alloggio dignitoso ai suoi cari. Però pensandoci bene ,non dovrebbero essere i politici a reperire i finanziamenti in Regione o dallo Stato ? E' il loro compito! Evidentemente si tratta solo di "scelte politiche",visto l'elenco di risorse ,ingenti e disponibili per numerosi obiettivi ,non tutti condivisibili relativamente all'urgenza,pubblicato in questi giorni.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications