Cronaca
Le cave del fermano nel mirino della task-force contro le infiltrazioni mafiose coordinata dalla Prefettura di Fermo. Controlli a Santa Vittoria in Matenano e Magliano di Tenna

Le cave del territorio fermano nel mirino della Prefettura per scongiurare possibili infiltrazioni mafiose. Nell'ambito dell'ordinaria e da tempo programmata attività diretta a prevenire infiltrazioni mafiose nel tessuto economico del territorio fermano, il Prefetto di Fermo Angela Pagliuca, nell'esercizio degli ordinari poteri di accesso ed accertamento conferiti al Prefetto dal Codice delle Leggi Antimafia, ha disposto il sopralluogo a due cave ubicate nei territori dei comuni di Santa Vittoria in Matenano e Magliano di Tenna. Blitz che è servito ad acquisire elementi utili al fine di accertare eventuali situazioni che potrebbero comportare tentativi di infiltrazioni mafiose e per verificare il rispetto della legalità nelle diverse attività all'interno delle cave stesse.

Le cave del fermano nel mirino della task-force contro le infiltrazioni mafiose coordinata dalla Prefettura di Fermo. Controlli a Santa Vittoria in Matenano e Magliano di Tenna

“Non a caso – spiega la Prefettura di Fermo – l'estrazione, la fornitura ed il trasporto di terra di materiali inerti, connesse agli appalti pubblici, sono attività definite, ai sensi della legge 190 del 2012, maggiormente esposte a rischio di infiltrazione mafiosa. L'accesso costituisce, pertanto, un'azione di monitoraggio e controllo di tali attività”. Proprio in esecuzione del decreto del prefetto, questa mattina il gruppo interforze ha effettuato un sopralluogo alla cave in questione. A far parte della task force la direzione investigativa antimafia centro operativo di Roma, la questura di Ascoli Piceno-Fermo, il comando provinciale dei Carabinieri di Ascoli e Fermo, quello del Corpo Forestale di Ascoli e Fermo e la direzione Provinciale del Lavoro di Ascoli e Fermo. A garantire il supporto all'attività del gruppo interforze sono stati i Carabinieri di Montegiorgio. “In sede di accesso – spiega la Prefettura – è stato verificato anche il rispetto delle prescrizioni ambientali e dell'osservanza della normativa in materia di lavoro, delle norme previdenziali ed assicurative nonché dei contratti di lavoro”. Forze dell'ordine che hanno anche provveduto all'identificazione delle persone presenti nella cava e al controllo dei mezzi. “Sempre nel corso dell'operazione – conclude la Prefettura – è stata infine acquisita documentazione utile al fine di verificare, in particolare, eventuali infiltrazioni, a qualsiasi titolo, di elementi della criminalità organizzata di stampa mafioso nell'attività in questione. L'operazione odierna verrà replicata con analoghe modalità operative in altri contesti”.

Letture:3170
Data pubblicazione : 12/03/2015 17:37
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications