Attualità
Fermo. Piazzale Azzolino. I condomini rispondono al M5S: "Consiglieri comunali che sparano a zero contro cittadini fermani che hanno vissuto disagi causati dal sisma"

"Con riferimento all’intervento dei consiglieri comunali del M5S, condividiamo  solo una affermazione: c’è da rimanere sbigottiti! L’intervento è basato su considerazioni non aggiornate e grossolane, che alimentano la tendenza generalizzata, e molto presente purtroppo nella nostra città, di mettere tutti contro tutti, in una faida infinita e delirante" arriva la replica del Condominio di Corso Cefalonia n.29, in seguito agli attacchi del Movimento 5 Stelle di Fermo di ieri sulla presenza della gru a Piazzale Azzolino e non solo.

Fermo. Piazzale Azzolino. I condomini rispondono al M5S:

"Vediamo allora di chiarire alcuni punti essenziali per tutti - continua la nota stampa. La gru è necessaria per l’esecuzione di lavori di riparazione dei danni provocati dal terremoto in un palazzo il cui ingresso principale è su Corso Cefalonia. Non c’è altro spazio utile dove possa essere collocata, né sul Corso stesso, né su Via della Pescheria.

Il Condominio di Corso Cefalonia ha provveduto a proprie spese ad effettuare i lavori di messa in sicurezza, senza gravare sul Comune, se pure c’è un’ordinanza di sgombero immediato per la pubblica incolumità.

Si dimentica anche molto facilmente che tutta l’area tra Corso Cefalonia (Palazzo Cefalonia), vicolo della Pescheria e Piazzale Azzolino sarebbe stata “zona rossa” ma non abbiamo voluto creare problemi alle attività ivi presenti.  Non importa poi se l’unica persona con autonoma sistemazione, sgomberata  da ben 2 anni da casa e dalla propria attività, con enormi disagi personali, economici e lavorativi, ogni giorno percorre 70 km per poter in qualche modo lavorare o se un’altra famiglia vive in mezzo alle muffe senza mai poter aprire le finestre a causa dell’impalcatura presente sul palazzo dal novembre 2016. Noi siamo rimasti in silenzio rimboccandoci le maniche come fa la gente della nostra terra senza ricorrere al  vittimismo e all’assistenzialismo."

"Con gli uffici comunali il dialogo è stato sempre aperto, pur a momenti teso, a causa del fatto che il contributo è stato riconosciuto e notificato l’11 maggio 2018, e da quel momento la proprietà ha 6 mesi di tempo per effettuare i lavori, con una proroga eventuale di 2 mesi. Se il termine non viene rispettato, il contributo è perso, e si può immaginare il danno che ne deriverebbe. E’ evidente che dall’11 maggio i contatti sono frequenti, e la collaborazione è stata sempre attiva" - continuano.

"Gli uffici - prosegue la nota - hanno fornito l’indicazione sul punto più idoneo del piazzale (davanti al vicolo della Pescheria) dove collocare la gru, per evitare danni ad eventuali strutture o cavità interrate. La professionalità e conoscenza dei luoghi da parte dei tecnici comunali è stata confermata dalla successiva indagine svolta a carico dei proprietari del palazzo. Il carico a centimetro quadrato determinato dalla presenza della gru è inferiore a quello determinato dai veicoli a motore. La pavimentazione sarà protetta da un telo posto su di essa, per evitare che il cemento sporchi i blocchetti di tufo e i mattoni. Questo accorgimento è elementare. A garanzia di ipotetici danni, che saranno in ogni modo evitati, è stata stipulata una polizza assicurativa, sempre a carico dei proprietari del palazzo."

 

"Fatte queste precisazioni di natura tecnica, vogliamo affermare con chiarezza che proprio in queste ultime giornate è in corso di valutazione una proposta di soluzione che fa salvi gli interessi di tutti, e ancora una volta da parte dell’amministrazione c’è stata disponibilità e collaborazione. Una ordinanza del Sindaco può sospendere i lavori e questa sospensione, motivata da interessi diffusi, non inciderà sul termine per l’esecuzione da parte dei proprietari del palazzo. Con buona pace di attività economiche che, dopo aver avuto accesso a tutta la documentazione ed essere informate sugli aspetti tecnici illustrati, trovano evidentemente più divertente partecipare al gioco al massacro" si continua a leggere nella nota stampa.

 

"La riparazione dei danni del terremoto vogliamo sperare che interessi a tutti, sia quella realizzata dagli enti pubblici, sia quella realizzata da privati. Abbiamo avuto un cantiere in Piazza del Popolo per mesi, ma il disagio è stato giustificato dal desiderio di tutti di vedere il Palazzo Vecchio e le sue preziose sale reso sicuro e valorizzato, e giustamente non c’è stata alcuna polemica. Non si capisce davvero perché il privato che partecipa al recupero e alla valorizzazione del Centro Storico debba essere invece demonizzato e trattato da nemico dei cittadini. Specie se il privato ha investito in passato sulla propria vita personale e professionale nel Centro Storico. A lasciare sbigottiti è che due consiglieri comunali, che dovrebbero avere equilibrio nel valutare tutti gli aspetti di una problematica, entrino a gamba tesa e sparino a zero contro cittadini fermani che hanno vissuto e stanno vivendo i disagi causati dal sisma. Confidiamo che a breve si possa risolvere la situazione e che il clima in città possa diventare un po’ più calmo e civile" concludono i condomini.

Letture:4135
Data pubblicazione : 28/07/2018 13:42
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • viva la liberta' (Quella mia....)

    28-07-2018 16:16 - #1
    Comprenssibile la reazione dei cittadini (che a tempo perso presumo siano anche elettori....) ma mi permetto una osservazione al loro intervento: hanno dimenticato che chi ha protestato sono stati i consiglieri comunali del "nuovo che avanza", i liberi e liberali Pentacoli stellati. Quelli hanno superato anche la democrazia nel loro mondo perfetto, ed il rispetto non ce l' hanno proprio, manco sanno che roba è. Loro rispettano solo Casaloggia e Beppe.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications