Attualità
La Regione Marche aderisce all'Osservatorio nazionale agrimafie della Coldiretti. Ceriscioli: "Agroalimentare patrimonio da tutelare"

Le Marche aderiscono all'Osservatorio nazionale agrimafie, "come segno di vicinanza al percorso di qualità dell'agricoltura intrapreso dalla Coldiretti". Lo ha affermato il presidente della Regione, Luca Ceriscioli, intervenuto al convegno "L'agroalimentare italiano punta sulla legalità", promosso da Coldiretti Marche alla Mole Vanvitelliana di Ancona. 

La Regione Marche aderisce all'Osservatorio nazionale agrimafie della Coldiretti. Ceriscioli:

Presieduto dal procuratore Gian Carlo Caselli, l'organismo è stato voluto dall'associazione agricola per promuovere la cultura della legalità, la tutela del Made in Italy agroalimentare, la trasparente informazione ai cittadini. "In tutto il mondo c'è un interesse straordinario per il nostro cibo, la nostra storia, la nostra cultura, per l'Italia – ha detto Ceriscioli – Un potenziale enorme che dobbiamo solo mettere a frutto, valorizzare. L'Osservatorio traccia un percorso che serve a raggiungere questo obiettivo".

La "filosofia" portata vanti dalla Coldiretti, ha aggiunto il presidente, "si sposa con le esigenze della nostra regione. Una realtà di piccole aziende che fa della qualità la propria carta vincente. Una realtà che sa emergere nella competizione internazionale solo se riesce a raccontare la storia, il paesaggio, la cultura profonda che trasmette e trasferisce nell'eccellenza delle produzioni. I percorsi da rafforzare sono due: la tracciabilità del prodotto e i controlli che tolgano dal mercato chi non si comporta correttamente, chi inganna il consumatore. La Coldiretti ha indicato un percorso che la Regione Marche condivide pienamente".

Letture:200
Data pubblicazione : 08/11/2018 14:38
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications