Attualità
Porto Sant'Elpidio. Il Laboratorio Civico all'attacco dell'amministrazione sull'ex Fim: "La palazzina uffici non si tocca? Avrebbe potuto dircelo il sindaco..."

"Finalmente è arrivata la risposta alla nostra interrogazione del 18 settembre scorso, quando chiedevamo come il comune intendesse tutelarsi per avere garantito il risarcimento danni che ci deve la FIM per 1,5 milioni (oltre all’IMU decennale che ormai sta raggiungendo la stessa somma); peccato che la risposta non provenga dal sindaco o dall’assessore preposto. ma dal privato che, uno e trino, risponde come amministratore della eco Elpidiense, per conto della FIM e, da ultimo, per il comune". L'associazione Laboratorio Civico Porto Sant'Elpidio torna così sulla questione del futuro dell'ex Fim che ormai da mesi sta infiammando il dibattito cittadino.

Porto Sant'Elpidio. Il Laboratorio Civico all'attacco dell'amministrazione sull'ex Fim:

"Dunque la palazzina uffici non si tocca e quindi rimarrebbe la nostra garanzia costituita appunto dall’immobile, che dovrà essere ristrutturato a spese della FIM alla quale sarà accollato anche un conguaglio in denaro di 1,5 milioni al netto delle spese necessarie per la ristrutturazione stessa - prosegue la nota -. Strano perché il sindaco poteva dircelo in consiglio che la palazzina sarebbe restata; e strano anche che la richiesta della FIM alla Soprintendenza abbia per oggetto entrambi gli edifici, pur dilungandosi sulle condizioni della cattedrale. Tanto più che se lo si fa per velocizzare e risparmiare, se passa la modifica del vincolo sulla cattedrale pensiamo sia anche più facile farla passare per la palazzina, visto che il valore storico culturale è sicuramente inferiore".


"Non vorremmo che dopo l’interrogazione ci si sia resi conto della situazione e si sia deciso di lasciare lì la palazzina per evitare di dover tirar fuori un’altra fideiussione, proprio ora che ne è stata individuata una “accettabile” per far ripartire i lavori - si legge ancora nel comunicato -. Peraltro il privato ci conferma (in qualità di AD di Ecoelpidiense, di socio FIM, o di che altro?) che, demolizione o no, il progetto va rivisto, sia nei costi che nelle modalità attuative; riparte dunque la giostra tra provincia, Arpam, conferenze di servizi e via di seguito, altro che accelerazione.
Comunque al privato va il nostro ringraziamento per non aver “abbandonato l’operazione” e per tenere duro; ci sia consentito, però, chiederci se questa tenacia non derivi invece da un obbligo di legge da rispettare e da costi già sostenuti da non sprecare".

Letture:1536
Data pubblicazione : 23/10/2018 09:39
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications