Cronaca
Vaga per strada ubriaco. Fermato dai Carabinieri, ne aggredisce uno e lo spedisce all'ospedale: arrestato un uomo

Momenti di tensione quest'oggi intorno all'ora di pranzo nei pressi di un'abitazione in zona Tirassegno, a Fermo.

Vaga per strada ubriaco. Fermato dai Carabinieri, ne aggredisce uno e lo spedisce all'ospedale: arrestato un uomo

Un uomo di nazionalità nigeriana, regolarmente presente sul territorio nazionale e domiciliato in Viale Trento, stava camminando nel quartiere visibilmente in preda ai fumi dell'alcool quando a un certo punto è stato fermato da una pattuglia dei Carabinieri, che gli hanno chiesto spiegazioni del suo comportamento.


L'uomo a quel punto ha reagito picchiando uno dei militari. Gli altri Carabinieri allora hanno provveduto a bloccarlo dichiarandolo in arresto grazie anche al pronto intervento della Polizia.
Sul posto, oltre ai carabinieri, guidati dal Capitano Roland Peluso, e agli uomini del Commissariato di Pubblica Sicurezza, anche i sanitari della Croce Verde di Fermo con un'ambulanza e un'automedica.

Per il pubblico ufficiale aggredito si è reso necessario il trasporto all'ospedale Murri di Fermo: per lui probabile rottura di una gamba.

 

Ubriaco_Tirassegno_2

 

Ubriaco_Tirassegno_3

 

Ubriaco_Tirassegno_4

 

 

Letture:4871
Data pubblicazione : 12/07/2018 14:37
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
5 commenti presenti
  • matteo

    13-07-2018 13:37 - #5
    Stupendi questi sinistroidi....non si smentiscono mai...
  • Gabriele

    13-07-2018 11:01 - #4
    Apprezzo il titolo dell'articolo scelto dalla Redazione: "Arrestato un uomo". Al contrario di tante altre testate che fanno finta di non sapere che scrivendo "arrestato un nigeriano" o " arrestato un rifugiato" poi danno il via a fiumi di commenti razzisti, sentendosi innocenti. Chapeau.
  • NON buonista

    13-07-2018 09:29 - #3
    Non mi sono mai sentito un "buonista" fin da quando - diversi anni fa, più di quelli che vorrei ora, prestai modestamente il mio servizio di leva come Carabiniere ausiliario. Però non mi mi è mai venuto in testa di fare sottili distinzioni tra chi prende a legnate Carabinieri - Agenti di Polizia o della Finanza: mi è sempre sembrato che fossero solo gran figli di...... sia che si autodefinissero "proletari in azione difensiva contro l' azione delle forze repressive del padrone" (Ve le ricordate questo genere di definizioni intellettuali di sinistra dei miei...stivali? O me le ricordo solo io? ) sia che si definissero "Difensori della Civiltà e degli ideali della Destra Occidentale - Italiana - Anticomunisti militanti" e altre bestemmie del genere, sia che fossero falliti e mazzumaglia varia. Chi compie queste azioni va (anzi "dovrebbe essere") spedito in galera senza tanti convegni sociologici sopra. L' ultima cosa al mondo che mi interessa in questo tipo di situazioni è il colore della pelle dell' autore.... che sembra invece essere il primo unico ed assoluto requisito di tante "teste pensanti" odierne. Una volta la prima cosa che interessava in un attentato era il colore politico dell' autore: pistolettata - pestaggio - molotov di destra contro quelli di sinistra, pistolettata - pestaggio - molotov di sinistra contro quelli di destra, grandi discorsi e filosofeggiamenti con sottili distinzioni per spiegare che il valore e significato della cosa erano diversi a seconda di chi li commetteva. Ma chi si era preso la pistolettata - pestaggio o molotov non faceva distinzioni..... la differenza non sta certo nel colore della pelle o nell' italiano più o meno stentato che parli. Non ci vuole molto a capirlo.
  • Lucio

    12-07-2018 17:43 - #2
    Ohhhh....dove sono i perbenisti di questo blog!!!!! I buonisti....ecco il risultato degli extracomunitari....senza fissa dimora...non fanno un c....!!!! Voi che tuonate sentenze...prendetelo a casa vostraaaaaaaaa!!!!!
  • Carlo

    12-07-2018 15:31 - #1
    residente in viale Trento, cioè non è assegnato a un CAS, tipo il Seminario o cooperative varie, o al progetto SPAR, è una persona normale, non un richiedente asilo?
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications