Cronaca
Ciao, Desa, ci mancherai: il cordoglio via Facebook per la morte del giovane musicista
Ciao, Desa, ci mancherai: il cordoglio via Facebook per la morte del giovane musicista

Tra i messaggi sul social media il più toccante proviene da una maestra scampata per miracolo a un terribile incidente che scrive a un amico di Andrea De Santis

Desa non doveva andarsene così. Non in una domenica di quasi estate, sotto un temporale che sembrava mandato apposta per piangere tutte le lacrime del cielo. Eppure, la vita è così, la morte arriva sempre inaspettata e non c'è niente da aggiungere. Se non che Andrea De Santis, diciannove anni appena, che viveva con la famiglia a Campiglione, ex studente del Liceo Annibal Caro e musicista, prima di accasciarsi a terra in una via del centro di Porto San Giorgio, era tra i suoi amici, a trascorrere una giornata di svago tra la spiaggia, forse appena sfiorata, le risate e i progetti che si mescolano e si confondono.

Gli amici del giovane polistrumentista (suonava percussioni e batteria e amava il rap e l'hip hop), alla vigilia della pubblicazione del suo album, adesso, lasciano commoventi e anche attoniti messaggi di cordoglio su quella grande piazza virtuale in cui più o meno tutti, troppo spesso, ci nascondiamo.

Non lo fa Cristina Perticarini, una maestra scampata solo nel gennaio scorso a un pauroso incidente mentre andava al lavoro, il primo incarico proprio quest'anno come insegnante di ruolo, dopo lungo precariato. E' suo il messaggio a Mirko P., un giovane amico di Andrea, che si fa ritrarre con lui che gli cinge un braccio intorno al collo, i visi soddisfatti degli amici veri, quelli che si trovano solo da ragazzi, gli unici, di solito, capaci di sconfiggere il tempo, anche quello fisico che ci è dato in sorte.

Scrive Cristina: "Diciannove anni è l'età della spensieratezza, dei sogni, delle risate con gli amici per le bravate fatte a quindici anni, delle piccole conquiste dei primi discorsi seri con gli amici... è l'età del 'quasi è ora che inizi a pensare al mio futuro!'. Difficile affrontare la morte a qualsiasi età, ma lo è soprattutto a 19 anni... come dare coraggio e forza ai suoi amici... non ci sono parole! Noi genitori abbiamo sempre giustificazioni, soluzioni e parole per farvi ragionare... ma in queste situazioni rimaniamo inermi. Una piccola ancora di salvezza, Mirko, è questa: ricordati sempre le cose belle e piacevoli trascorse insieme e ricordatele sempre con il sorriso. Noi 'grandi' non possiamo togliervi il dolore, ma lo possiamo condividere con voi con un abbraccio!".

Nelle prossime ore si saprà con certezza se sia stato davvero il cuore di Andrea a cedere sotto il diluvio di ieri. Soltanto dopo, sarà il momento del lutto e del silenzio. 

Letture:5972
Data pubblicazione : 13/06/2016 15:55
Scritto da : Alessandra Cicalini
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications