Attualità
Porto San Giorgio. Comune e Politecnica delle Marche insieme per il piano regolatore portuale: firmata la convenzione, progetto pronto entro un anno

Una giornata importante e potenzialmente storica, che potrebbe risolvere una questione annosa per la città: il Comune di Porto San Giorgio e l'Università Politecnica delle Marche hanno infatti sottoscritto una convenzione per l'attività di ricerca e l'elaborazione documentale finalizzata alla redazione del piano regolare portuale. Il progetto dovrà essere redatto entro un anno: il costo della convenzione è pari a 38.000 euro più Iva, già inseriti nella variazione di bilancio approvata dal consiglio comunale di luglio.

Porto San Giorgio. Comune e Politecnica delle Marche insieme per il piano regolatore portuale: firmata la convenzione, progetto pronto entro un anno

Visibilmente soddisfatto, e al tempo stesso conscio della rilevanza storica del momento, il sindaco Nicola Loira: “Si tratta di una collaborazione con un'eccellenza assoluta del mondo accademico, insieme alla quale vogliamo riuscire a dare un futuro al nostro porto – le parole del primo cittadino -. Trattandosi di un bene demaniale, per definizione inalienabile e destinato a soddisfare i bisogni collettivi, avvertiamo una responsabilità ancora superiore rispetto a quella già alta e gravosa che ricade normalmente sulle spalle degli amministratori pubblici. E' l'ultima parte di territorio ancora libera, non urbanizzata e nella disponibilità pianificatoria, un'area che può e deve incidere direttamente sul futuro della nostra città e di tutto il territorio fermano: non possiamo approcciarci a questa pianificazione con leggerezza, non possiamo sbagliare”.

 

Di sicuro, comunque, l'amministrazione Loira ha le idee chiare sulle linee guida da seguire: “Nel programma di mandato abbiamo dato indicazioni precise sull'area portuale che vogliamo: un'infrastruttura integrata con il territorio, aperta alla città e al turismo – chiarisce il sindaco -. Non possiamo rimettere la pianificazione a una mera trattativa sui volumi, né delegare a terzi riservandoci magari una contrattazione su eventuali opere compensative: siamo convinti che la scelta pianificatoria debba essere accompagnata da un'attività di ricerca che porti a scelte funzionali allo svuluppo dell'attività turistica in generale e diportistica in particolare”.

 

Fondamentale in questa attività di ricerca sarà dunque il ruolo dell'Univpm, in particolar modo del suo Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Archiettura, uno dei fiori all'occhiello dell'ateneo dorico, come testimoniato dal suo inserimento nel club dei 180 Dipartimenti d'eccellenza nelle università italiane.

Il prof. Gianluigi Mondaini, professore ordinario del dipartimento, si è detto perfettamente in linea con la visione prospettata dal sindaco Loira: “La pianificazione del recente passato è sempre stata legata a questioni di carettere quantitativo e dimensionale – spiega – ma innovare nella città significa fare riferimento ad atti qualitativi. Inoltre cercheremo di portare caratteri di flessibilità e di apertura all'interno di un processo storicamente chiuso come quello della pianificazione”.

Elementi di flessibilità che, secondo Mondaini, si concretizzeranno in step modificabili attraverso il confronto con l'amministrazione, ma anche tramite microattività di partecipazione: l'idea, infatti, è quella che il Dipartimento produca elaborati finalizzati a degli incontri con la giunta e i cittadini e che all'interno del procedimento istruttorio possano naturalmente partecipare anche la Provincia e il Comune di Fermo. Un ente, quest'ultimo, insieme al quale proprio nella parte meridionale della città Porto San Giorgio sta lavorando alla costruzione del ponte ciclopedonale sull'Ete e che, secondo Loira, “nella sua politica pianificatoria del territorio dovrà tenere ben presente, forse per la prima volta, l'esistenza di questa infrastruttura, forse la più grande del Fermano”.

 

“Ci immaginiamo un lavoro per step con verifiche intermedie che portino a una soluzione condivisa – evidenzia Mondaini - Cercheremo di coinvolgere i cittadini raccontando visioni urbane attraverso immagini che siano in grado di capire”.

 

Naturalmente avere al fianco un ente come la Politecnica delle Marche permette di alzare il livello qualitativo della progettualità. Lo evidenzia a più riprese l'architetto Sauro Censi, dirigente dell'ufficio tecnico comunale: “La qualità urbana è essenziale dato il ruolo che ha il porto – spiega -. Questa collaborazione ci consentirà di dare maggiore spazio a valutazioni di sostenibilità ambientale e di pensare a una riqualificazione di tutta la zona meridionale della città”.

A un "veterano" come l'assessore all'urbanistica Massimo Silvestrini non sfugge la rilevanza storica del momento: “Considero la firma di questa convenzione come un primo passo per mettere la parola fine a questa questione del piano regolatore portuale che Porto San Giorgio si trascina da oltre 30 anni” - le sue parole.

 

Che l'ateneo dorico, oltre a portare le sue conoscenze tecniche, abbia aderito con particolare entusiasmo rappresenta poi senz'altro un valore aggiunto: “La nostra Università è interessata da sempre a una forte interazione con i territori, le attività produttive e la società di riferimento, quindi ci piace rispondere alle richieste che ci arrivano – commenta il rettore Sauro Longhi -. Il mare, poi, per noi è un settore di ricerca importante, su cui abbiamo dato vita ad una strategia nazionale che ci ha visti tra i fondatori di un cluster specifico insieme ad altri atenei italiani”.

Letture:1506
Data pubblicazione : 08/09/2018 12:56
Scritto da : Andrea Pedonesi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications