Cronaca
Ancora un dipendente pubblico dell'Area Vasta 4 di Fermo sorpreso a svolgere attività privata dopo aver timbrato il cartellino. Denunciato dai Carabinieri

Dopo il caso della dipendente che in orario di lavoro si recava senza tanti problemi in beauty farm, un secondo dirigente dell'Area Vasta di Fermo è stato 'beccato' mentre si occupava di attività private in orario di lavoro. La scoperta è stata fatta dai Carabinieri di Fermo.

Ancora un dipendente pubblico dell'Area Vasta 4 di Fermo sorpreso a svolgere attività privata dopo aver timbrato il cartellino. Denunciato dai Carabinieri

L'uomo, 59 anni, dirigente medico, dopo aver timbrato il cartellino usciva da lavoro per svolgere altre attività di interesse privato. Carabinieri che hanno raccolto materiale fotografico degli 'impegni alternativi' dell'uomo, portati avanti in pieno orario lavorativo. Per lui le accuse di truffa, falso ideologico, interruzione di pubblico sevizio, reati contro la normativa sul marcatempo.

Letture:3047
Data pubblicazione : 10/06/2014 19:27
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
14 commenti presenti
  • Schifo

    14-06-2014 16:26 - #14
    Un lavoratore del privato sarebbe stato licenziato in tronco per giusta causa....
  • joe

    13-06-2014 22:03 - #13
    x Mauro: purtroppo credo siano più di 1000 euro al mese. il problema è che possiamo stare certi che il dipendente non verrà mai licenziato, l'Italia funziona così. Addirittura anche il CTU nei tribunali svolgeva...cioè lavorava in nome e per conto dello stato, era ausiliario di giudici, ci rendiamo conto? ma quando diventeremo un paese serio?
  • mauro

    13-06-2014 15:35 - #12
    ancora una volta la giustizia ha dato modo di far riflettere..sapete come si sta evolvendo la questione...??? sospeso a casa con meta' stiipendio..in pratica,mille euro al mese senza far nulla...complimeti vivissimi...se potessi starci io a casa con questa cifra,ci starei a vita...ahahah
  • sorpresi? non molto

    11-06-2014 14:35 - #11
    questi colletti bianchi almeno facevano i lavori a casa o frequentavano centri estetici mentre molti altri magari fanno lavori in nero su cliniche private o nei loro studi privati dopo aver utilizzato gratis le sofisticate apparecchiature pubbliche! ogni tanto un controllino non farebbe male però le pene somigliano a quella di Berlusca ai servizi sociali, cioè acqua calda
  • èlla

    11-06-2014 13:07 - #10
    i nomi, i nomi,i nomi.
  • daniele

    11-06-2014 10:56 - #9
    ALLA FACCIA DI KI NON LAVORA...DISONESTI!!!! MAGARI X PRENDERE IL POSTO HANNO PAGATO....I NOMIIIIII.....VOGLIO I NOMI DI QUESTI (..)...
  • giorgio

    11-06-2014 10:38 - #8
    Fino a quando ci saranno giudici che ordineranno il reintegro di gente che ruba (vedi furti agli scali aerei con tanto di riprese filmate) non la smetteranno mai.
  • joe

    11-06-2014 10:33 - #7
    se fosse vero che anche qui vi erano precedenti, risulterebbe proprio vero il cambio d'aria negli armadi avvenuto in procura. Avanti così inquirenti!
  • Aristocratico

    11-06-2014 09:20 - #6
    Ma non è il caso di finirla con questa gente che usa il proprio ruolo per non fare il proprio dovere e fare solo i.... cavoli loro. Non è tollerabile sospenderli dal lavoro e mantenerli a casa con metà dello stipendio che equivale a tre vote lo stipendio di un lavoratore normale. A casa senza stipendio e licenziati in tronco. Questo bisogna fare non palliativi all'Italiana. Bisogna ricordare che questa è la storia delle assunzioni clientelari dell'Italia ed in particolare nell'ASUR , dove sono stati messi dentro una miriade di amministrativi che non servono a nulla e lasciate fuori, invece, persone come medici ed infermieri che sarebbero stati molto più utili alla sanità rispetto a burocrati dalla scarsa voglia di lavorare e dalle scarse capacità. A casa insieme a loro i politici che li hanno sponsorizzati. Quando arriveremo a questo potremo dire di essere un paese normale. PS questo avviene anche in molti altri settori pubblici quindi urge riforma seria che privilegi meriti e capacità e non appoggi politici
  • bravi carabinieri!!

    11-06-2014 09:08 - #5
    che sia una mezza prassi lo si capisce dal fatto che non ci si stupisce più di tanto; se si iniziasse a mettere qualcuno dentro forse l'Italia anzi gli italiani inizierebbero a cambiare ed a rigare dritti. Intanto le tasse aumentano anche per colpa di queste persone avide di soldi, alla faccia dei poveracci che non riescono ad arrivare a fine mese. Grazie all'Arma
  • frida

    11-06-2014 00:39 - #4
    Vogliamo i nomi de 'sta gente!!!! Per molte cose, tipo l'affare di Via Respighi sono stati fatti nomi e cognomi.....e per questi fatti no??!!
  • joe

    10-06-2014 22:54 - #3
    la cosiddetta carenza di organico nella sanità.
  • èlla

    10-06-2014 21:12 - #2
    ed ora quali dolci provvedimenti si adotteranno,alla faccia delle persone che stentano la giornata, questi esseri debbono cacciare di tasca fino a che non pareggiano i conti .
  • 10-06-2014 20:54 - #1
    LO STREPPATORE GLI SERVIREBBE A STO GENIO...SOTTO LU SOLE DE LUGLIO
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications