Economia
Marche, nel 2015 frena la caduta delle imprese. Positiva la crescita delle spa (+1.247) per un sistema produttivo sempre piu’ strutturato

Marche, nel 2015 frena ma non si ferma la caduta delle imprese. Tra gennaio e dicembre si sono iscritte al registro imprese delle Camere di commercio 9.605 nuove aziende mentre in 10.175 hanno cessato l’attività con la perdita di 570 aziende e di 1.500 posti di lavoro, quasi tutti di lavoratori autonomi e dei loro soci. Nel 2014 era andata peggio: ad aver chiuso i battenti erano state 11.133 imprese contro 9.938 nuove attività con un saldo negativo di 1.195 aziende e di oltre 3 mila posti di lavoro.

Marche, nel 2015 frena la caduta delle imprese. Positiva la crescita delle spa (+1.247) per un sistema produttivo sempre piu’ strutturato

“Dopo due trimestri di crescita” informa il presidente Unioncamere Graziano Di Battista “tra ottobre e dicembre la crisi è tornata a far sentire nuovamente i suoi effetti con quello che auspico essere un ultimo colpo di coda. In tre mesi sono state 2.643 le imprese che si sono cancellate dai registri camerali rispetto a 2.147 nuove iscrizioni. Un segnale comunque positivo è comunque rappresentato dalla continua crescita delle società di capitale (+1.247) tra cui 210 start up innovative. A diminuire sono invece le imprese individuali (-1.310) e le società di persone (-595) mentre a crescere sono anche consorzi e cooperative (+88).”
Ma chi sono i nuovi imprenditori? Secondo l’Unioncamere a fondare una nuova impresa sono stati prevalentemente uomini (71,2%), con un diploma (48,5%) o una laurea (18,6%) in tasca. Il 44,2% ha tra i 36 e i 50 anni, ma un buon 37% ha meno di 35 anni. La maggior parte delle nuove imprese nate quest’anno non ha avuto bisogno di grandi risorse: 3 imprenditori su 4 sono partiti investendo meno di 10 mila euro e sono convinti che nel 2016 aumenteranno il loro giro d’affari.
A subire ancora gli effetti della crisi sono state le imprese artigiane (-927) scese a 43.374 mentre per quanto riguarda i settori, sono proseguite anche nel 2015 le difficoltà in agricoltura (-643) e nelle costruzioni (-629) mentre anche nel manifatturiero le aziende in attività sono diminuite di 222 unità.
Un calo, secondo il Centro Studi di Unioncamere Marche, imputabile soprattutto alle imprese metallifere (-80), al calzaturiero (-55), all’industria del legno (-47). Negativi anche i dati del commercio (-217) e dei trasporti (-78) mentre hanno registrato una forte crescita i servizi alle imprese (+208), le attività immobiliari (+101) ed i servizi di alloggio e ristorazione.
Analizzando i dati territoriali, emerge come il calo più consistente ci sia stato nel maceratese (-206) e nel pesarese (-174). Negativi anche i dati nelle province di Ancona (-120) e di Fermo (-87) mentre ad Ascoli Piceno il bilancio del 2015 è comunque positivo con un aumento di 17 imprese.
“Sono ancora le imprese più piccole e meno strutturate che faticano a ripartire, soprattutto” afferma Di Battista “a causa del persistere di grandi difficoltà nell’accesso al credito. Infatti, pur essendo aumentato nel 2015 del 3,2 per cento il credito erogato al sistema produttivo marchigiano, alle imprese con meno di 20 addetti è andato solo il 20 per cento dei prestiti mentre rappresentano oltre il 98 per cento delle 173.573 imprese delle Marche. Se si vogliono rilanciare gli investimenti nelle piccole imprese, occorre invertire questa tendenza e tornare a finanziarle, anche attraverso i Confidi”.

Letture:2011
Data pubblicazione : 02/02/2016 11:10
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • roberto

    02-02-2016 11:23 - #1
    La scoperta dell'acqua calda, è normale che chi deve chiudere lo fa a fine anno a Dicembre, la crisi è più feroce di prima, ma ci sono le sirene che con il loro canto cercano di addolcire la pillola amara, anzi, mortale. I lavoratori autonomi sono una razza in estinzione, lo si è voluto da quella parte politica che ha puntato il dito sempre contro ed oggi racconta barzellette senza vergogna. Di positivo nei dati non c'è niente e se uno gira per la città c'è da mettersi le mani nei capelli. Basta con le favolette, anche se ci sono ancora i creduloni, ma sempre di meno.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications