Cronaca
Ciao Mario, adesso marcerai sulle praterie del Cielo. Fermo piange il principe dei maratoneti

"Mario Ferracuti, colonna dello sport cittadino, ci ha lasciati stanotte a quasi 92 anni. Rimane, oltre la tristezza, un senso di orgoglio per averlo conosciuto e per aver omaggiato la sua carriera da decano podista e... donatore di vita". 

Queste le parole del post FB del primo cittadino di Fermo Paolo Calcinaro, che annunciano alla Città la scomparsa del podista Mario Ferracuti, soprannominato da molti "Il leone delle Marche" per le sue performances sportive.

 

Le esequie di Mario Ferracuti saranno celebrate domani, Martedì 7 Agosto, alle ore 17 nella Cattedrale di Fermo (Duomo).

 

Ciao Mario, adesso marcerai sulle praterie del Cielo. Fermo piange il principe dei maratoneti

50 anni di corse in giro per l'Italia e per il mondo, circa 3500 gare a partire dal 1970 per un totale stimato di 300.000 km.

Sono questi solo alcuni degli straordinari numeri di una carriera nata sostanzialmente per caso dopo aver combattuto e sconfitto, nei primi anni '60, un tumore alla parotide.

Una carriera che lo ha portato a conquistare innumerevoli medaglie (almeno 700) e a ricevere riconoscimenti fino agli ultimi mesi di vita, l'ultimo dei quali il titolo di Commendatore dell'Ordine "Al merito della Repubblica Italiana", che si somma a quelli di Cavaliere e Grande Ufficiale.  A fine 2017, inoltre, era stato premiato presso la Sala Rollina del Teatro dell'Aquila tra gli sportivi dell'anno in occasione dell'iniziativa "Buon campionato".

“Quando arrivi al traguardo ti senti un gladiatore. Ti senti un uomo libero: conosci tanta gente, italiani e stranieri, godi della natura, anche nella sofferenza, che però per me è un grande godimento”: con queste parole Ferracuti aveva risposto alla domanda su cosa fosse la corsa per lui in una bellissima intervista realizzata da Uberto Frenquellucci a dicembre dello scorso anno.

Ed è proprio questa viscerale passione per la corsa il tratto principale che anche l'Assessore allo Sport Alberto Maria Scarfini ha voluto sottolineare nel suo ricordo di Ferracuti concesso alla nostra redazione: “In una delle tante chiacchierate avute con lui quando mi veniva a trovare in assessorato mi disse quanto la pratica sportiva gli avesse migliorato la vita sotto ogni aspetto – ricorda Scarfini – ed è esattamente questo il messaggio da trasmettere a tutti i nostri giovani che si approcciano ad ogni tipo di attività”.
“Mario era un uomo appassionato, era sempre il primo a proporre idee anche al mio assessorato, voleva parlare, spiegare, condividere le sue emozioni – aggiunge l'assessore -: era indubbiamente una colonna dello sport fermano”.

 

Commendatore_Mario_Ferracuti

 

Mario_Ferracuti_trofei

 

Mario_Ferracuti_arrivo

 

Ferracuti_Calcinaro

 

Le esequie di Mario Ferracuti saranno celebrate domani, Martedì 7 Agosto, alle ore 17 nella Cattedrale di Fermo (Duomo).

Letture:5803
Data pubblicazione : 06/08/2018 09:47
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications