Economia
Prestiti online: aumentano le richieste per i contratti a tempo determinato

La necessità di adeguare le richieste degli istituti di credito, in modo da includere le esigenze dei lavoratori nel mercato del credito al consumo

Prestiti online: aumentano le richieste per i contratti a tempo determinato

Secondo una recente analisi del sito I prestiti online ok, sarebbe in forte aumento le richieste di finanziamenti da parte dei lavoratori con contratto a tempo determinato. Nonostante i tanti tentativi degli ultimi governi, di intervenire su questo campo così problematico, ancora oggi milioni di persone lavorano con un contratto di lavoro a tempo determinato. Fin qui niente di anomalo, ma se si osserva da vicino la platea in questione, si evince come non si tratti solo di persone molto giovani, o alle prime esperienze lavorative, ma riguardi persone di tutte le età, anche con molti anni di esperienza alle spalle.

 

Inizialmente, i contratti a tempo determinato furono introdotti per far fronte alle esigenze delle aziende, che necessitavano di un periodo di prova prima di assumere definitivamente il dipendente. In questo periodo veniva garantito all’impresa uno sconto sul costo del lavoro, risarcendo in parte l’apprendimento del lavoratore. Oppure, questi contratti potevano far fronte alle esigenze di quelle aziende, che subiscono dei picchi stagionali di richiesta e devono far fronte ad un incremento della produzione o dei servizi per poco tempo, settimane o mesi.

 

Come molte cose in Italia, la maggioranza delle aziende ha iniziato successivamente ad abusare di questo strumento, arrivando fino ai giorni nostri dove non è inusuale incontrare persone di quarant’anni e più, ancora alle prese con contratti di lavoro a tempo determinato.

 

Il protrarsi di una condizione di instabilità, provoca tutta una serie di danni, sia al diretto interessato, sia all’economia stessa. Una persona che non ha certezze, faticherà a farsi una famiglia, non riuscirà a comprarsi una casa, eviterà di effettuare investimenti rilevanti, preoccupata riguardo all’incertezza del futuro. Inoltre, per queste persone, riuscire ad ottenere un prestito per far fronte a quegli acquisti necessari nella vita, risulta piuttosto difficile, colpa anche di un sistema bancario che non ne tiene conto.

 

PRESTITI PER LAVORATORI A TEMPO DETERMINATO

 

Una delle finanziarie che eroga prestiti anche ai lavoratori con contratto a tempo determinato è Fiditalia, che permette di richiedere un prestito personale il cui rimborso non può superare il doppio del periodo rimanente al proprio contratto di lavoro. La documentazione richiesta riguarda il documento d’identità, il codice fiscale, tre buste paga ed il proprio codice IBAN.

 

Un’altra società che eroga prestiti per lavoratori con contratto di lavoro a tempo determinato è Figenpa, che offre prestiti personalizzati in grado di venire incontro a tutte le esigenze, includendo anche lavoratori con contratti atipici o senza busta paga.

 

Qualora non si riuscisse a trovare una finanziaria in grado di soddisfare le proprie richieste, è sempre possibile rivolgersi ad una piattaforma per i prestiti tra privati, come Smartika o Prestiamoci, che permettono una maggiore elasticità nell’erogazione del prestito, rispetto a banche e finanziarie.

 

In conclusione si può affermare che purtroppo il problema dei contratti di lavoro non a tempo indeterminato, è molto importante e serio, con conseguenze oltre che sulla vita diretta delle persone, sull’intero ciclo economico del paese. Intervenire in tal senso, cercando di adeguare le richieste degli istituti di credito, in modo da includere le esigenze di queste persone nel mercato del credito al consumo, sarebbe un gesto sia di rispetto e giustizia, sia nella direzione di un aiuto concreto all’economia del paese.

Letture:5054
Data pubblicazione : 28/07/2016 15:32
Scritto da : Stefano Schirru
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications