Attualità
Fermo, Guardie Zoofile volontarie al controllo rifiuti: Zacheo non ci sta. LEGGI la lettera del Gruppo Consiliare “Io scelgo Fermo”

Dallo stesso gruppo consiliare, riceviamo quanto sotto.

Fermo, Guardie Zoofile volontarie al controllo rifiuti: Zacheo non ci sta. LEGGI la lettera del Gruppo Consiliare “Io scelgo Fermo”

In questi giorni, molteplici sono state le segnalazioni da parte di cittadini che si sono rivolti al Comune di Fermo per protestare in merito a delle multe ricevute in materia di rifiuti urbani. Nulla di cui meravigliarsi, qualora le persone multate fossero effettivamente responsabili e, soprattutto, qualora gli accertamenti fossero svolti dal personale della polizia municipale. Invece, si scopre a Fermo, tra le tante questioni che stanno caratterizzando questa amministrazione, che i cittadini vengono multati non perché abbandonano i rifiuti in modo incontrollato, ma perché all’interno di una busta di spazzatura viene trovata una bolletta o un qualsivoglia documento col nome o un riferimento del malcapitato cittadino. Quindi se Tizio, dopo aver pagato un bollettino postale, va in una bar e getta la ricevuta nel cestino, rischia di vedersi recapitata una contravvenzione qualora il barista gettasse via i rifiuti senza rispettare la differenziata. Ma c’è qualcosa di molto più grave. Le funzioni di controllo e accertamento in tema di rifiuti, quanto quelle di polizia giudiziaria, assurdo ma vero, sono state affidate ad un’associazione di guardie zoofile che invece si dovrebbe occupare del maltrattamento degli animali. E questo lo dice la legge 189/2004, e lo specifica persino il sito istituzionale della stessa associazione. Le funzioni di polizia giudiziaria e amministrativa riguardano attività molto delicate e complesse che richiedono particolare competenza, atteso che possono implicare conseguenze gravi sul cittadino e sul suo patrimonio. Il legislatore, non a caso, è sempre stato molto cauto nell’attribuire dette funzioni. Noi, già da alcune settimane, ricostruendo gli imbarazzanti atti amministrativi comunali, abbiamo presentato un’interrogazione urgente, comunque informando la Prefettura, in quanto gli atti compilati dai volontari della guardie zoofile, in quanto fuori dal contesto normativo, non possono avere alcuna valenza. Si tratta di semplici cittadini e non di pubblici ufficiali o incaricati di pubblico servizio. Si tratta dunque di un’iniziativa amministrativa, quella di questa giunta comunale, a dir poco scellerata. Infatti, non solo è illegittima, ma è anche particolarmente onerosa per lo stesso Comune, costretto a pagare l’associazione benché dotato di ben due unità operative della Polizia Municipale appositamente preposte al controllo dei rifiuti, più un agente assegnato alla Sezione di P.G. della Procura con lo stesso fine. La gravità della scelta si acuisce se posta in relazione alla sicurezza degli stessi operatori di detta associazione, chiamati a svolgere un servizio pericoloso a contatto coi rifiuti senza che vi sia alcun accenno formale ai necessari dispositivi di protezione personale. Per salvaguardare l’ente, sarebbe utile il semplice rispetto del regolamento comunale di polizia urbana, in relazione al quale le “Funzioni di Vigilanza” (art.17) sulle “disposizioni sui rifiuti” (art.13) competono esclusivamente alla “Polizia Municipale, alla Polizia Provinciale e alle Forze di Polizia Statali e, limitatamente alle materie di specifica competenza, agli Operatori del Servizio Igiene e Sanità Pubblica e del Servizio Veterinario.” Tutti, quindi, tranne le guardie zoofile.

Le multe ricevute dai cittadini sarebbero dunque tutte nulle. Siamo pronti ad ogni iniziativa a favore dei malcapitati cittadini, costretti non solo a pagare la sanzione, ma anche un servizio non consentito dalla legge. Ma c’è un altro particolare di interesse. Questa giunta comunale, già da due anni, si avvale di detta associazione. Nel primo anno, pagava “€ 6.000,00 (Euro seimila/00) annui, a fronte di almeno 1000 servizi”, mentre nel rinnovo, a fronte dello stesso importo, ci si accontenta di soli “60 servizi”. Chissà perché questo straordinario sconto a favore del privato e a danno del comune?

Ma c’è infine da chiedersi: perché le guardie zoofile per controllare i rifiuti? che fine hanno fatto le portentose telecamere istallate dall’Assessore Torresi? Noi un’idea ce l’avremmo, e a breve la renderemo pubblica”.

Pasquale Antonio Zacheo

Letture:1636
Data pubblicazione : 09/02/2019 18:05
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
6 commenti presenti
  • Antonio

    12-02-2019 12:25 - #6
    Egregio sig.Enesto, complimentandomi per la sua pacatezza, vorrei replicare brevissimamente non nel contenuto perche' non riusciamo a capirci proprio , da domani se un'amministrazione si sveglia e vuole controllare e multate una qualsiai ipotetica infrazione, prende in convenzione dei pinko pallino qualsiai , gli mette in mano un blocchetto con allegata penna e li manda in giro a fare gli sceriffi...mah!!!....comunque la mia replica e' sulla frase"" stenuo sostenitore di Zacheo" caro Ernesto qui sei scivolato....io non sono sostenitore di nessuno solo del mio pensiero giusto o sbagliato che possa essere. Non devo difendere nessuno ( anche perche'' non ne ho la competenza in quanto non ho il piacere di conoscere personalmente Zacheo che al di la di tutto mi sembra una persona verbalmemte corretta). Volevo solo precisare questo...saluti
  • ERNESTO CHE

    11-02-2019 15:38 - #5
    Caro, Antonio quello che Tu definisci "pippone" non è altro che un modo per far emergere a gente poco attenta che i così detti "populisti" sono sia in maggioranza che in opposizione. Lo so da fastidio puntualizzare un vezzo che oramai tutti utilizzano guardare e criticare gli altri. Troppo facile. Troppo comodo. Fare comporta almeno il 50% di scontenti. Inveire contro chi fa porta, almeno il 50% dei consensi e per chi ha poco ha sempre più del poco. Tralascio le considerazioni filosofiche sul poco o tanto ma nella nota di Zacheo mi è sfuggita una cosa... Quale è la proposta ? Mettere due vigili a controllare tutti i contenitori ? Andare a casa di ciascuno per controllare come viene differenziato ? Forse non ho capito la soluzione, se soluzione c'è. O forse Zacheo dice che 6.000euro dati a questa associazione sono troppi per controllare 120 Kmq, di territorio ? Suvvia Antonio strenuo difensore della nota stilata dal consigliere, ci dia Lei la risposta. No forse ho sbagliato. Zacheo, in qualità di Consigliere Comunale se la prende con una organizzazione di volontariato prevista dalla legge 266/1991 che consente a tali associazioni l'attività di "...... controllo definiti dal Comune, attività di monitoraggio del territorio e tutela dell'ambiente attraverso la redazione di verbali di riferimento per violazioni amministrative in materia di rifiuti, controllo di discariche abusive....ecc.ecc. " e mi fermo qui. Dove è lo scandalo ? Dati rilevabili dalla Convenzione tra Comune di Fermo e Associazione del volontariato stipulata in data 01.10.2018 n. 153/2018... Basta chiedere al Comune. Come si vede ogni cittadino può accedere alle fonti giuste e non solo i Consiglieri Comunali. La prossima volta Antonio inviti a Zacheo a fare "polemica politica su fatti ...più consistenti" quali ad esempio i costi esorbitanti delle isole ecologiche, sul perché l'ATA Rifiuti non parte nella unica provincia rimaste dell'Italia FERMO, e sul perché Fermo ha ancora il 60% di raccolta differenziata e su chi paga i maggiori costi di tale inadempienza. In fondo lui è un consigliere che ha il privilegio di vedere più a lungo di altri .... Buona riflessione sig. Antonio !!!
  • Antonio

    11-02-2019 12:44 - #4
    Caro Ernesto se invecedi di scrivere un pippone del genere che non c'azzecca nulla. avessi letto con piu' attenzione il contenuto della lettera, avresti compreso che non si tratta di non far rispettare le regole ma chi le controlla. Le guardie zoofile volontarie a che titolo emettono sanzioni. I controlli vanno fatti ci mancherebbe, ma ci sono gli organi competenti e il comando di polizia municipale ha personale preposto al controllo a meno che trattandosi " de monnezza" non ci si voglia sporcare le mani..
  • Lucio

    11-02-2019 12:08 - #3
    Caro Ernesto..l italiano medio è avvezzo alle regole... indisciplinato.... maleducato...da sempre!!! È nel DNA del popolo!!! La cultura di un popolo si vede anche quando atteaversi la strada sulle strisce pedonali...oppure rimanendo in tema quando sempre in auto nonostante i dossi nessuno rallenta...la file nelle farmacie...potrei elencare migliaia di casi....tutti buoni solo a criticare!!! Non x questo siamo ultimi in tutto.... cultura... sanità... istruzione... educazione...eccecc....ma attenzione. X lu' pallo' no!!!!! Non ce' tocchete lu'pallo'!!!!!
  • ERNESTO CHE

    10-02-2019 16:15 - #2
    Zacheo, ma siamo sicuri che i cittadini siano così ligi e attenti a differenziare ? Tutti se la prendono con i 5 Stelle e Salvini perché definiti "populisiti", termine alquanto bizzarro e fuori contesto per definire chi non la pensa in modo omogeneo con la massa e, magari, pratica politiche diverse. E' vero Salvini ha fatto la sua fortuna attaccando il "diverso", perché nero, perché ruba, perché puzza o peggio solo perché diverso. Ma sempre di essere umano si tratta. La stampa attacca l'attuale governo, solo perché, ha tolto i finanziamenti alla stampa. I sindacati hanno fatto una manifestazione ridicola a Roma rivendicando sapete cosa ? Più soldi per i pensionati, più posti di lavoro, e criticando il governo, sapete su cosa ? Perché ha riformato la Fornero vera ingiustizia sociale e aumentato i fondi ai pensionati e dato soldi a chi il lavoro l'ha perso ? Una strana manifestazione contro chi ha fatto cose che, “loro”, i sindacati, “liberi” , e non politicizzati rivendicano da anni. E potrei continuare a lungo su come ciascuno, ed i particolare la vecchia classe politica, quella ancora più vecchia e stantia sindacale e imprenditoriale che da secoli non riescono a rinnovarsi nelle idee e negli uomini per aggiungere quella “prezzolata” dei giornalisti opportunisti vittime dei propri editori per anni hanno giustificato e continuano a difendere una classe politica incapace e che ci ha ridotto in questo stato. Per esempio la Francia, pro Europa che oggi tutti difendono, molti non sanno o fanno finta di non sapere che è quella che ha fatto accordi bilaterali con la Germania pensando di poter governare e rendere sudditi tutti gli stati del resto dell'Europa. Che non accoglie e respinge i migranti, che ha fatto la macelleria sociale, con la guerra in Libia contro l’Italia per occupare gli approvvigionamenti petroliferi, è quella che ha bloccato l’accordo Fincantieri perché svantaggioso per la Francia, dimenticando che le aziende Francesi hanno fatto acquisti di aziende importantissime Italiane con il benestare dei governi Berlusconi, Renzi e Gentiloni con il totale silenzio della stampa. Oggi Macron si inalbera e ritira l’ambasciatore (che ridere ) se qualcuno, giustamente, le ricorda tutti i danni provocati dalla sua politica all’Europa. Siamo seri i Francesi e Macron sono loro i più antieuropeisti per eccellenza insieme alla Germania della opportunista signora MerKel che ha sempre guardato con attenzione i conti degli altri secondo i propri tornaconti. Perché la MerKel e Macro non ci informano sul risparmio oggi depositato nelle banche da parte dei Francesi e da parte dei Teschi !!! ¼ di quello Italiano. Ci trattano tutti da “pezzenti” e siamo la Nazione più ricca del mondo. Perché questo non appare…? Perché la stampa ricorda solo il debito pubblico che, per altro, abbiamo sempre onorato ? Perché ci dipingono, con il benestare della vecchia classe politica, il problema del mondo quando il presidente della nazione più antidemocratica del pianeta mette dazi a destra e a manca e blocca il bilancio dello stato,mettendo in mezza alla strada milioni di dipendenti pubblici, perché vuole costruire un inutile muro ai confine del Mexico dai costi superiori alla inutile TAV. Oggi questi ridicoli stati, loro si , sovranisti, vengono a farci il sermoncino a noi. Tutto questo per dire caro Zacheo che i cittadini non vanno difesi ad ogni costo perché c'è molta approssimazione nel gestire i rifiuti casalinghi pensando che poi c'è sempre qualcuno che ci pensa! Non è così ! I cittadini vanno puniti ed...educati quando si comportano male…. Non giustificando il loro comportamento ma…toccando le loro tasche. Poi, mi permetta ma appare assurda la giustificazione che tutti vanno al bar a gettare le ricevute di pagamento. Occorre serietà Zacheo e non giustificazioni per fini politici che non hanno mai aiutato a far crescere una cultura sociale del rispetto dei beni comuni. Fermo non arriva al 60 % di differenziata e questo è anche colpa di chi, invece di condannare giustifica l’ingiustificabile. A Zacheo consigliere e non come uomo di “legge” che ha il dovere morale di far rispettare le norme senza giustificare atteggiamenti contrari domando, quale soluzione propone per debellare il fenomeno sociale del “menefreghismo” che da secoli condanna questa Nazione ad essere il fanalino di coda nel mondo per il rispetto delle norme ? Già una risposta potrebbe aprire un serio dibattito sul problema, sempre che se ne abbia voglia…!!! Ricordiamoci sempre che l’Italia è la nazione più bella, importante ed ammirata del mondo che ha un unico difetto. I propri cittadini.
  • Lucio

    10-02-2019 10:44 - #1
    I nodi vengono al pettine!!!! Da tempo lo scrivo in queste pagine!!!! E perché quei signori che vigilano alle isole ecologiche???? Chiedete a loro poi vedrete.... bisogna regolarizzarli!!!!! Oltretutto fanno un ottimo lavoro... perlomeno quando stavano in via Lucchi e vie adiacenti!!!! Se cacano sotto la neve......ecco il risultato!!! Ottimo Zaccheo!!!! Era ora!!!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications