Cronaca
Lotta ai furti di auto. Il capitano Peluso dopo l’operazione di ieri a Lido Tre archi: “Con impegno e perseveranza, in pochi giorni si è riusciti ad assicurare alla giustizia i due soggetti"

Il fermo e l’arresto di ieri pomeriggio a Lido Tre Archi, potrebbe rappresentare un elemento importante di contrasto all’ondata di furti di auto (e non solo) che si era abbattuta nei giorni scorsi a Porto Sant’Elpidio e nel resto del territorio. Numerosi erano stati i furti avvenuti un po’ in tutta la provincia, in special modo nella fascia costiera. Il capitano della Compagnia Carabinieri Fermo Roland Peluso, si e’ complimentato con il personale operante, che con impegno e perseveranza, in pochi giorni e’ riuscito ad identificare ed assicurare alla giustizia i due soggetti. Si tratta, nel dettaglio di M.F. 36 anni pugliese ma domiciliato da tempo nel Fermano,e S.N. anche lei pregiudicata, di soli 24 anni.

Lotta ai furti di auto. Il capitano Peluso dopo l’operazione di ieri a Lido Tre archi: “Con impegno e perseveranza, in pochi giorni si è riusciti ad assicurare alla giustizia i due soggetti

Abbiamo già parlato dell’operazione che nel tardo pomeriggio di ieri, ha visto i militari dell’Arma impegnati nell’inseguimento e successivo blocco di una vecchia fiat Panda rubata. In tale circostanza il conducente di origine pugliese M. F., di anni 36, senza fissa dimora, anche se da tempo domiciliato nel fermano, pregiudicato, sprovvisto di patente di guida poiche’ revocata, risultava colpito da ordine di carcerazione emesso dal tribunale di Fermo, per reiterate violazioni alle prescrizioni di misura di affidamento in prova ai servizi sociali, a seguito di una condanna riportata per fatti connessi a traffico di sostanze stupefacenti. L’uomo è stato pertanto tratto in arresto. M.F. che ieri si trovava alla guida dell’auto rubata insieme alla passeggera S. N. di 24 anni residente nel fermano, pregiudicata. Tutti e due sono stati denunciati per concorso in ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale e possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli, poiché all’atto del controllo all’interno veicolo venivano rinvenuti numerosi strumenti e arnesi da scasso. L’uomo è stato tradotto presso la casa circondariale di Fermo a disposizione dell’autorità giudiziaria fermana.

Letture:2767
Data pubblicazione : 24/02/2016 14:19
Scritto da : Paolo Paoletti
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications