Attualità
Terremoto, ricostruzione leggera bloccata. Cna: "Subito un decreto per i piccoli abusi"

Nelle aree terremotate del cratere le abitazioni danneggiate sono oltre 60 mila ma le richieste presentate in Regione sono 2500 e i cantieri avviati poco più di 500 a venti giorni dalla scadenza del 30 giugno.

Terremoto, ricostruzione leggera bloccata. Cna:

Ricostruzione leggera bloccata. Nelle aree terremotate del cratere le abitazioni danneggiate sono oltre 60 mila ma le richieste presentate in Regione sono 2500 e i cantieri avviati poco più di 500 a venti giorni dalla scadenza del 30 giugno. A frenare le pratiche sono le continue scosse che scoraggiano i proprietari di case dall'avviare i lavori di ristrutturazione mentre la terra trema ancora. Ma a bloccare le pratiche sono anche i piccoli abusi e le difformità urbanistiche ed edilizie delle abitazioni, magari vecchi di anni, che impediscono il recupero dell'intera struttura non a norma.

"Chiediamo al Governo" affermano Camilla Fabbri responsabile Cna per la ricostruzione e Marco Rossi presidente Cna Costruzioni Marche "di approvare urgentemente un decreto per sanare piccoli abusi e difformità e sbloccare migliaia di richieste per la ricostruzione leggera. Non si tratta, come sostengono Legambiente e Fillea Cgil nazionale "di un condono edilizio per le zone terremotate ma di una misura di buon senso per frenare l'abbandono dei borghi e favorire la ricostruzione di interi centri storici. I veri abusi sono stati condonati da tempo. Anche la Regione e il Commissario straordinario alla Ricostruzione Paola De Micheli sostengono la necessità e l'urgenza di una sanatoria per sbloccare i piccoli lavori. I proprietari di abitazioni con  danni lievi non hanno diritto alla casetta, ma stanno in affitto o negli alberghi  e gravano sulla collettività.   Lo scorso 5 giugno la Commissione Parlamentare Speciale che ha approvato la proroga dei termini per i versamenti tributari e contributivi, non ha affrontato la questione. Una nuova riunione della Commissione è prevista per il 13 giugno. Sarebbe auspicabile che entro quella data, e comunque prima della scadenza del 30  giugno, il Governo approvi un decreto per sanare piccole difformità urbanistiche ed edilizie nell'area del cratere. Sono ormai passati due anni e se non ripartono in fretta i lavori della ricostruzione leggera, quelle case rischiano di essere abbandonate per sempre, con conseguente e inevitabile degrado sociale ed economico dell'area".

Letture:1123
Data pubblicazione : 09/06/2018 11:38
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications