Attualità
Blocco Studentesco. Sit-in di protesta all'istituto Montani di Fermo dopo il crollo del tetto

Questa mattina gli studenti del Blocco Studentesco sono scesi in strada davanti all'ITI Montani di Fermo dopo il crollo del soffitto avvenuto ieri mattina al secondo piano della sede del triennio. "Questa struttura non è sicura": questo il testo dello striscione esposto dai maifestanti. 

Blocco Studentesco. Sit-in di protesta all'istituto Montani di Fermo dopo il crollo del tetto
"Da anni anni parliamo di sicurezza scolastica e della revisione completa di quegli istituti della provincia che hanno riportato danni in seguito al terremoto del 2016. Al Montani è sotto gli occhi di tutti che da due anni a questa parte la sicurezza sia un optional, ma qualcuno ancora sosteneva il contrario e questa mattina ne abbiamo avuto la conferma" .
Esordisce così il responsabile locale del Blocco Studentesco Nicola Pagliarini, vista la gravità dell'incidente di ieri mattina: "Con quale incoscienza si dichiara che l'istituto è sicuro, se dopo i controlli "effettuati" il soffitto crolla? Fortunatamente non c'erano studenti altrimenti si sarebbe parlato di tragedia. Oltretutto si continua a mettere a repentaglio la vita degli studenti imponendogli di continuare a svolgere regolarmente le proprie lezioni anziché chiamare da subito gli addetti ai lavori."
 
Sempre Pagliarini poi rincara la dose e conclude: "l'inefficienza delle istituzioni da due anni a questa parte ha portato a questo. Non possiamo più permettere che nel 2018 accadano queste cose. Ci sono delle vite umane in ballo, daremo battaglia a dirigente e istituzioni di competenza affinché non si verifichino situazioni simili e vengano individuati i colpevoli di quello che è a tutti gli effetti un tentativo di strage."

 

Foto_3

 
Letture:3452
Data pubblicazione : 15/05/2018 10:21
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
4 commenti presenti
  • Massimo

    16-05-2018 11:18 - #4
    Affermare come ha fatto il presidente della provincia Canicola, che la scuola dell'Istituto Montani è sicura, dopo un crollo di un tetto di un'aula che avrebbe potuto causare una tragedia, la trovo incomprensibile. A tal proposito, il blocco del triennio è stato chiuso, reso non agibile con ordinanza del sindaco di Fermo. Faccio una proposta al presidente della provincia di Fermo, se è convinta che la scuola sia sicura, perché non vi trasloca con gli uffici provinciali e lascia gli spazi agli studenti del Montani?
  • Lucio

    15-05-2018 21:59 - #3
    Ma la amministrazione è latitante? Un amministrazione comunale incompetente e latitante..buona solo a spot e foto sulla stampa... centro storico di qua'... Gattile di là... riqualificazione di su' eccecc... abbiamo le strade fatiscenti...una crisi occupazionale pazzesca...i negozi chiudono... rimpiango l amministrazione di Ruscio...via tutti...
  • Roberto

    15-05-2018 18:09 - #2
    Sono dalla parte degli studenti, questa volta hanno tutto il diritto e il dovere di protestare contro una scuola che si è dimostrata non sicura. Deve essere individuata la responsabilità di quanto accaduto, di una gravità inaudita che avrebbe potuto sfociare in una strage. Ma già ho letto alcune dichiarazioni che tentano la carta dell'imprevedibilità, del caso, ma siamo fuori? Una scuola adiacente una chiesa messa in sicurezza per danni del terremoto, e nessuno si è accorto di nulla? Cari ragazzi fate sentire forte la vostra voce, non si può giocare con la vita degli studenti, nessuna scusa, deve essere accertata la responsabilità, chiunque sia.
  • alberto

    15-05-2018 15:58 - #1
    Voglio manifestare la mia più ampia solidarietà agli studenti, perché deve essere garantita loro la sicurezza nelle scuole ed è inaccettabile quanto avvenuto all'ITI, solo la fortuna ha evitato una sciagura.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications