Cronaca
Il dopo terremoto nella zona montana del Fermano: le parole dello Spi-Cgil
Il dopo terremoto nella zona montana del Fermano: le parole dello Spi-Cgil

Paolo Filiaci, il segretario provinciale del sindacato pensionati della Cgil, esprime vicinanza alle popolazioni di Montefortino e Amandola che hanno subito danni e chiede all'Asur di ridurre le rette per i ricoverati nelle Rsa 

Esprimo vicinanza e impegno concreto nei confronti della popolazione colpita dal terremoto  nell’entroterra fermano, con disagi maggiori nella zona montana e soprattutto nei comuni di Montefortino ed Amandola dove è presente in maggioranza una popolazione di pensionati ed anziani.  A nome dello Spi Cgil scrivo questa lettera aperta a tutte le autorità statali competenti affinché subito si affidino il lavori d’urgenza (come è previsto dalla legge in questi casi) per mettere in sicurezza l’Ospedale di Amandola, la Rsa e le strutture che ospitano i servizi Socio sanitari di Amandola, perché questa è la primaria, urgentissima, necessità per tutta l’area montana.

Si ringraziano il Direttore di Area vasta, Licio Livini e i suoi collaboratori, che  insieme al Sindaco di Amandola  Adolfo Marinageli, tempestivamente si sono recati presso l’ospedale di Amandola e subito, nella stessa mattinata del terremoto il 24 agosto, hanno adottato responsabilmente  provvedimenti per mettere in sicurezza i ricoverati dell’ospedale e della Rsa. Infatti finchè durano le scosse i venti ricoverati delle Rsa sono stati sistemati tra l’Inrca di Fermo e L’Rsa di Petritoli, mentre altri pazienti presso l’ospedale di Fermo; ma questo non deve diventare il pretesto per smantellare la Rsa di Amandola (che da 20 posti letto è aumentata di altri 20 posti letto al piano superiore che sta per essere ultimato per soddisfare le lunghe liste di attesa) e i servizi ospedalieri, che sono stati mantenuti anche contro la volontà di chi voleva e vuole ancora chiudere questi servizi ad Amandola, magari prendendo a pretesto la situazione determinatasi con il terremoto.

Da informazioni in mio possesso la struttura nuova può essere ripristinata agevolmente e in pochi mesi.

Nel frattempo lo Spi Cgil di Fermo propone all’Asur - Regione Marche una riduzione delle rette per i provenienti dall’area montana ricoverati in Rsa presso Petritoli e all’Inrca di Fermo, delle agevolazioni tariffarie  per coloro che devono recarsi all’Ospedale di Fermo per i servizi socio-sanitari temporaneamente trasferiti, agevolazioni nelle tariffe del trasporto pubblico locale e potenziamento del trasporto pubblico locale da e per la zona montana. Da ultimo anche tutti gli operatori dell’ospedale di Amandola (medici, infermieri, Oss, tecnici dei laboratori, operatori della cucina, ecc,) che dovranno temporaneamente trasferirsi  verso Fermo dovranno essere agevolati nelle turnazioni ed avere delle indennità di disagio per la durata di questa situazione che, rimarco, dovrà essere contenuta in pochi mesi se vogliamo veramente fermare  lo spopolamento dell’entroterra montano, di cui tutti ci riempiamo la bocca per i motivi tutti condivisi - dalla salvaguardia del territorio, dell’ambiente, alla prevenzione dei disastri naturali, compreso l’evitare o quanto meno limitare i danni degli imprevedibili ed inevitabili terremoti.  

Letture:3236
Data pubblicazione : 26/08/2016 09:58
Scritto da : Paolo Filiaci - segretario generale provinciale Spi Cgil di Fermo
Commenti dei lettori
3 commenti presenti
  • Stranotto

    26-08-2016 12:12 - #3
    MA CON CHI TE LA PRENDI?????
  • saverio

    26-08-2016 10:35 - #2
    "...Da ultimo anche tutti gli operatori dell’ospedale di Amandola (medici, infermieri, Oss, tecnici dei laboratori, operatori della cucina, ecc,) che dovranno temporaneamente trasferirsi verso Fermo dovranno essere agevolati nelle turnazioni ed avere delle indennità di disagio per la durata di questa situazione..." FATE VERAMENTE SCHIFO !
  • pientro

    26-08-2016 10:31 - #1
    giustissimo.Far partire quanto prima i lavori di sistemazione. Impossibile pensare di lasciare l'entroterra fermano senza un presidio ospedaliero.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications