Cronaca
Sciopero all'Ambruosi&Viscardi, la solidarietà dei partiti dell'estrema sinistra ai dipendenti: "I diritti dei lavoratori sacrificati sempre sull'altare del profitto"

"Il Partito della Rifondazione Comunista, il Partito Comunista Italiano e Potere al Popolo esprimono solidarietà ai lavoratori dell'azienda "Ambruosi & Viscardi" che lamentano condizioni di lavoro inaccettabili. Si tratta di una vicenda che mostra ancora una volta come i diritti dei lavoratori, siano essi di origini italiane o straniere, vengano continuamente conculcati per le solite logiche di massimo profitto. Queste logiche, portate avanti dal mondo dell'impresa e della finanza, con il sostegno dei governi italiani e delle istituzioni dell'Unione Europea, sono in aperto contrasto con quella dignità del lavoro e della persona che è un sacrosanto principio costituzionale". Si apre così la nota dei tre partiti della sinistra in riferimento alla situazione all'"Ambruosi&Viscardi" di Sant'Elpidio a Mare, dove venerdì i lavoratori hanno scioperato fin dalle prime luci dell'alba prima di avere un incontro con il Prefetto di Fermo Maria Luisa D'Alessandro.

Sciopero all'Ambruosi&Viscardi, la solidarietà dei partiti dell'estrema sinistra ai dipendenti:

"Di fronte alla protesta di lavoratori, che sono per la maggior parte pakistani ed indiani, non possiamo che riaffermare quanto da anni andiamo ripetendo: di fronte all'imperversare di mali quali la disoccupazione, il precariato e l'impoverimento dei lavoratori, le classi lavoratrici non devono commettere l'errore di dividersi su base etnica, ma devono unirsi in una lotta politica comune contro chi in questi anni ha promosso leggi inique e totalmente appiattite sugli interessi dell'impresa, ha ridotto i servizi pubblici a vantaggio dei privati e ha sperperato miliardi di euro nel settore militare - si legge ancora nella nota -. Non c'è altra via di uscita dalla situazione che stiamo vivendo.
Pertanto riaffermiamo la nostra solidarietà ai lavoratori dell'azienda e al sindacato che ha portato alla luce le loro difficili condizioni".

Commenti dei lettori
2 commenti presenti
  • FERMANO VERO

    08-10-2018 19:15 - #2
    NOI FERMANI VERI SIAMO SEMPRE DALLA PARTE DEI LAVORATI, SEMPRE COMUNISTI. IO VORREI RINGRAZIARE DI MAIO E SALVINI CHE STANNO DISTRUGGENDO IL SISTEMA CAPITALISTICO PER SPIANARE LA STRADA AL NUOVO MONDO COMUNISTA. GRAZIE GIGI GRAZIE MATTEO, TRA POCHI ANNI FINALMENTE SVENTOLERà LA BANDIERA ROSSA SU TUTTA L'ITALIA
  • BRAVI COMPAGNI

    08-10-2018 10:57 - #1
    Giusto compagni! Questo si che è parlare rivoluzionario! Mi permetto di suggerire - a ribadire la utilità di NON dividersi e di rimanere uniti sino alla vittoria finale - che a fare le divisioni- le scissioni - le moltiplicazioni di sigle BASTATE GIA' VOI, COMPAGNI! Non si può pensare a tale tipo di soluzioni se non si hanno alle spalle un "vissuto" politicamente e culturalmente sperimentato ed applicato! Solo voi compagni rivoluzionari avanzati e progressisti-progredienti potete parlare di simili argomenti! Con lo sguardo pienamente ed interamente volto al radioso futuro della vittoria della classe proletaria illuminata dal sole dell' avvenire... non vi siete accorti di una situazione da terzo mondo che si realizzava sotto i vostri stessi occhi, nota e conosciuta in ona e nei dintorni. Ma voi, cari illuminati compagni, dovete guardare al futuro, all' epoca d' oro che verrà, inevitabilmente, senza fallo.... Guardate sempre al futuro, mi raccomando, tanto farete sempre a tempo ad arrivare DOPO LI FOCHI e a dire che voi siete avanti e progrediti.... e che la storia vi darà ragione! Viva Marx, Viva Lenin, Viva Mao ! Viva la f.... Ah no scusate compagni! Mi stava scappando un augurio degno del peggior conservatorismo retro disumanizzante e anti progressista.....
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications