Economia
Unioncamere. "Frena la caduta delle imprese. Ma da gennaio a marzo il bilancio è ancora pesante". Nel Fermano chiudono in 611. LEGGI TUTTI I DATI

Le imprese marchigiane che hanno cessato l’attività nel primo trimestre 2015 sono state 4.397 mentre le nuove aziende sono state 3.003, con un saldo negativo di 1.394 imprese. Nello stesso periodo dell’anno scorso le cessazioni erano state 4.887 e le iscrizioni 3.259, con un saldo negativo di 1.628 imprese. Primato delle Marche tra le regioni italiane per il calo dei fallimenti (da 148 a 108, pari al 26,5 per cento).

Unioncamere.

Il presidente Unioncamere Marche, Graziano Di Battista: “Nel nostro sistema produttivo vi sono segnali di ripresa, come la riduzione dei fallimenti, e si coglie un certo ritorno della fiducia imprenditoriale anche se alcuni settori mostrano ancora un certo affanno. In particolare l’artigianato che perde 618 imprese, soprattutto nell’edilizia e nel manifatturiero”.

In calo, secondo i dati di Unioncamere, le imprese che cessano l’attività ma sono sempre meno anche quelle che nascono. Il risultato è un sistema produttivo che nei primi tre mesi del 2015 perde 1.394 aziende mentre nello stesso periodo dell’anno precedente il calo era stato di 1.628 imprese. Magra consolazione per le Marche, che stentano ancora a lasciarsi alle spalle questa lunga crisi.

Tra gennaio e marzo, secondo i dati Infocamere, presentati dal presidente di Unioncamere Marche Graziano Di Battista, le imprese marchigiane che hanno cessato l’attività sono state 4.397 mentre le nuove aziende sono state 3.003, con un saldo negativo di 1.394 imprese. Nello stesso periodo dell’anno scorso le cessazioni erano state 4.887 e le iscrizioni 3.259, con un saldo negativo di 1.628 imprese.In un contesto di difficoltà, è rimasto praticamente stabile il numero delle cooperative in attività nella nostra regione (da 2.594 a 2.592) mentre un segnale incoraggiante è dato dalle 14 start up innovative che sono state costituite nel primo trimestre dell’anno, in crescita rispetto alle 8 start up nate nello stesso periodo del 2014.

Altro segnale incoraggiante viene dalla diminuzione delle imprese fallite: tra gennaio e marzo sono state 108 mentre nel primo trimestre del 2014 erano state 148 (-40 pari al 26,5 per cento). Nessuna regione ha fatto meglio delle Marche e solo Toscana (-18,1) e Piemonte (-13,8) si avvicinano al dato marchigiano, mentre a livello nazionale i fallimenti calano di appena lo 0,5 per cento.

“I numeri” spiega Di Battista “sembrano pesanti anche se il bilancio è meno negativo di un anno fa. Bisogna anche tener conto del fatto che sono proprio i primi giorni dell’anno quelli dove si concentra gran parte delle imprese che decidono di cessare l’attività. Da sempre i dati del primo trimestre sono negativi e il 2015 non poteva fare eccezione. Ora bisogna vedere se nei prossimi nove mesi si riuscirà a recuperare in modo da riportare in attivo il numero delle imprese marchigiane. Nel nostro sistema produttivo vi sono segnali di ripresa, come la riduzione dei fallimenti, e si coglie un certo ritorno della fiducia imprenditoriale anche se alcuni settori mostrano ancora un certo affanno. In particolare l’artigianato che perde 618 imprese, soprattutto nell’edilizia e nel manifatturiero”. Secondo il Centro Studi Unioncamere Marche, che ha elaborato i dati Movimprese per i principali settori produttivi marchigiani, prosegue la costante riduzione delle imprese agricole (-497) che scendono per la prima volta sotto quota 29 mila, attestandosi a 28.530. Male anche il commercio (-377) e le costruzioni (-373). L’industria manifatturiera marchigiana perde complessivamente 163 aziende, di cui 61 nel calzaturiero, 22 nel mobile e 18 nella metallurgia. Negativi anche i saldi dell’alloggio e ristorazione (-73), dei trasporti (-37), delle attività artistiche (-37) e di quelle finanziarie e assicurative (-27). In aumento le imprese dei servizi alle imprese (+64), le attività immobiliari (+36) e quelle impegnate nei servizi sanitari e sociali (+14) mentre gli altri servizi alla persona perdono 58 aziende. Pesante il bilancio dell’artigianato che registra la scomparsa di 1.394 imprese a fronte di 938 iscrizioni , con un saldo negativo di 618 aziende. Alla fine di marzo le imprese artigiane erano 47.683 su un totale di 172.711 imprese iscritte ai registri delle Camere di commercio marchigiane.

Il sistema produttivo marchigiano cambia anche nella ragione sociale: continuano a diminuire le imprese individuali (-1.363) che sono ormai scese stabilmente sotto la soglia delle 100 mila unità, fermandosi a 98.229. In calo anche le società di persone (-266) mentre prosegue la crescita delle società di capitale (+250) che sono arrivate a 37.120.
Andando sul territorio, il saldo è negativo in tutte le province. A cominciare da Macerata (-440), seguita da Ancona (-299), Pesaro Urbino (-251), Fermo (-249) e Ascoli Piceno (-155).


Le imprese delle Marche nel primo trimestre 2015
iscritte cessate Saldo tot imprese
TOTALE IMPRESE 3.003 4.397 -1.394 172.711
TOTALE ARTIGIANE 938 1.556 -618 47.683

LE IMPRESE ATTIVE NEI PRINCIPALI SETTORI IV trim 2014 I trim 2015 saldo
Agricoltura e pesca 29.027 28.530 -497
Manifatturiero 19.860 19.697 -163
Costruzioni 21.847 21.474 -373
Energia elettrica, gas 467 473 6
acqua e rifiuti 290 288 -2
Commercio 37.289 36.912 -377
Trasporti 4.161 4.124 -37
Alloggio e ristorazione 9.592 9.519 -73
Servizi di informazione e comunicazione 2.672 2.667 -5
Attività finanziarie e assicurative 3.106 3.079 -27
Attività immobiliari 6.754 6.790 36
Attività professionali e di consulenza 4.860 4.864 4
Ricerca personale e altri servizi alle imprese 3.436 3.500 64
Attività artistiche e sportive 2.093 2.056 -37
Sanità e altri servizi sociali 746 760 14
Altri servizi 6.812 6.754 -58

LE IMPRESE PER RAGIONE SOCIALE iscritte cessate Saldo tot imprese
Società di capitale 748 498 250 37.120
Società di persone 295 561 -266 33.474
Imprese individuali 1.913 3.276 -1.363 98.229
Altre forme 47 62 -15 3.888
Totale 3.003 4.397 -1.394 172.711

LE IMPRESE NELLE PROVINCE iscritte cessate Saldo tot. Imprese
ANCONA 834 1.133 -299 46.531
ASCOLI PICENO 419 574 -155 24.474
FERMO 362 611 -249 21.858
MACERATA 694 1.134 -440 38.679
PESARO URBINO 694 945 -251 41.169
MARCHE 3.003 4.397 -1.394 172.711

LE IMPRESE MARCHIGIANE TRA IL 2014 E IL 2025
TRIMESTRE iscritte cessate saldo
1 TRIM 2014 3.259 4.887 -1.628
2 TRIM 2014 2.615 1.757 858
3 TRIM 2014 1.876 1.727 149
4 TRIM 2014 2.188 2.762 -574
TOTALE 2014 9.938 11.133 -1.195
1 TRIM 2015 3.003 4.397 -1.394

IMPRESE COOPERATIVE anno 2014 I trim 2015 Saldo
Numero Imprese 2.594 2.592 2

FELLIMENTI I trim 2014 I trim 2015 saldo
Numero Imprese 148 108 -40

IMPRESE ATTIVE DELL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA - REGIONE MARCHE - 1° TRIMESTRE 2015
SETTORI IVTrim 2014 I Trim 2015 saldo
Industrie alimentari 1670 1.669 -1
Industria delle bevande 81 81 0
Industria del tabacco 0 0 0
Industrie tessili 450 443 -7
Confezione di articoli di abbigliamento 1882 1.875 -7
Fabbricazione di articoli in pelle e simili 4034 3.973 -61
Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero 1146 1.124 -22
Fabbricazione di carta e di prodotti di carta 203 202 -1
Stampa e riproduzione di supporti registrati 519 519 0
Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio 9 9 0
Fabbricazione di prodotti chimici 126 129 3
Fabbricazione di prodotti farmaceutici 6 6 0
Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche 551 550 -1
Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 563 550 -13
Metallurgia 91 90 -1
Fabbricazione di prodotti in metallo 2749 2.731 -18
Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ottica, ecc. 345 339 -6
Fabbricazione di apparecchiature elettriche, ecc. 477 475 -2
Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 810 801 -9
Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 70 68 -2
Fabbricazione di altri mezzi di trasporto 317 317 0
Fabbricazione di mobili 1442 1.436 -6
Altre industrie manifatturiere 1449 1.445 -4
Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine, ecc. 870 865 -5
TOTALE Attività manifatturiere 19.860 19.697 -163

Fallimenti
Procedure aperte nel Var. % 2015/2014
1° trim. 2015
MARCHE 108 -26,50%
TOSCANA 240 -18,10%
PIEMONTE 224 -13,80%
FRIULI-VENEZIA GIULIA 56 -9,70%
PUGLIA 159 -9,10%
LOMBARDIA 752 -6,90%
EMILIA ROMAGNA 249 -6,70%
SICILIA 199 -5,20%
BASILICATA 14 0,00%
TRENTINO ALTO ADIGE 47 2,20%
SARDEGNA 78 2,60%
LIGURIA 79 5,30%
CALABRIA 86 6,20%
CAMPANIA 318 10,40%
ABRUZZO 89 11,30%
VENETO 340 17,20%
LAZIO 455 25,00%
VALLE D'AOSTA 5 25,00%
UMBRIA 75 31,60%
MOLISE 15 50,00%
ITALIA 3.588 -0,50%
Fonte: elaborazioni Centro Studi Unioncamere Marche su dati Infocamere

 

Letture:2330
Data pubblicazione : 06/05/2015 11:51
Scritto da : redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications