Cronaca
Porto San Giorgio. Mendicante aggredisce un anziano. Loira. "Via quella mina vagante dalla nostra città"

"La misura è colma: il delinquente senza fissa dimora di nazionalità rumena che imperversa da anni nella nostra città ha commesso l'ennesimo atto violento. A subirne le conseguenze è stato, oggi pomeriggio (ieri, ndr.) un anziano concittadino. La comunità non ne può più.”

Porto San Giorgio. Mendicante aggredisce un anziano. Loira.

Sono le parole del Sindaco sangiorgese Nicola Loira che interviene sull’aggressione avvenuta ieri nel tardo pomeriggio nella città rivierasca. A quanto sembra da una prima ricostruzione della locale Polizia Municipale, un anziano signore stava passeggiando lungo la Statale Adriatica, quando è stato avvicinato da un mendicante che gli ha chiesto l’elemosina. Non appena l’anziano ha negato di voler dare dei soldi all’uomo, il mendicante lo h aggredito tanto che è stato richiesto l’intervento sul posto dei sanitari del 118.

“Comprendo le difficoltà del sistema giudiziario e quelle legate alla sicurezza che non riescono a dare risposte certe e definitive ma non è possibile che una sola persona tenga in scacco la comunità – continua lo sfogo il primo cittadino. Abbiamo a che fare con una mina vagante, imperversa per le vie del centro molestando e mostrandosi aggressivo soprattutto nei confronti degli anziani.

“Già in una occasione – ricorda Loira - la Polizia di Stato l'ha riaccompagnato nel suo paese di origine ma si è fatto beffa del sistema italiano ed è tornato nuovamente a Porto San Giorgio per continuare a disturbare, a sporcare anche nelle piazze e dove giocano i bambini, lasciando tracce della sua presenza (bottiglie di vetro e quant'altro).”

“Stiamo investendo, come ci viene richiesto, centinaia di migliaia di euro nel sistema di videosorveglianza e non possiamo accettare che questo delinquente la faccia franca. Non è più tollerabile! Lo chiedo formalmente alle Forze dell'ordine e alla Prefettura. Il problema va risolto definitivamente: questa volta non è possibile nascondersi dietro il fatto che l'aggressione subita può essere perseguita soltanto a querela di parte. Pertanto si impone una soluzione radicale” conclude il primo cittadino.

 

Letture:1691
Data pubblicazione : 23/09/2018 11:29
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications