Cronaca
Fermo in preghiera per Emmanuel, domani Alfano in Prefettura
Fermo in preghiera per Emmanuel, domani Alfano in Prefettura

Previsto domattina alle 10 il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica. Stasera è il momento del silenzio e della preghiera nel cortile del Centro di accoglienza al Seminario, per il giovane morto dopo l'aggressione a sfondo razzista di ieri e per la sua sposa Chimiary, ancora ricoverata al Murri

Fermo in preghiera per Emmanuel, domani Alfano in Prefettura

Dopo Matteo Renzi, che ha chiamato Don Vinicio Albanesi stamattina, mentre Emmanuel Chidi Namdi se ne stava andando nel reparto di rianimazione dell'ospedale di Fermo, per le conseguenze dell'aggressione subita da parte di un coetaneo nativo della città, stasera è giunta la notizia dal ministero dell'Interno: domani mattina alle 10 arriva Angelino Alfano, per presiedere il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica in Prefettura. Subito dopo è previsto un incontro con la stampa.

Niente potrà riportare in vita il trentaseienne nigeriano, ma il cordoglio condiviso in questa triste sera di inizio luglio, nel cortile del Centro di accoglienza per richiedenti asilo al Seminario arcivescovile del capoluogo, dovrebbe, forse, alleviare almeno un po' il dolore della giovane Chimiary, che avrebbe dovuto essere ancora in ospedale per le percosse subite a pochi passi dal centro storico, e invece è lì, accasciata su una sedia, in bianco (foto) come la sposa che è stata solo pochi mesi fa. Su quello stesso marciapiede di via Veneto, proprio domani, saranno collocate le bancarelle dei bambini, accanto a quelle dei "grandi", ospiti come ogni anno del mercatino dell'antiquariato più famoso nella tranquilla (finora) provincia fermana. 

La luce della camera in cui vivevano all'ultimo piano del Centro, giusto accanto alla finestra illuminata sulla destra (foto), ora è spenta. Sotto il palazzo, si radunano in preghiera con le Piccole Sorelle Jesus Caritas che gestiscono il centro, anche l'arcivescovo uscente, monsignor Luigi Conti, Don Vinicio, altri sacerdoti e tanta gente comune di Fermo e non solo, che ha voluto esserci per pregare con i 124 ospiti del Centro, alcuni dei quali, non più di due mesi fa, avevano raccontato la propria storia di dolore e di speranza nella scuola media Borgo Rosselli di Porto San Giorgio, durante un incontro con gli studenti difficile da dimenticare. "Siamo come voi", avevano detto più o meno tutti, "vogliamo solo vivere in pace e farci una famiglia", continuavano a ripetere in quella assolata mattina di primavera.

Un giorno, Chimiary, la giovanissima vedova ventiquattrenne, ricomincerà (o forse comincerà per la prima volta) a vivere. Prima di lei, invece, molto probabilmente, torneranno a sorridere le persone che hanno ricevuto gli organi espiantati dal consorte che solo la formalità dell'assenza del permesso di soggiorno impedirebbe di chiamare così.

Proprio alla giovane moglie è toccata la tragica scelta di dare il consenso all'espianto, anche se, per la legge, ha dovuto esserci anche don Vinicio, il sacerdote-padre che l'aveva sposata nella chiesa di San Marco alle Paludi lo scorso 6 gennaio.

Un altro terribile dolore, per lei, dopo la fuga dalla Nigeria assediata da Boko Haram, le violenze subite in Libia e il sogno spezzato (si spera non per sempre) di una normalità che forse non c'è più neanche da noi.

 

 

Letture:4935
Data pubblicazione : 06/07/2016 22:39
Scritto da : Alessandra Cicalini
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications