Cronaca
Porto San Giorgio. Carabiniere prende a calci un uomo e il video diventa virale

E' attraverso un video realizzato da un utente di Facebook che il fatto è diventato di dominio pubblico e la notizia, dai social, è iniziata a dilagare.

Porto San Giorgio. Carabiniere prende a calci un uomo e il video diventa virale

Il filmato è stato realizzato questa mattina a Porto San Giorgio, in via Galliano, quando erano circa le 9.25. La persona che ha filmato racconta, sempre dal suo profilo pubblico, di aver sentito delle urla provenire dalla strada. Arrivato al balcone si è trovato davanti la scena. Un Carabiniere in divisa sferra due calci ad un uomo seduto a terra. L'indignazione corre sui social, il video diventa virale, viene condiviso ed inevitabilmente arriva anche agli amministratori sangiorgesi. Lo stesso sindaco, Nicola Loira è intervenuto sulla vicenda: “Da quello che vedo non mi sembra un modo corretto di procedere, tuttavia è un episodio che è accaduto durante un'operazione di controllo del territorio dei Carabinieri, quindi saranno loro a valutare i fatti in maniera compiuta ed eventualmente a prendere provvedimenti". E' certo che il filmato racconta solo una parte di quanto accaduto questa mattina in via Galliano. Un gesto che comunque dovrà essere contestualizzato in una situazione tutta da verificare e chiarire.

 

Il video che documenta i fatti, inizialmente pubblicato da questa testata giornalistica, è stato in seguito rimosso onde evitare facili speculazioni, come già avvenuto via social, in attesa che le autorità competenti ricostruiscano l'accaduto e assumano le proprie decisioni in merito.

 

Letture:9448
Data pubblicazione : 12/09/2018 16:33
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
8 commenti presenti
  • ffrancesco

    14-09-2018 14:34 - #8
    Mauro, non conosco i fatti, ma sicuramente non èstato lo stato per primo a contravvenire le regole , semmai il secondo e non il primo.Io non ho condiviso nulla impara.
  • Mauro

    13-09-2018 19:35 - #7
    Caro FFrancesco, ti meriteresti questa risposta: hanno fatto male a non farlo! Per fortuna leggo commenti assolutamente da me condivisi, io il rispetto lo do a chi rispetta le regole al pari mio. Se lo stato è il primo a contravvenire le regole, come posso fidarmi dello stato?
  • ffrancesco

    13-09-2018 15:59 - #6
    A me i carabinieri non mi hanno mai pestato, a voi i motivi
  • IO

    13-09-2018 13:41 - #5
    Pienamente d' accordo con il commento di Filippo; io il video non l' ho visto e certo non lo cerco, non so quindi cosa sia successo, cosa si siano detti eccetera eccetera. Penso però che chi porta una divisa non possa assolutamente reagire come il primo teppistello da strada che hai la disgrazia di incontrare, piaccia o no. Comportamenti irrispettosi o indegni da parte di uomini delle Forze dell' Ordine non possono essere accettati nè coperti, a loro si rivolge il cittadino medio per chiedere aiuto e contro bulli grandi e piccoli che sono fin troppo diffusi nella nostra società. Nello stesso tempo chi si comporta male combina un guaio più che doppio: si sporca lui stesso e sporca la divisa che porta e ciò che rappresenta. Ce ne sono tanti di quegli uomini che hanno rimesso vita - salute - integrità fisica per rispettare la legge e le forme normali, non possiamo accettare che qualche idiota li svergogni tutti. Nello stesso tempo dovremmo dimostrargli più vicinanza e solidarietà, non accettare che gli insulti che volano allo stadio verso la Polizia facciano parte del normale "tifo acceso" per la squadra...a starsene zitti quando ti beccano in contravvenzione, senza lamentare sempre che è toccata a te e non a quello vicino a te.... e non parliamo di quando le cose finiscono in polemica politica, tanto siamo sempre in campagna elettorale. L' ambiente e la vita del Far West stanno bene solo al cinema, e anche li' non oltre un paio d' ore, dopo stufano.
  • Artù

    13-09-2018 13:34 - #4
    Art. 52 c.p.: “Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio o altrui contro il pericolo attuale di un'offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all'offesa” Non mi sembra che in questo video ci sia proporzionalità! …da condannare!!!!!
  • lucom49

    13-09-2018 08:49 - #3
    condivido Filippo. criticare gli abusi rendera' migliori e quindi piu' credibili le forze dell'ordine.
  • matteo

    13-09-2018 07:57 - #2
    Avrei voluto vedere il cameramen "per caso" realizzare e postare il video di un clandestino mentre spaccia, ruba, vende abusivamente...si sarebbe trovato contro: vaticano, sinistroidi, pd, cgil, magistrati, avvocati, forze dell'ordine, tv, giornali,amici, parenti e sarebbe stato licenziato, privato dei propri averi e libertà.....poi l'ipocrisia delle testate che hanno dato sta notizia a metà...data poi tolta, mezze verità...grande giornalismo...forse avete capito troppo tardi che il vaticano, i sinistoidi, i magistrati, il pd i media non riescono più a "tenere" un popolo che ha capito i vostri giochetti....i traditori del popolo pagheranno (art.52 della costituzione italiana: la difesa della patria è sacro dovere del cittadono)
  • Filippo

    13-09-2018 03:03 - #1
    E' vero che nel video non si vede cosa sia successo prima. E' anche vero, pero', che e' difficile - in realta' a me risulta impossibile - immaginare uno scenario in cui una reazione del genere possa essere giustificata. L'uomo e' a terra, e il carabiniere sembra urlargli "non mi prendere per il culo" o qualcosa del genere. Percio' sembra quasi che i calci siano una sorta di punizione, di vendetta per un atteggiamento della persona a terra giudicato irriguardoso dal carabiniere. Ora, ci sara' qualcuno che dice "ha fatto bene" "cosi' imparano" "gli avra' fatto perdere la pazienza". E' chiaro pero' che queste giustificazioni non tengono. Per prima cosa perche' nessuno di noi e' autorizzato a prendere a calci chi ci fa saltare i nervi: se qualcuno mi offende, anche pesantemente, e io gli metto le mani o i piedi addosso, commetto un reato, quale dipende dalle conseguenze subite dalla vittima. Da un rappresentante delle forze dell'ordine, bisogna poi aspettarsi un comportamento al di sopra di quello del cittadino medio, percio' la perdita di controllo, qualunque ne sia stato il motivo, e' assolutamente ingiustificata ed imperdonabile. L'Italia e' un posto dove, purtroppo, gli episodi di vioenza delle poste dell'ordine restano spesso impuniti. Questo atteggiamento viene spesso spacciato o confuso per una sorta di rispetto per il ruolo di polizia e carabinieri: a mio parere, e' un modo assolutamente sbagliato, inutile e controproducente di affrontare la questione. Stare dalla parte delle forze dell'ordine non significa sostenerne l'impunita' quando commettono reati, specialmente episodi di violenza gratuita come questo. Sostenere le forze dell'ordine significa anche perseguire con fermezza ogni abuso di autorita', perche' ogni volta che episodi del genere vengono insabbiati, le forze dell'ordine perdono di credibilita', almeno agli occhi di quei cittadini che, alla vista del video in questione, non pensano "ha fatto bene, se la sara' cercata!". Io sono uno di quei cittadini, e mi piace pensare che, almeno in questo, faccio parte della maggioranza.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications