Cronaca
Lido di Fermo. Alla scoperta dello stabilimento (abbandonato da anni) diventato base operativa dei venditori ambulanti. E' del Fondo Assistenza del Ministero dell’Interno

Con il passare del tempo si è trasformato in una sorta di 'centrale operativa' dei venditori ambulanti irregolari. Stiamo parlando dello chalet, di proprietà del Fondo Assistenza del Ministero dell’Interno, che si trova nel cuore del lungomare di Lido di Fermo a poca distanza dal luogo della 'rivolta' di sabato scorso.

Lido di Fermo. Alla scoperta dello stabilimento (abbandonato da anni) diventato  base operativa dei venditori ambulanti. E' del Fondo Assistenza del Ministero dell’Interno

Da punto di riferimento per famiglie e bambini provenienti da tutta Italia, a simbolo del degrado e covo del commercio abusivo in spiaggia. La struttura, che negli anni passati ospitava le colonie estive della polizia, ha cambiato volto. Uno spazio senza dubbio strategico, a ridosso della spiaggia ed in pieno centro, che non poteva certo passare inosservato ai venditori. Lo chalet è diventato il luogo di appuntamento la mattina presto prima di partire per una lunga giornata di lavoro in spiaggia. Non finisce qui. E’ infatti anche il punto di ritrovo per la pausa pranzo ed il riposo nelle ore più calde. Le conseguenze igieniche sono prevedibili: bottiglie di birra abbandonate, cartacce, vecchi teloni e rifiuti di ogni tipo. Una criticità che riguarda non solo le ore diurne, ma anche quelle serali quando, durante i vari mercatini sul lungomare, molti clandestini si nascondono nei pressi dello chalet per scappare dei controlli delle forze dell’ordine. Marocchini, pachistani, tunisini, algerini: le nazionalità sono molteplici. Alla base di questa trasformazione c’è la mancata attività dello chalet a partire dalla stagione estiva 2009. Una struttura di proprietà del Fondo Assistenza del Ministero dell’Interno che negli anni d’oro ospitava centinaia di ragazzini delle colonie estive. Un ruolo che è andato lentamente spegnendosi in concomitanza con la chiusura della COPS a Fermo. Struttura balneare che è tornata a nuova vita qualche anno fa, quando fu presa in gestione da alcuni giovani vicini alla Comunità di Capodarco che hanno creato una spiaggia modello a servizio dei disabili. C’era di tutto: dal bar alla passerella per raggiungere in carrozzina il bagnasciuga, bagni, ombrelloni più grandi del solito in grado di ospitare gli invalidi sulle sedie a rotelle. Dopo di loro, non c'è stato più niente da fare. Il Fondo di Assistenza del Ministero dovrebbe indire da tempo una gara di appalto per assegnare lo stabilimento, ma a quanto pare nessuno sa nulla. Polizia Municipale di Fermo che conosce il fenomeno e ha intensificato i controlli, proprio in prossimità dello chalet. Anche oggi sono tre i vigili in pattuglia lungo la costa, sia mattina che pomeriggio.

Letture:3434
Data pubblicazione : 25/08/2014 13:18
Scritto da : Paolo Paoletti
Commenti dei lettori
7 commenti presenti
  • DOMENICO

    25-08-2014 22:13 - #7
    l ' italia si sta' rovinando con le proprie mani, se non cambia totalmente la mentalita' politica siamo arrivati alla frutta .
  • daniele

    25-08-2014 19:11 - #6
    non solo non pagano i tiket.....non pagano i libri scolastici-hanno le case pololari-lavorano-passano x primi al pronto soccorrso-alle mense scolastike cucinano x loro e molto altro......dopo noi siamo razzisti e loro ke roppe tutto e non pagano le tasse a de bravi....
  • Giorgio

    25-08-2014 18:43 - #5
    nell'articolo si legge: "...Alla base di questa trasformazione c’è la mancata attività dello chalet a partire dalla stagione estiva 2009...". Non è così perchè alla base di tutto c'è il NON controllo di alcune zone franche del nostro territorio lido di Fermo, lido tre archi, faleriense, ecc..)
  • Oltre il razzismo

    25-08-2014 18:08 - #4
    Se uno dovesse abbassarsi al livello dei commenti italioti, si potrebbe anche dire che gli italiani sono disoccupati perchè non hanno voglia di lavorare.
  • guerfid1

    25-08-2014 17:46 - #3
    solo "quelli" del comune di fermo non sanno nulla e non fanno nulla. "loro" se ne accordono solo dopo. Sono stati i primi 3 anni a criticare quello che hanno fatto i loro predecessori adesso non sanno da che parte cominciare... Fermo e i suoi cittadini non si meritano qeuati amministratori...... saluti
  • PERCHE' NON LO DATE AI DISOCCUPATI ITALIANI!L'ITALIA AGLI ITALIANI

    25-08-2014 17:18 - #2
    PERCHE' NON LO DATE AI DISOCCUPATI ITALIANI PER FARCI UNO CHALET CHE DIA LAVORO A 3-4 GIOVANI ITALIANOI DISOCCUPATI E CHE MAGARI CI PAGANO ANCHE LE TASSE A DIFFERENZA DI QUESTI ABUSIVI CHE NON PAGANO NEANCHE I TICKET OSPEDALIERI (CHE PAGHIAMO NOI). E POI DICONO CHE C'E' IL RAZZISMO...SOLO GLI IMBECILLI POSSONO FAR FINTA DI NIENTE E CONTINUARE A SOSTENERE STA GENTE (..) CHE VIVE SULLE SPALLE NOSTRE.
  • Roberto

    25-08-2014 14:50 - #1
    Uno dei simboli del degrado!
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications