Cronaca
Processo per direttissima per l'aggressore del carabiniere, convalidato l'arresto: per il militare 15 giorni di prognosi

Sono fortunatamente meno gravi di quanto apparse in un primo momento le condizioni del Carabiniere aggredito ieri in zona Tirassegno a Fermo da un uomo di cittadinanza nigeriana in preda ai fumi dell'alcool.

 

Processo per direttissima per l'aggressore del carabiniere, convalidato l'arresto: per il militare 15 giorni di prognosi

Il militare, un appuntato scelto dell'aliquota radiomobile della compagnia di Fermo, ha infatti riportato “un trauma distorsivo al ginocchio destro e un trauma contusivo e distorsivo alla caviglia della stessa gamba”: dimesso nella stessa serata di giovedì dal Murri, la prognosi è di 15 giorni.

Per quanto riguarda l'aggressore, O.M., cittadino nigeriano di 34 anni, era stato ospite presso il Seminario di Fermo fino a circa 5-6 mesi fa. In attesa dell'accettazione della pratica relativa alla richiesta d'asilo, ha tutti i documenti in regola e viveva insieme ad altri cittadini extracomunitari in un'abitazione di Viale Trento.

L'uomo verrà giudicato con rito direttissimo: ieri pomeriggio, nel frattempo, il giudice del Tribunale di Fermo ha convalidato l'arresto eseguito giovedì in flagranza di reato, disponendo la custodia cautelare in carcere.

Il nigeriano è stato quindi portato presso la casa circondariale di Fermo e ora dovrà rispondere delle accuse di resistenza, violenza e lesione a pubblico ufficiale.

A difendere il Carabinieri aggredito l'assessore all'ambiente del Comune di Fermo Alessandro Ciarrocchi nelle sue vesti professionali di avvocato, mentre l'aggressore è difeso da Paola Beleggia.

 

 

Letture:8264
Data pubblicazione : 13/07/2018 12:02
Scritto da : Alessandra Bastarè, Andrea Pedonesi
Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • Paolo

    14-07-2018 18:11 - #2
    Ma sci...che ce freca....se dopo violenta le donne...caca x strada...va in giro nudi...spacca li parabrezza de le macchine...che je' fa'...
  • Carlo

    13-07-2018 15:50 - #1
    Quindi i CAS (per intenderci il Seminario) e i progetti Sprar funzionano... c'è un ministro che vuole tagliargli i fondi... PS è un richiedente asilo, ma fuori dal circuito istituzionale, quindi uno dei tanti che si ubriacano (bianchi, neri, capelloni, pelati, ecc) e poi quando arriva ambulanza o forze dell'ordine perde la testa... non ne facciamo un dramma.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications